Toni², Tony al quadrato

Il fantaspazio inconcluso

E' un mondo in cui ci sono i personaggi

Questa piccola disserzioncella è dedicata a tuta quella moltitudine di personaggi nati nella mente di un autore, ma mai sfociati nelle pagine di un'edizione. Per stanchezza, per sparizione, per distruzione volontaria o involontaria. E allora mi piace a me, dall'altra sera, da quando solo sul divano stavo elucubrando su questa cosettina, dedicare ad essi una nuova casa, un nuovo territorio, un luogo in cui sapere che è possibile trovarsi.

Il fantaspazio inconcluso è un mondo in cui ci sono i personaggi: quelli iniziati e non finiti, tutti insieme. E' una distesa piatta, immensa, un deserto celeste. Prima specificazione: avete letto bene. Personagg, personagg perché sono personaggi non finiti; alcuni addirittura si chiamano pers, altri solo p (tutto direttamente proporzionale al grado di stesura interrotta, cioè se un personaggio è stato appena cominciato e non oltre elaborato si chiamerà eternamente p).

Se ne stanno tutti abbastanza scontenti e girovaganti, ben sapendo che il loro autore è morto, o è sparito, o si è di lor dimenticato, o è diventato un paladino della lega antifotale (un gruppo di uomini contro ogni immaginazione), o è caduto da un balcone a Venezia e sotto l'acqua si è beccato un relitto sommerso ed è diventato paraplegico. Sta di fatto che si creano, nel fantaspazio inconcluso, una serie di caste: nonnismo da parte dei personagg nei confronti dei p, dei pe, dei per, dei pers (i person già non si motteggian più). Ma, soprattutto, raggruppamenti in ordine al grado di sparizione dell'autore: gli inconclusi per morte certa dell'autore hanno, evidentemente, un tasso di disperazione superiore a quello degli altri, i quali, forse un po' ingenuamente, sperano ancora che l'inventore loro si svegli, e dia loro compiutezza. Ed è probabile che i disperati per morte dell'autore siano personagg, piuttosto che semplici p, poiché è ben strano quell'autore che smetta di scrivere per scelta o per stanchezza a pochi passi dalla fine; così come è probabile che dei semplici per, considerando la loro giovinezza, non suppongano la morte del loro autore ma solo una sua pausa riflessiva (chissà perché sempre pausa di riflessione, come se fosse impossibile riflettere mentre si fa altro: si è mai sentito una continuazione di riflessione, una ripresa di riflessione, un andamento di riflessione?). Perciò se ne stanno buoni, i per, a subir, dai personag, il classista scherno loro: ridendosela però, sotto i baffi della loro maggiore giovinezza, della loro maggiore potenzialità, della loro creduta - pur sempre ingenuamente - recuperabilità.

Fatto sì è che, più o meno alta la soglia della speranza o disperazione, tutti questi gruppi si ritrovano sospesi lì, nella mezz'aria cosmica di un destino aperto, mobili, incessanti di questa loro profonda frustrazione, vivissimi di questa indeterminazione, sveglissimi di questa impossibilità di mettere a dormire il loro senso, smarriti della coscienza di dover vivere, senza stanchezza, la loro in-finità, il loro eterno sguardo perso. E se la stanchezza va a braccetto con la chiarezza, esiste, nell'Inconcluso Fantaspazio, uno steccato minuscolo dove sostano, invisibili e incorporei, figuri ancora più frustrati, ancora più ribollenti della loro invisibilità: finiti, loro, scritti, compiuti, sì: ma distrutti dall'autore; o perduti dagli eventi. Sicché, se la tana da dove non esce fuori la conclusione del proprio senso, nei primi casi, può esser solo la testa di un autore, per questi ultimi, ancor più tragicamente, ciò che li nasconde è una castrazione diretta, comprovata e definitiva, una sorta di bocciatura tanto più terribile quanto più giocata sulla loro completezza, tanto più terribile in quanto controfirmata da una distruzione consapevole, da una consapevole, quasi ostentata volontà di oblio.

Ci tornerò, ma intanto ve li volevo presentare, questi miei nuovi amici: i personaggi mai stati in una libreria.
    La macchina 9 novembre 2011 La macchina
    Telegrafi lontani 2 novembre 2011 Telegrafi lontani
    La smorfia della libertà 23 ottobre 2011 La smorfia della libertà
    Il grande papero 8 ottobre 2011 Il grande papero
    Invisibili sorrisi 1 ottobre 2011 Invisibili sorrisi
    Dalla parte degli altri 24 settembre 2011 Dalla parte degli altri
    Capri espiatori 17 settembre 2011 Capri espiatori
    Amore vero 10 settembre 2011 Amore vero
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.