Zoom

Invictus, quando vale la pena correre al cinema

Un capolavoro, un'occasione per riflettere

Ida Scott Taylor scriveva: «Non importa quanto è stretto il varco, o piena di punizioni la vita, io sono il padrone del mio destino: io sono il padrone della mia anima». Queste frasi rappresentano il fil-rouge che attraversa l'ultimo capolavoro di Clint Eastwood, un pezzo di storia a noi consegnato per farne tesoro e soprattutto per riflettere. Perché, in questa società sempre di corsa, affannata, afflitta, ingiusta, qualcuno (il regista) ha pensato di donarci un film entusiasmante e, in certi tratti da brivido (per i contenuti profondi, s'intende).

Mandela, conosciuto in Sudafrica come Madiba (interpretato in maniera eccellente da Morgan Frieman), è oggi considerato il simbolo della lotta alla libertà, un diritto a molti popoli ancora negato. Imprigionato per ventisette anni, ha pensato di sfruttare tutto questo tempo per accostarsi al mondo dei bianchi: conoscerne la letteratura, le tradizioni e la lingua. Una volta terminata la sua agonia è diventato presidente di 43 milioni di sudafricani, ha duramente lottato per sconfiggere quell'apartheid di cui era stato vittima, nella dignità, nell'animo e nei sentimenti. La coppa del mondo di rugby del 1995 diventò, così, un'ottima occasione per unire la sua gente in un unico, solo, sentimento: l'orgoglio di essere insieme per un unico obiettivo.

Invictus è un capolavoro, un'occasione per riflettere. Si potrebbero scrivere milioni di pagine per commentarlo. È un degno omaggio a Nelson Mandela, un politico che è riuscito a risolvere problemi ben più grandi di quelli attuali, degli scandali sessuali e delle tangenti e mazzette che caratterizzano ogni aspetto della nostra vita. Un uomo che si è battuto per ideali superiori, che faceva di queste frasi la sua Bibbia: «Visto dall'altra parte, questo luogo di rabbia e lacrime appare minaccioso, ma l'orrore delle ombre,così come la minaccia degli anni, non mi trovano, e non mi troveranno, timoroso». Quando vale la pena di correre al cinema.
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.