Nutrizione, alimenti
Nutrizione, alimenti
Salute d'asporto

Fegato grasso, dieta e stile di vita

Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca

La steatosi epatica, conosciuta anche come "fegato grasso" è una condizione patologica che prevede un lento e progressivo accumulo di trigliceridi all'interno delle cellule epatiche. È sempre più frequentemente nella popolazione occidentale, infatti in Italia ne soffre il 24% della popolazione tra i 18 e i 65 anni.

La dieta e lo stile di vita sono tra i primi fattori implicati nello sviluppo della malattia, in particolare i fattori di rischio sono il consumo eccessivo di bevande alcoliche, una dieta ricca di grassi (soprattutto animali), l'obesità e le malattie metaboliche.

Il fegato grasso richiede un rapido intervento, in quanto è una condizione che può evolvere in steatoepatite e successivamente può progredire fino alla cirrosi (condizione irreversibile) insieme alle complicanze ad essa correlate, tra cui l'epatocarnoma.

La steatosi epatica non presenta sintomi o disturbi specifici, ma a seguito di una visita specialistica è possibile valutare ecograficamente ed attraverso la palpazione l'entità della steatosi, inoltre grazie all'esame istologico si ha la specificità sulla tipologia di danno epatico.

Nelle steatosi e nella steatoepatite, una corretta dieta è di fondamentale importanza, proprio perché nella maggior parte dei casi la causa è legata ad abitudini alimentari sbagliate.

Innanzitutto se si è in una condizione iniziale di sovrappeso/obesità il primo passo è un lento calo ponderale, attuabile con:
- una diminuzione del contenuto di carboidrati totali, ed in particolare degli zuccheri semplici;
- una diminuzione del contenuto di grassi totali, ed in particolare quelli di origine animale, ed utilizzare l'olio evo a crudo per l'effetto antiossidante;
- preferire fonti proteiche magre ed utilizzare il pesce come proteina preferenziale;
- consumare abbondanti quantità di verdura e legumi, preferendo agrumi, carciofo, cardo mariano e cavolo, per l'effetto depurante sul fegato;
- eliminare bevande alcoliche, succhi di frutta, caffè e bevande zuccherate;
- aumentare l'attività fisica giornaliera.
  • Salute
Altri contenuti a tema
Petto di pollo white striping e rischio per la salute Petto di pollo white striping e rischio per la salute Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
A San Valentino cura il tuo cuore A San Valentino cura il tuo cuore Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
L'Oms a sfavore dei prodotti vegani confezionati L'Oms a sfavore dei prodotti vegani confezionati Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Super size me, il documentario che mostra il male del cibo spazzatura Super size me, il documentario che mostra il male del cibo spazzatura Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Da lunedì apre a Trani lo sportello d'ascolto per i malati di Alzheimer Da lunedì apre a Trani lo sportello d'ascolto per i malati di Alzheimer L'iniziativa si basa sul supporto di professionisti e vuole essere un primo punto di riferimento per l'intero territorio
Un cucchiaino di sale in meno per ridurre la pressione Un cucchiaino di sale in meno per ridurre la pressione Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
La salute dei denti inizia a tavola La salute dei denti inizia a tavola Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Danno da festività, la cronobiologia ci viene in aiuto Danno da festività, la cronobiologia ci viene in aiuto Ce ne parla il dottor Giuseppe Labianca
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.