Ramadam
Ramadam
Salute d'asporto

Digiuno intermittente e ramadan

Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca

Il Digiuno Intermittente, o Intermittent Fasting (IF), è definito come la parziale o totale restrizione calorica su 1-3 giorni a settimana, o una completa restrizione energetica per un determinato periodo di tempo durante le 24h. Generalmente prevede un ciclo minimo di 12h, e una durata complessiva fino a 2 settimane.

A livello biochimico poche ore dopo l'inizio del digiuno si osserva un abbassamento del glucosio nel sangue, un abbassamento dell'insulina e aumento del glucagone e dell'ormone della crescita promuovendo glicogenolisi, gluconeogenesi e riducendo la glicogenesi. Questi ultimi ormoni permettono alla glicemia di rimanere stabile.
Il digiuno durante il mese di Ramadan è un obbligo religioso praticato da milioni di musulmani in tutto il mondo, oltre che un modello dietetico unico legato al tempo. Durante il Ramadan, tutti i musulmani sani, ad eccezione delle donne in gravidanza, in allattamento o mestruali, digiunano durante il giorno e possono mangiare e bere solo dal tramonto all'alba. I musulmani godono di un'atmosfera festosa al tramonto e consumano grandi quantità di cibo e bevande in un pasto ipercalorico con carboidrati.
Negli ultimi 2 decenni sono stati condotti numerosi studi per valutare l'impatto di questa pratica religiosa sulla salute. È stato scoperto che il digiuno del Ramadan porta a cambiamenti nello stato metabolico tra cui concentrazioni di glucosio nel sangue, profili lipidici e peso corporeo. Tuttavia, i risultati di questi studi sono stati variabili, principalmente a causa delle differenze nelle abitudini alimentari, sesso, età ed etnia. Una recente meta-analisi sistematica condotta da Kul et al. nel 2014 ha utilizzato 30 studi di coorte per rispondere alla domanda che interessa milioni di musulmani: "Il digiuno del Ramadan altera il peso corporeo, i profili lipidici e il glucosio a digiuno in popolazioni sane?".
I risultati principali furono che dopo il digiuno del Ramadan, le concentrazioni di colesterolo LDL e glicemia a digiuno erano diminuite rispetto alle concentrazioni prima del Ramadan. Nel sottogruppo di donne, il peso corporeo, il colesterolo totale e le concentrazioni di Trigliceridi sono rimasti invariati, mentre le concentrazioni di colesterolo HDL sono state aumentate. Negli uomini, il digiuno del Ramadan ha provocato la perdita di peso e una sostanziale riduzione delle concentrazioni di colesterolo totale e LDL e una piccola diminuzione delle concentrazioni di Trigliceridi.

Ci sono forti evidenze che dimostrano come sia Ramadan, che Digiuno Intermittente, promuovano l'abilità del corpo di utilizzare i grassi, e, se durante gli stessi viene svolto esercizio fisico, questo adattamento è amplificato.
Riassumendo i benefici del Digiuno Intermittente e del Ramadan:
  • miglioramento del quadro lipidico
  • controllo glicemico
  • ridotta insulina circolante
  • ridotta pressione sanguigna
  • ridotti marker infiammatori
  • ridotta massa grassa
  • miglior stato d'animo
  • maggior capacità di ossidazione dei grassi.
  • Alimentazione
Altri contenuti a tema
L’importanza di una corretta alimentazione nella Terza Età, a Trani un incontro promosso da UniTre L’importanza di una corretta alimentazione nella Terza Età, a Trani un incontro promosso da UniTre Si svolgerà il 17 novembre nella biblioteca comunale
Menopausa, come contrastare l'aumento di peso con lo stile di vita Menopausa, come contrastare l'aumento di peso con lo stile di vita Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Latte di kefir, tanti benefici e facile preparazione Latte di kefir, tanti benefici e facile preparazione Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Divella: «Mai mentito ai consumatori, faremo causa a chi ci diffama con fake news» Divella: «Mai mentito ai consumatori, faremo causa a chi ci diffama con fake news» Le dichiarazioni di Domenico Divella, membro CDA dell'azienda di Rutigliano: «L'onestà che è alla base del lavoro»
Diete proteiche per perdere peso più in fretta: giusto o sbagliato? Diete proteiche per perdere peso più in fretta: giusto o sbagliato? Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Contrasto agli sprechi alimentari: una "rete locale" per il recupero in favore delle persone che vivono in condizioni di povertà Contrasto agli sprechi alimentari: una "rete locale" per il recupero in favore delle persone che vivono in condizioni di povertà Avviso pubblico dell'Ambito territoriale Trani-Bisceglie
Cosa mangiare in vacanza? Mini guida nutrizionale per l'estate Cosa mangiare in vacanza? Mini guida nutrizionale per l'estate Come non perdere i progressi e mantenere il peso
Kcal e macronutrienti, i conti che non tornano Kcal e macronutrienti, i conti che non tornano Come le Kcal non bastano per perdere peso
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.