Raffaele Casale
Raffaele Casale
Cronaca

Cinque anni dalla morte di Raffaele Casale, il papà: «I responsabili ci hanno condannato a vivere nel dubbio»

Il 16 agosto 2017 il giovane chef perse la vita in via Martiri di Palermo

«Un altro anno è passato e sono cinque anni che ti è stata rubata la vita e i responsabili con le loro bugie ci hanno condannato a vivere nel dubbio e nell'angoscia di chi non potrà mai rassegnarsi senza darti giustizia»: sono queste le parole di Felice Casale, padre di Raffaele, il giovane chef morto il 16 agosto 2017, a Trani, a causa di un incidente stradale in via Martiri di Palermo.

Cinque anni sono passati da quella terribile notte quando il 28enne perse il controllo della moto finendo contro un palo della luce. Raffaele Casale era chef del ristorante Le Lampare di Trani ed era stato allievo del famoso Antonino Cannavacciuolo.

Pochi giorni dopo la morte di Raffaele il pm della Procura di Trani, Donato Alessandro Pesce, dispose una perizia affinché fosse accertata la dinamica dello schianto. Dalle valutazioni fatte dall'ingegnere incaricato, sia sulla base delle tracce rimaste sull'asfalto che dei rilievi fotografici eseguiti dalla polizia dopo l'incidente, non emersero nuovi elementi rispetto a quanto non fosse stato già menzionato nei verbali redatti dal Commissariato di Polizia.

Secondo papà Felice, però, a contribuire allo sbandamento del mezzo sarebbero state le precarie condizioni di quel tratto di strada caratterizzato da scarsa illuminazione e asfalto ricoperto da aghi di pino e sabbia. A ciò si aggiunsero le testimonianze discordanti dei testimoni.

Le ultime novità sull'inchiesta giudiziaria tuttora in corso risalgono al 28 dicembre scorso quando il Giudice per le indagini preliminari decise di riaprire le indagini, rigettando la richiesta di archiviazione presentata dal Pubblico Ministero. In particolare, il pm Lucia Anna Altamura, esaminati gli atti del procedimento penale, richiese nuove perizie sulla moto guidata dalla vittima la sera del tragico incidente e sull'auto della donna, unica indagata, presente la notte dell'incidente.

La famiglia Casale ancora oggi attende di chiarire una volta per tutte le cause esatte della morte del giovane, a fronte di testimonianze sempre discordanti tra loro, lungaggini burocratiche e una macchina giudiziaria troppo lenta.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
L’Avvocatura tranese plaude la neo Presidente della Consulta Silvana Sciarra L’Avvocatura tranese plaude la neo Presidente della Consulta Silvana Sciarra Orgogliosi dell’elezione della giurista tranese alla guida della Corte Costituzionale
La tranese Silvana Sciarra eletta Presidente della Corte Costituzionale La tranese Silvana Sciarra eletta Presidente della Corte Costituzionale Succede a Giuliano Amato; al suo attivo molte vittorie nella strada della emancipazione femminile
Truffa aggravata e  peculato tra le ipotesi di reato per un  Sostituto Commissario già in servizio a Trani Truffa aggravata e peculato tra le ipotesi di reato per un Sostituto Commissario già in servizio a Trani Gravi indizi di colpevolezza a suo carico; aveva prestato servizio nella sezione polizia giudiziaria della Procura della Repubblica fino al 2020
Prosegue con grande successo di pubblico la mostra  al Polo Museale "Macchine ad Arte" Prosegue con grande successo di pubblico la mostra al Polo Museale "Macchine ad Arte" La società e la modernità declinate da grandi artisti sulle macchine per scrivere sarà visitabile fino al 22 maggio
Torna in libertà l'ex pm Antonio Savasta: la Corte d'Appello di Lecce dispone per lui solo interdizione dai pubblici uffici Torna in libertà l'ex pm Antonio Savasta: la Corte d'Appello di Lecce dispone per lui solo interdizione dai pubblici uffici Il prossimo 31 maggio la decisione sul trasferimento del processo a Potenza
Giustizia, ex Gip Nardi: «Io arrestato, innocente trattato come ai tempi della Santa Inquisizione» Giustizia, ex Gip Nardi: «Io arrestato, innocente trattato come ai tempi della Santa Inquisizione» Le dichiarazioni rilasciate all'Adnkronos dopo che la Corte d'appello di Lecce ha dichiarato la propria incompetenza territoriale, trasmettendo gli atti alla Procura di Potenza
2 "Giustizia svenduta": tutto da rifare, si ripartirà da Potenza "Giustizia svenduta": tutto da rifare, si ripartirà da Potenza Annullate le condanne di primo grado per Michele Nardi e l'ex ispettore del Commissariato di Corato Vincenzo Di Chiaro
Concluso incidente probatorio nell'inchiesta Co.Be.Ma per inquinamento ambientale e omessa bonifica Concluso incidente probatorio nell'inchiesta Co.Be.Ma per inquinamento ambientale e omessa bonifica L'esame del perito ha confermato che la discarica di rifiuti speciali ha causato un diffuso fenomeno di inquinamento
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.