Tribunale di Trani
Tribunale di Trani
Cronaca

Truffa aggravata e peculato tra le ipotesi di reato per un Sostituto Commissario già in servizio a Trani

Gravi indizi di colpevolezza a suo carico; aveva prestato servizio nella sezione polizia giudiziaria della Procura della Repubblica fino al 2020

Questa mattina i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari, unitamente a personale della Squadra Mobile della Questura di Barletta Andria Trani, hanno dato esecuzione a un'ordinanza applicativa di una misura cautelare interdittiva - emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Trani, su richiesta di questa Procura della Repubblica - nella quale sono stati riconosciuti gravi indizi di colpevolezza (accertamento compiuto nella fase delle indagini preliminari che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa) a carico di un Sostituto Commissario della Polizia di Stato, in servizio presso l'aliquota P.S. della sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Trani fino all'estate del 2020, indagato per le ipotesi di reato di peculato, truffa aggravata, falso ideologico, abusiva attività finanziaria, nonché di rivelazione di notizie coperte dal segreto d'ufficio.

L'esecuzione del provvedimento cautelare consegue ad un'articolata attività di indagine svolta dal Gruppo Tutela Spesa Pubblica del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari - su delega di questa Procura della Repubblica - attraverso l'incrocio dei dati risultanti dalle intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche, dai tabulati telefonici, dalle escussioni di persone informate sui fatti, dalla documentazione sottoposta a sequestro a seguito delle perquisizioni locali eseguite, nonché dall'attività dinamica di osservazione, controllo e pedinamento.

Secondo l'ipotesi investigativa condivisa dal G.I.P. presso il Tribunale di Trani, allo stato (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa), le attività contestate riguardano presunte condotte appropriative poste in essere dal predetto indagato, la comunicazione a terzi di informazioni apprese in ragione delle funzioni svolte, il prestito non autorizzato di somme di denaro.

Dalle indagini è emerso, in particolare, che lo stesso, avendo in ragione del suo ufficio il possesso e la disponibilità di risorse economiche destinate alla gestione del monte ore delle prestazioni di servizio in regime di straordinario, si sarebbe appropriato indebitamente di emolumenti e avrebbe attestato nelle proprie scritture di servizio, contrariamente al vero, l'effettuazione di prestazioni di servizio straordinarie ed assistite da specifiche indennità.

Sempre secondo l'ipotesi accusatoria, il medesimo indagato avrebbe concesso ad almeno 5 soggetti prestiti personali a titolo gratuito - in assenza delle autorizzazioni previste dalla normativa vigente – finalizzati all'acquisto di beni immobili provenienti da procedure esecutive immobiliari del Tribunale di Trani. Infine, il destinatario della misura interdittiva avrebbe ottenuto e rivelato notizie coperte dal segreto d'ufficio anche al fine di valutare la solvibilità dei soggetti destinatari dei finanziamenti abusivamente concessi.

Gli esiti della presente attività di indagine costituiscono un'ulteriore testimonianza del costante presidio esercitato dalla Procura della Repubblica di Trani, in stretta sinergia con il Nucleo P.E.F. Bari, per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione in grado di inficiare la corretta gestione delle risorse pubbliche e la fiducia dell'opinione pubblica nei confronti delle Istituzioni.

Grazie al contributo della Polizia di Stato è stato possibile acquisire importanti elementi conoscitivi. La stessa Amministrazione ha poi disposto in breve tempo l'allontanamento del Sostituto Commissario dalla sezione di Polizia Giudiziaria su richiesta del Procuratore della Repubblica.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Prosegue con grande successo di pubblico la mostra  al Polo Museale "Macchine ad Arte" Prosegue con grande successo di pubblico la mostra al Polo Museale "Macchine ad Arte" La società e la modernità declinate da grandi artisti sulle macchine per scrivere sarà visitabile fino al 22 maggio
Torna in libertà l'ex pm Antonio Savasta: la Corte d'Appello di Lecce dispone per lui solo interdizione dai pubblici uffici Torna in libertà l'ex pm Antonio Savasta: la Corte d'Appello di Lecce dispone per lui solo interdizione dai pubblici uffici Il prossimo 31 maggio la decisione sul trasferimento del processo a Potenza
Giustizia, ex Gip Nardi: «Io arrestato, innocente trattato come ai tempi della Santa Inquisizione» Giustizia, ex Gip Nardi: «Io arrestato, innocente trattato come ai tempi della Santa Inquisizione» Le dichiarazioni rilasciate all'Adnkronos dopo che la Corte d'appello di Lecce ha dichiarato la propria incompetenza territoriale, trasmettendo gli atti alla Procura di Potenza
2 "Giustizia svenduta": tutto da rifare, si ripartirà da Potenza "Giustizia svenduta": tutto da rifare, si ripartirà da Potenza Annullate le condanne di primo grado per Michele Nardi e l'ex ispettore del Commissariato di Corato Vincenzo Di Chiaro
Concluso incidente probatorio nell'inchiesta Co.Be.Ma per inquinamento ambientale e omessa bonifica Concluso incidente probatorio nell'inchiesta Co.Be.Ma per inquinamento ambientale e omessa bonifica L'esame del perito ha confermato che la discarica di rifiuti speciali ha causato un diffuso fenomeno di inquinamento
Gravi maltrattamenti in famiglia: ordinanza del Gip di Trani per un andriese Gravi maltrattamenti in famiglia: ordinanza del Gip di Trani per un andriese La situazione è stata scoperta nei giorni scorsi dai poliziotti della Squadra Mobile
Dottorato in teologia pastorale della comunicazione per don Domenico Bruno Dottorato in teologia pastorale della comunicazione per don Domenico Bruno Il vicario parrocchiale dello "Spirito Santo" ieri ha discusso la tesi presso la Pontificia Università Lateranense
1 Contro gli annunci fraudolenti on line una sentenza innovativa dal tribunale di Trani Contro gli annunci fraudolenti on line una sentenza innovativa dal tribunale di Trani Una nuova prospettiva a tutela del consumatore per ottenere risarcimenti
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.