Zoom

Il futuro della lettura

Presentato l'iPad, una geniale evoluzione del Kindle

Ogni volta che quel genio di Steve Jobs lancia sul mercato un prodotto è sempre immediato successo. Ho avuto il piacere di conoscerlo meglio (non si pensi personalmente) ascoltando ed analizzando il suo speech in occasione della cerimonia annuale per il conferimento delle lauree all'università di Standford. Lodevole ed entusiasmante, oserei dire commovente.

Adesso viene lanciato l'iPad, una geniale evoluzione del Kindle. In questa applicazione finiranno anche tutti i nostri libri, finora in bella mostra nelle librerie del salotto di casa. Non credo che di fronte alla tecnologia e alla sua costante evoluzione avremo tutti lo stesso atteggiamento di Totti (incommentabile come una persona riesca a far soldi, sfoggiando la sua stupidità. Intelligente la Vodafone che l'ha ingaggiato). Tuttavia credo che sarà difficile rinunciare al cartaceo, al sapore di un libro nuovo, alla carta stampata profumata ed alle sottolineature.

L'invito alla lettura di Calvino non conosceva di certo l'I-Pad. Ricordo le sue raccomandazioni. Sosteneva che non fosse bello mandare in giro i propri libri sottolineati e scarabocchiati (perché ognuno coglie ciò che vuole durante la lettura. E ciò, a suo parere, significherebbe svelare in un certo senso la propria intimità). Condivido. Tuttavia grazie all'I-Pad avremo più spazio sui nostri scaffali.

Lì, dove tutto diventa cosi minimalista, anche il libro progressivamente scomparirà nella sua forma classica, molti alberi verranno salvati e tutti gireremo con la cultura sottobraccio. Non so se sia un bene o un male. Sicuramente l'aspettiamo tutti con una certa ansia. Io, per prima, che come sempre riluttante, mi convertirò a questo nuovo modo di concepire il libro e la lettura. Un dubbio però mi assale: le pagine virtuali si scorrono o si sfogliano? Insieme alla tecnologia anche la lingua si evolve.
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.