Obesità
Obesità
Salute d'asporto

Giornata mondiale dell'obesità, in aumento quella infantile

Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca

Pochi giorni fa si è celebrata la Giornata Mondiale dell'Obesità, precisamente il 4 marzo 2024, giornata che tende a sensibilizzare la popolazione nei confronti di una malattia sempre più in espansione.

L'obesità rappresenta una patologia molto seria, che comporta lo sviluppo di altre patologie, soprattutto cardio-metaboliche, come diabete, ipertensione, sindrome metabolica, asma, malattie muscolo-scheletriche, problemi psicologici e sociali. Sono tanti i fattori che giocano un ruolo nell'obesità come lo stile di vita, in particolare la sedentarietà, l'alimentazione, la quantità e la qualità del sonno notturno, ma anche l'assunzione di alcuni farmaci che possono favorire l'appetito e causare un aumento di peso, e il periodo post parto. Molto preoccupanti sono i dati relativi all'obesità infantile, infatti si stima che rispetto ai dati del 2020 nel 2035 i tassi di bambini obesi potrebbero raddoppiare. Secondo l'indagine nazione Okkio alla Salute del 2019 il 20,4% dei bambini sono in sovrappeso mentre gli obesi sono il 9,4% (valori soglia dell'International Obesity Task Force, IOTF); con una leggera superiorità percentuale nei maschi rispetto alle femmine.

Inoltre si ha:
- L'abitudine a non consumare la prima colazione o a consumarla in maniera inadeguata portando ad una merenda abbondante a metà mattina.
- ​Un basso consumo quotidiano di frutta e verdure, i legumi sono consumati meno di una volta a settimana dal 38% dei bambini, mentre quasi il 50% dei bambini consumano snack dolci più di 3 giorni a settimana.

Riguardo la percezione materna dello stato di salute dei propri figli, il 40,3% dei bambini in sovrappeso o obesi è percepito dalla madre come sotto-normopeso; il 59,1% delle madri di bambini fisicamente poco attivi ritiene che il proprio figlio svolga attività fisica adeguata e tra le madri di bambini in sovrappeso o obesi, il 69,9% pensa che la quantità di cibo assunta dal proprio figlio non sia eccessiva.

La quota di bambini che trascorre più di 2 ore al giorno davanti a TV/videogiochi/tablet/cellulare risulta in sensibile aumento rispetto agli anni precedenti (44,5%), mentre ben il 59,1% delle madri di bambini fisicamente poco attivi ritiene invece che il proprio figlio svolga attività fisica adeguata.

I dati riguardanti la fascia pediatrica sono sicuramente i più allarmanti, ma anche tra gli adulti il tasso di obesità è molto alto, inoltre solo 7 su 10 adulti obesi hanno ricevuto il consiglio da un medico/operatore sanitario di perdere peso e solo 5 su 10 di praticare attività fisica
  • Salute
Altri contenuti a tema
Reflusso gastroesofageo, regole da seguire Reflusso gastroesofageo, regole da seguire Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Italiani sempre più lontani dalla dieta mediterranea Italiani sempre più lontani dalla dieta mediterranea Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Vitamina D, potenziale ruolo nel trattamento della depressione Vitamina D, potenziale ruolo nel trattamento della depressione Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Dal 22 aprile la Farmacia Turenum offrirà un supporto personalizzato per la gestione dell’ipertensione arteriosa Dal 22 aprile la Farmacia Turenum offrirà un supporto personalizzato per la gestione dell’ipertensione arteriosa Se sei iperteso puoi prenotare un appuntamento utilizzando il servizio Info&Prenotazioni Whatsapp (370 1122153)
Uova e colesterolo: un nuovo studio smentisce la connessione Uova e colesterolo: un nuovo studio smentisce la connessione Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Cioccolato fondente, super food per intestino e mente Cioccolato fondente, super food per intestino e mente Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Tagli sicuri per ridurre il rischio di soffocamento Tagli sicuri per ridurre il rischio di soffocamento Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Malattie respiratorie, la terapia termale come percorso di cura Malattie respiratorie, la terapia termale come percorso di cura Se ne è parlato a Trani durante il seminario “Pneumology around the clock”
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.