Dimagrire
Dimagrire
Salute d'asporto

Diete proteiche per perdere peso più in fretta: giusto o sbagliato?

Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca

Il termine dieta iperproteica (o semplicemente proteica) viene utilizzato per indicare un regime alimentare prevalentemente composto da fonti proteiche, che forniscono un tasso di proteine maggiore rispetto alla quota di carboidrati e grassi.

Molto diffuse per scopi dimagranti ne riconosciamo alcune come la dieta Dukan, Atkins etc., particolarmente commercializzate e diffuse soprattutto per via del fatto di eliminare il problema della grammatura e di offrire al consumatore una modalità più sbrigativa nella preparazione della dieta. Il conseguente taglio calorico, dovuto all'esclusione del carboidrato, comporta una deplezione dei depositi di glicogeno (glucosio presente a livello muscolare), una diminuzione dei livelli di acqua intracellulare ed un rapido calo di peso inziale che aumenta il gradimento del trattamento. Dopo un primo periodo di calo peso e di aumento della motivazione personale, si avverte un rallentamento della perdita e, in alcuni casi addirittura una ripresa di kg, con notevoli variazioni metaboliche nel tempo.

Questo è uno dei primi motivi per i quali non è possibile seguire un regime proteico in maniera autonoma e soprattutto duratura. Inoltre possono esserci altri motivi per i quali è sconsigliato un regime proteico in maniera autonoma e prolungata: l'aumento delle scorie azotate inducono un maggior lavoro renale ed epatico, che nel tempo può portare ad interessamenti clinici di questi due organi, oltre che influiscono sulla pressione e sui parametri metabolici.

L'esclusione di carboidrati può provocare una carenza di diverse sostanze, quali micronutrienti (vitamine, minerali) e fibre, contenute negli alimenti ricchi di carboidrati complessi (legumi, frutta, verdura) esclusi dalla dieta, ridurre i depositi di glucosio (glicogeno) del fegato, utilizzati per mantenere un normale livello di glucosio nel sangue, causare episodi di chetoacidosi per l'eccessivo accumulo di corpi chetonici nel sangue creando scompensi dannosi per l'organismo

Secondo le linee guida di una corretta alimentazione, elaborate dalla Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU), in un'alimentazione sana e bilanciata la percentuale di proteine deve aggirarsi intorno al 12-15% delle chilocalorie introdotte ogni giorno con il cibo. Il restante apporto dovrebbe derivare per lo più dai carboidrati (45-60%) e in secondo luogo dai grassi (25-35%).
  • Alimentazione
Altri contenuti a tema
Contrasto agli sprechi alimentari: una "rete locale" per il recupero in favore delle persone che vivono in condizioni di povertà Contrasto agli sprechi alimentari: una "rete locale" per il recupero in favore delle persone che vivono in condizioni di povertà Avviso pubblico dell'Ambito territoriale Trani-Bisceglie
Cosa mangiare in vacanza? Mini guida nutrizionale per l'estate Cosa mangiare in vacanza? Mini guida nutrizionale per l'estate Come non perdere i progressi e mantenere il peso
Kcal e macronutrienti, i conti che non tornano Kcal e macronutrienti, i conti che non tornano Come le Kcal non bastano per perdere peso
1 Quanti pasti al giorno fai? Quanti se ne dovrebbero fare? Quanti pasti al giorno fai? Quanti se ne dovrebbero fare? Ce lo spiega il dottor Giuseppe Labianca
Il digiuno intermittente Il digiuno intermittente Una nuova pagina di Salute d'asporto del biologo Labianca
Nutrizione e fermentazione Nutrizione e fermentazione Una nuova pagina della rubrica "Salute d'asporto" del biologo Labianca
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.