Nutrizione, alimenti
Nutrizione, alimenti
Salute d'asporto

Amido resistente per ridurre la glicemia

Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca

L'amido resistente rappresenta la parte di amido che resiste al processo di digestione da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue, arrivando integro nell'intestino crasso, dove può essere fermentato da parte del microbiota intestinale. Proprio come le fibre, l'amido resistente favorisce la digestione, presenta un potere saziante maggiore e modula positivamente l'assorbimento dei carboidrati (abbassandone l'indice glicemico) e quello dei lipidi (trattenendone alcuni dall'assorbimento, colesterolo compreso).

Tradizionalmente, l'amido resistente è classificato in cinque gruppi:

Tipo-I: si trova naturalmente in alcuni alimenti, come cereali interali e legumi.
Tipo-II: è contenuto nel mais e nei tuberi crudi, ma anche nelle castagne, o nelle banane non mature.
Tipo-III: si forma a seguito della gelatinizzazione seguita da raffreddamento; è tipico di pane, pasta e riso cotti e poi raffreddati ma anche di cornflakes, fiocchi di avena, biscotti e gallette di cereali, e in generale di tutti i prodotti da forno cotti e poi consumati a temperatura ambiente.
Tipo-IV: amido prodotto da processi industriali per utilizzi di vario genere.
Tipo-V: amido che interagisce con i lipidi formando complessi elicoidali con acidi grassi e alcoli grassi.

Per aumentare questo nutriente occorre partire dalla selezione alimentare, scegliendo gli alimenti che più lo contengono; è noto che alimenti come le patate, riso, pasta, cereali per la colazione e il pane sono caratterizzati da un basso contenuto di amido resistente. Al contrario, legumi cotti e cereali integrali hanno un alto contenuto di amido resistente.

Oltre a questo è possibile andare a consumare i prodotti da forno ed in generale i carboidrati, freddi, in quanto il raffreddamento fa sì che l'amido cristallizzi divenendo inattaccabile da parte degli enzimi digestivi e quindi resistente alla digestione.

Ciò comporta oltre che un minor apporto calorico dell'alimento, anche un più lento aumento glicemico, che si traduce in un minor rilascio di insulina
  • Salute
Altri contenuti a tema
Nutrire il cervello Nutrire il cervello Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Il pasto libero: pro e contro Il pasto libero: pro e contro Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
La Farmacia Turenum aderisce al programma regionale di screening gratuito per la prevenzione dei tumori del colon retto La Farmacia Turenum aderisce al programma regionale di screening gratuito per la prevenzione dei tumori del colon retto Hai tra i 50 e i 70 anni? hai già ricevuto per posta l’invito allo screening? vieni in farmacia e ritira subito il tuo kit per l’analisi
Dieta chetogenica e dieta low carb, le differenze Dieta chetogenica e dieta low carb, le differenze Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Stitichezza, come migliorare la regolarità intestinale Stitichezza, come migliorare la regolarità intestinale Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Reflusso gastroesofageo, regole da seguire Reflusso gastroesofageo, regole da seguire Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Italiani sempre più lontani dalla dieta mediterranea Italiani sempre più lontani dalla dieta mediterranea Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Vitamina D, potenziale ruolo nel trattamento della depressione Vitamina D, potenziale ruolo nel trattamento della depressione Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.