Politica

“Un milione di euro per meno lavoro e più rifiuti”

Rifondazione comunista sulla gestione della differenziata

Pubblichiamo un comunicato di rifondazione comunista: « Un milione di euro per meno lavoro e più rifiuti. Questo potrebbe essere lo slogan di Amiu e amministrazione di centro destra per il loro progetto di "raccolta differenziata". Nel mese di febbraio l'AMIU annunciava di aver investito un milione di euro per la raccolta differenziata e il sindaco Tarantini esaltava questa scelta. Però nessuno spiegava in che cosa consisteva questo cambiamento e come venivano spesi questi soldi, finché la presenza dei responsabili dell'Amiu, ad un' incontro di agenda 21 è stato risolutore dell'enigma.

Un milione di euro per fare cosa?

Questo milione di euro è servito per comprare dei cassonetti dei rifiuti del doppio di grandezza rispetto a quegli attuali(da 1100litri si passa a 2400litri) , acquistare dei camion adatti al loro svuotamento che invece di utilizzare tre lavoratori ne utilizzano uno solo e infine si è deciso di aumentare il numero di contenitori stradali della raccolta differenziata. Questa è la soluzione proposta da Amiu e enfatizzata dalla nostra amministrazione comunale. Come è nostra abitudine abbiamo provato a cercare dei documenti che illustrassero i risultati di questa strategia. In un recente studio di Federambiente ( l'associazione delle aziende di gestione dei rifiuti) è scritto chiaramente che nei comuni dove si è passati "ad un modello di raccolta incentrato sull'uso di contenitori di grande dimensione (2400, 3200 litri) ad uso collettivo la produzione di Rifiuti Urbani è cresciuta in modo consistente proprio in coincidenza con la diffusione di questo tipo di contenitori" e che questo aumento di produzione di rifiuti può dipendere dal fatto che questa variazione della modalità di raccolta "agevola e favorisce il conferimento di rifiuti speciali di origine industriale non assimilati a gli urbani o impropri". Inoltre sempre da uno studio di Federambiente emerge che il mantenimento dei cassonetti stradali generalmente non permette il raggiungimento del 35% di raccolta differenziata oltre peggiorare il decoro urbano per l'abbandono dei rifiuti accanto ai cassonetti (fonte: Federambiente "gestione integrata dei rifiuti urbani: analisi comparata dei sistemi di raccolta" Roma 2003). Noi speriamo che il nostro sindaco, il nostro assessore all'ambiente e super esperto in gestione dei rifiuti assessore e i dirigenti dell'AMIU forniscano dei chiarimenti ai cittadini. Se questo è il modello migliore allora non avranno nessun problema ad inserire nella carta di servizi Amiu-Comune un tempo ragionevole ( max 2 anni) per il raggiungimento dei limiti imposti dal decreto Ronchi e indicare chi pagherà se non si raggiungono i limiti di legge e se si avrà un aumento di produzione di rifiuti dovuto a questa nuova modalità di raccolta. Infine ci sembra che la scelta di aumentare i cassonetti della raccolta differenziata e la decisione di spendere decine di migliaia di euro per la comunicazione siano solo la costruzione di un alibi alla mancanza di una progetto serio, il fumo da vendere alla città o peggio il modo per poi scaricare sui cittadini o sulla mancanza di controlli le proprie responsabilità nel non raggiungimento degli obiettivi imposti dalla legge sulla gestione dei rifiuti.»Rifondazione Comunista Trani
  • Rifiuti
  • Raccolta differenziata
Altri contenuti a tema
3 Raccolta differenziata, accolte le richieste degli esercenti per migliorare il servizio Raccolta differenziata, accolte le richieste degli esercenti per migliorare il servizio Nei giorni scorsi il tavolo tecnico tra Amministrazione, associazioni di categoria e Amiu
Porta a porta, rimossi i cassonetti stradali in diverse vie di Trani Porta a porta, rimossi i cassonetti stradali in diverse vie di Trani Si tratta di aree che rientrano nella zona interessata dalla partenza del nuovo sistema di raccolta
Stop all'autonomia differenziata Stop all'autonomia differenziata Lettera in redazione della consigliera Barresi (Italia in Comune)
Raccolta differenziata per utenze non domestiche, l'avvio tra dubbi e interrogativi Raccolta differenziata per utenze non domestiche, l'avvio tra dubbi e interrogativi Le associazioni di categoria richiedono un incontro tecnico con sindaco e Amiu
Raccolta differenziata, da lunedì al via il "porta a porta" per le utenze non domestiche food Raccolta differenziata, da lunedì al via il "porta a porta" per le utenze non domestiche food Conclusa la consegna di attrezzature e del materiale informativo
Mega impianto di percolato, Ferrante contro Grandaliano: «Lo facesse a casa sua» Mega impianto di percolato, Ferrante contro Grandaliano: «Lo facesse a casa sua» Il presidente del Consiglio comunale: «Chi di dovere lo sollevasse dal suo incarico»
1 Raccolta differenziata, Trani Sociale si fa portavoce dei disagi dei commercianti Raccolta differenziata, Trani Sociale si fa portavoce dei disagi dei commercianti «Alla presentazione in Comune scarsa presenza dei veri interessati e tanti personaggi inutili»
Differenziata, ai prossimi incontri le associazioni di categoria chiedono la presenza di Asl, Polizia e Nas Differenziata, ai prossimi incontri le associazioni di categoria chiedono la presenza di Asl, Polizia e Nas La richiesta dopo la scoperta di discrasie tra il progetto e gli obblighi di legge di carattere igienico sanitario
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.