Raffaele Casale
Raffaele Casale
Cronaca

Cinque anni dalla morte di Raffaele Casale, il papà: «I responsabili ci hanno condannato a vivere nel dubbio»

Il 16 agosto 2017 il giovane chef perse la vita in via Martiri di Palermo

«Un altro anno è passato e sono cinque anni che ti è stata rubata la vita e i responsabili con le loro bugie ci hanno condannato a vivere nel dubbio e nell'angoscia di chi non potrà mai rassegnarsi senza darti giustizia»: sono queste le parole di Felice Casale, padre di Raffaele, il giovane chef morto il 16 agosto 2017, a Trani, a causa di un incidente stradale in via Martiri di Palermo.

Cinque anni sono passati da quella terribile notte quando il 28enne perse il controllo della moto finendo contro un palo della luce. Raffaele Casale era chef del ristorante Le Lampare di Trani ed era stato allievo del famoso Antonino Cannavacciuolo.

Pochi giorni dopo la morte di Raffaele il pm della Procura di Trani, Donato Alessandro Pesce, dispose una perizia affinché fosse accertata la dinamica dello schianto. Dalle valutazioni fatte dall'ingegnere incaricato, sia sulla base delle tracce rimaste sull'asfalto che dei rilievi fotografici eseguiti dalla polizia dopo l'incidente, non emersero nuovi elementi rispetto a quanto non fosse stato già menzionato nei verbali redatti dal Commissariato di Polizia.

Secondo papà Felice, però, a contribuire allo sbandamento del mezzo sarebbero state le precarie condizioni di quel tratto di strada caratterizzato da scarsa illuminazione e asfalto ricoperto da aghi di pino e sabbia. A ciò si aggiunsero le testimonianze discordanti dei testimoni.

Le ultime novità sull'inchiesta giudiziaria tuttora in corso risalgono al 28 dicembre scorso quando il Giudice per le indagini preliminari decise di riaprire le indagini, rigettando la richiesta di archiviazione presentata dal Pubblico Ministero. In particolare, il pm Lucia Anna Altamura, esaminati gli atti del procedimento penale, richiese nuove perizie sulla moto guidata dalla vittima la sera del tragico incidente e sull'auto della donna, unica indagata, presente la notte dell'incidente.

La famiglia Casale ancora oggi attende di chiarire una volta per tutte le cause esatte della morte del giovane, a fronte di testimonianze sempre discordanti tra loro, lungaggini burocratiche e una macchina giudiziaria troppo lenta.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Inaugurata la nuova sede dell'Archivio del Tribunale in via Sant'Annibale Maria di Francia Inaugurata la nuova sede dell'Archivio del Tribunale in via Sant'Annibale Maria di Francia Ritorna fruibile anche Palazzo Candido dopo gli interventi di restauro
"Sistema Trani" nuova udienza il 15 dicembre prossimo "Sistema Trani" nuova udienza il 15 dicembre prossimo In quella data è attesa la requisitoria del Pm
A Trani il ricordo dell'onorevole Renato Dell'Andro a cento anni dalla nascita A Trani il ricordo dell'onorevole Renato Dell'Andro a cento anni dalla nascita L'iniziativa della Camera Penale di Trani, con il patrocinio dell'Università di Bari e del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Trani
Doppio rinvio a giudizio per l'ex pm della Procura di Trani Michele Ruggiero Doppio rinvio a giudizio per l'ex pm della Procura di Trani Michele Ruggiero Il provvedimento del Gup di Lecce, Giulia Proto
Citazione a giudizio per Danilo Quarto (United Sly Trani) dopo la denuncia di 170 tifosi Citazione a giudizio per Danilo Quarto (United Sly Trani) dopo la denuncia di 170 tifosi A suo carico il reato di appropriazione indebita reiterata
Inchiesta Raffaele Casale, la famiglia si oppone all'archiviazione Inchiesta Raffaele Casale, la famiglia si oppone all'archiviazione Papà Felice: «Oggi si ricomincia daccapo, chi darà giustizia a mio figlio?»
L’Avvocatura tranese plaude la neo Presidente della Consulta Silvana Sciarra L’Avvocatura tranese plaude la neo Presidente della Consulta Silvana Sciarra Orgogliosi dell’elezione della giurista tranese alla guida della Corte Costituzionale
La tranese Silvana Sciarra eletta Presidente della Corte Costituzionale La tranese Silvana Sciarra eletta Presidente della Corte Costituzionale Succede a Giuliano Amato; al suo attivo molte vittorie nella strada della emancipazione femminile
© 2001-2023 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.