Tribunale di Trani
Tribunale di Trani
Cronaca

Tribunale di Trani: la Asl risarcirerà l'ematologa che perse il lavoro perché incinta

ll contratto di lavoro non fu prorogato a causa della gravidanza

Condanna per la ASL BAT a risarcire un ematologa con la somma corrispondente agli stipendi che avrebbe percepito se il contratto fosse stato prorogato:

E' quanto è stato deciso dalla sezione lavoro del Tribunale di Trani : il giudice Floriana Di Benedetto ha anche stabilito € 3000 di risarcimento di danno morale alla dottoressa per la quale era stato presentato ricorso nel 2019 dalla consigliera regionale di Parità.

I fatti risalgono al 201 quando la ematologa aveva comunicato alla ASL la disponibilità a ricoprire eventuali incarichi di dirigente medico e per questo fu convocata per sottoscrivere un contratto a tempo indeterminato. "È necessario un consulto con la dirigenza medica ", fu la risposta del funzionario amministrativo di fronte all'evidente stato interessante della dottoressa . Il contratto venne poi firmato il 22 marzo con decorrenza dal primo aprile al 30 giugno ma dopo quella data, nonostante la direzione generale a maggio avesse disposto la proroga di automatica di tutti i contratti a tempo determinato con scadenza entro il 31 agosto e avesse stipulato nello stesso reparto di ematologia altre due assunzioni , per la dottoressa non vi fu nessun rinnovo.

Di seguito alcuni stralci della sentenza depositata nei giorni scorsi.

"Alla luce di tutto quanto innanzi argomentato si ritiene che il comportamento della Asl Bt, manifestatosi nelle varie scelte, dalla mancata sottoscrizione in data 4.3.2016 fino alla mancata proroga del novembre 2016 sia stato discriminatorio nei confronti della dottoressa in questione. Non vi è altra spiegazione razionale, se non il suo stato di gravidanza prima e puerperio poi, per la tardiva sottoscrizione del contratto di lavoro e per la omessa proroga del contratto con la ricorrente. La stessa ha fornito prova della lamentata discriminazione».

«Si ritiene che la ricorrente abbia subito un danno innanzi tutto patrimoniale, corrispondente all'importo della retribuzione persa a seguito della mancata proroga del contratto, pari a tre mensilità, considerando che anche i contratti delle colleghe della ricorrente hanno avuto durata massima di sei mesi e che la ricorrente dal primo ottobre è stata assunta dalla Asl Bari".

Riguardo la sussistenza del danno morale, si legge che «il comportamento discriminatorio della Asl Bt, manifestatosi per la prima volta con la mancata sottoscrizione del contratto di lavoro in data 4.3.2016 ha causato sin da subito alla ricorrente, quanto meno sino alla convocazione per il successivo 22.3, un patema d'animo, atteso che l'unico motivo ostativo alla sottoscrizione del contratto era stato proprio il suo stato di gravidanza, peraltro avanzatissimo, considerato che poi la dottoressa ha partorito il 23.3.2016; così come molto probabilmente tale patema d'animo sia stato vissuto alla scadenza del contratto, per l'omessa proroga, quando ormai poteva considerarsi terminato il periodo trimestrale di congedo obbligatorio di maternità post partum."
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Autorità e tanti colleghi e amici al saluto del presidente de Luce Autorità e tanti colleghi e amici al saluto del presidente de Luce La cerimonia si è conclusa con un straordinario concerto del maestro Alessandro Quarta
Giustizia svenduta, annullate condanne primo grado Savasta e Scimè Giustizia svenduta, annullate condanne primo grado Savasta e Scimè Il processo riparte da zero a Potenza
Incidente sulla s.p.per Trani. Si indaga per omicidio stradale e lesioni. E spunta una pistola scacciacani Incidente sulla s.p.per Trani. Si indaga per omicidio stradale e lesioni. E spunta una pistola scacciacani Dopo i rilievi compiuti dalla Polstrada è la volta dei primi interrogatori
"Verità e giustizia per Pamela e il bambino che portava in grembo": la famiglia si oppone all'archiviazione "Verità e giustizia per Pamela e il bambino che portava in grembo": la famiglia si oppone all'archiviazione La trentasettenne alla dodicesima settimana di gravidanza morì all'ospedale di Bisceglie lo scorso 4 maggio
Morte chef Casale, il 14 marzo il Giudice deciderà sulla richiesta di archiviazione Morte chef Casale, il 14 marzo il Giudice deciderà sulla richiesta di archiviazione Papà Felice: «Chi ha manipolato la verità su mio figlio?»
Astensione dalle udienze penali il 14 ottobre nel circondario di Trani Astensione dalle udienze penali il 14 ottobre nel circondario di Trani La nota di solidarietà e la decisione della Camera Penale “Giustina Rocca” di Trani
1 Neonate scambiate in culla, arriva maxi risarcimento da un milione Neonate scambiate in culla, arriva maxi risarcimento da un milione Lo stabilisce una sentenza del Tribunale di Trani
Difesa d’Ufficio, al via il corso biennale di formazione dell’Ordine degli Avvocati di Trani Difesa d’Ufficio, al via il corso biennale di formazione dell’Ordine degli Avvocati di Trani ll ciclo di incontri co-organizzati con la Camera Penale per l’iscrizione all’Albo nazionale
© 2001-2023 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.