Associazioni

Conferenza “I Templari - Storia e Leggenda”

Domenica 3 luglio, presso l'Auditorium della chiesa di San Luigi

E' stata programmata, nel quadro delle attività culturali dell'Associazione "Obiettivo Trani", dal Centro Studi Templari "San Bernardo di Clairvaux" di Trani e della Società di Storia Patria per la Puglia Sez. di Trani, la conferenza: "I Templari - Storia e Leggenda".Il Relatore è il Prof. Paolo Lopane. L'occasione sarà propizia per la presentazione del Volume, scritto dallo stesso relatore della serata. La Conferenza si terrà il 03 luglio 2005 alle ore 19.30, presso l'Auditorium della Chiesa di San Luigi, Piazza Lambert in Trani. L'introduzione-relazione su "La Genesi degli Ordini Monastico Cavallereschi di Terrasanta" della Conferenza, sarà curata dal Dott. Pietro Vitale, Tenente com. (cdo.) Corpo Militare E.I. Ass. dei Cavalieri Italiani del Sovrano Ordine Militare di Malta.

Il Prof. Lopane e il Dott. Vitale, studiosi e conferenzieri di Ordini Cavallereschi Medievali, non sono nuovi a questo genere di serate. Il Dott. Pietro Vitale, illustrerà ai presenti la nascita e le origini della cavalleria militare medievale in Terrasanta, del Sacro Militare Ord. Costantiniano di San Giorgio e degli Ordini che hanno condotto fino ad un certo punto, la guerra Santa contro l'Islam, terra nella quale Cristo nacque e morì: l'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme (Ospedalieri) di Rodi e Malta, l'Ordine del Tempio (Templari) sterminato dal re di Francia Filippo il Bello e del Papa Clemente V con la falsa accusa d'eresia, l'Ordine Teutonico di Santa Maria di Gerusalemme, fondato in Oriente dai commercianti tedeschi, ancora attivo, ritiratosi poi in convento.

L'Ordine del S. Sepolcro trova, infatti, la sua mitica origine all'epoca di sublime eroismo e di ardentissima Fede, che vide i crociati di Goffredo di Buglione conquistare Gerusalemme e liberare il Sacro Sepolcro di Cristo. Un posto di rilievo spetta senz'altro al Sacro Militare Ordine Costantiniano di S. Giorgio. Una remota leggenda ne attribuisce la istituzione all'Imperatore Costantino il Grande, dopo l'apparizione della Croce ("in hoc Signo vinces"), e la vittoriosa battaglia di Ponte Milvio contro Massenzio (321 d.C.). Ma, aldilà della pia tradizione, la fondazione dell'Ordine va fatta risalire, secondo alcuni storici, all'Imperatore d'Oriente Isacco IV Angelo Comneno, che nel 1190 volle avere anch'egli un Ordine, emulo delle milizie religiose sorte con le Crociate. Sottoposto alla regola di San Basilio, denominato Costantiniano, per affermare la pretensione dei Comneni di discendere dal grande Costantino, l'Ordine fu posto sotto il titolo di San Giorgio, il soldato martire della Cappadocia, protettore della cavalleria.

I frati Gerosolimitani, sotto lo stendardo crociato si batteranno a Damasco;conquisteranno, nel 1153 Ascalona;combatteranno in Egitto: si sacrificheranno alla strenua (difesa di Gerusalemme, che il feroce Saladino si riconquisterà nel 1187; lotteranno ancora in Siria, ad Acri, Tiro e Margat; e con Riccardo Cuor di Leone, a Tripoli, Antiochia, ed in Armenia. A fianco degli ultimi Crociati, i Cavalieri Giovanniti, Temlari , Santo Sepolcro e Teutonici scrivono pagine di grande eroismo.

Raggiunta l'unità nel campo maomettano consente al Sultano d'Egitto, Baibars, nel 1268, di passare all'offensiva, mentre la posizione dei Latini, in Terrasanta, era aggravata. Malgrado l'indomita resistenza dei Cavalieri Crociati, cadono Giaffa e Antiochia. Il Krac dei Cavalieri, Qal'at al-Hisn, la più importante fortezza cristiana, presidiata dai Cavalieri, cede a Baibars il 23 Marzo 1271. Un altro Sultano d'Egitto, Malik al-Asbiraf, alla testa di un poderoso esercito, attacca e vince a San Giovanni d'Acri, nel 1291.

In conclusione cinque pietre miliari segnarono, gli eroismi in Terra Santa: la difesa di Gaza, la battaglia di Tiberiade, il sacrificio di Damietta, l'epopea di Mansourah ed il martirio di Sephet. Dopo la ritirata dei crociati di San Giovanni d'Acri (i templari d'Oriente ripiegarono verso l'Europa; il sogno delle crociate in T. S. era finito. Per l'occasione tutta la cittadinanza è invitata.Cav. d'Ufficio Dott. Pietro Vitale
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.