Pop Corn

Il western pop di Quentin Tarantino

"Django Unchained", una leggenda moderna tra spaghetti e splatter

Epicamente scorretto, a metà strada fra la tradizione italiana dello spaghetti western e la narrazione pop del miglior Tarantino. "Django Unchained" è l'ultima fatica del regista più amato e più odiato del cinema contemporaneo, quel Quentin Tarantino che dallo storico "Pulp Fiction" ci ha viziato col suo gusto per il citazionismo cinefilo, per gli esperimenti visivi e i dialoghi al limite del paradossale. Con questa prova torna ad uno dei suoi primi amori, il western dei grani maestri italiani, e lo rovescia in modo quasi dissacratorio. Eroe moderno come il Siegfried della mitologia tedesca, Django (Jamie Foxx) è uno schiavo nell'America ante guerra civile, che da servo diviene uomo libero e cacciatore di taglie al fianco dell'elegante King Shultz (Christoph Waltz), per compiere la sua vendetta nei confronti del mefistofelico villain Calvin Candy (Leonardo Di Caprio), eccentrico e brutale proprietario di piantagioni del Sud, e liberare sua moglie, la giovane schiava Broomhilda, alle dipendenze di Candy.

Sulle note di Ennio Morricone, Luis Bacalov e del "Dies Irae" di Verdi, il grande maestro di "Kill Bill" riprende la polvere e gli spari del western per creare un mito nuovo, un po' pop e un po' pulp: lo schiavo liberato che con l'arte della drammaturgia si finge negriero per inseguire e liberare il suo unico e grande amore, senza pietà e senza compromessi, osservando la bestialità sanguinaria dello schiavismo di cui egli stesso, insieme a sua moglie, sono vittime. Il suo mentore King Shultz, raffinato cacciatore di taglie dal cuore buono e antischiavista, è il personaggio più tarantiniano del coro: le sue orazioni sono stringenti e convincenti, il suo aplomb è perfetto, la sua recitazione è ricercata, sino alla sua inevitabile sconfitta, vero turning point della trama. Shultz e Django sono due eroi delle parole contro il cattivissimo Candy, potente nella sua ricca materialità, capace di sofisticata eleganza e di sardonica violenza.

Non il miglior Tarantino, né il più originale, ma sicuramente una pellicola che – nonostante l'iperbolica durata di 165 minuti – scorre fluidamente senza pause e senza noie. Con le sue citazioni per veri cinefili e i suoi altissimi momenti di humour quasi caricaturale, "Django Unchained" è una inedita rilettura della storia americana, della lotta tra Vecchio e Nuovo Continente, con chiare e profonde riflessioni sulla realtà socio-politica dei giorni nostri, e sopratutto sul senso della vera libertà: nonostante la forma di favola amara fuori dal tempo, la pellicola di Tarantino nasconde in realtà una critica alla violenza e alla sottomissione umana, sotto la coltre spessa e irrinunciabile di un sarcasmo irriverente e di un epico splatter. Scorretto, ma dannatamente godibile.
Social Video2 minutiDjango Unchaineddaniele mandova
  • Cinema
Altri contenuti a tema
Teatro Impero di Trani, al via la rassegna cinematografica Teatro Impero di Trani, al via la rassegna cinematografica Si comincia oggi con la commedia "L'amour Flou"
Il Re Leone e la dieta degli insetti Il Re Leone e la dieta degli insetti Una nuova pagina della rubrica "Cinema e Scienza" di Giuseppe Labianca
Di che patologie soffrono i protagonisti di "Alla ricerca di Nemo"? Di che patologie soffrono i protagonisti di "Alla ricerca di Nemo"? Una nuova pagina della rubrica "Cinema e Scienza" di Giuseppe Labianca
Dieta ipocalorica? Segui il consiglio dell'orso Baloo Dieta ipocalorica? Segui il consiglio dell'orso Baloo Ce lo insegna il biologo tranese Giuseppe Labianca
Cinema e gastronomia, a Trani la terza tappa  di "Cook your movie" Cinema e gastronomia, a Trani la terza tappa di "Cook your movie" Una serata dedicata alla commedia sexy italiana. Protagonista lo chef Luca Lacalamita
1 Ciak si gira: dal 19 giugno le riprese del film con Sophia Loren Ciak si gira: dal 19 giugno le riprese del film con Sophia Loren A Trani per il nuovo film di Edoardo Ponti "La vita davanti a sé"
2 Il grande cinema a Trani: in città arriva Sophia Loren Il grande cinema a Trani: in città arriva Sophia Loren Presto le riprese che la vedranno protagonista. Il sindaco: «Non ce la siamo fatta sfuggire»
Al Cineporto di Bari debutta "Tempo", con la produzione esecutiva di Trani Film Festival Al Cineporto di Bari debutta "Tempo", con la produzione esecutiva di Trani Film Festival Short film diretto da Beppe Sbrocchi e ispirato al racconto di Sergio D'Angelo
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.