Coronavirus
Coronavirus
Cronaca

Anche Trani diventa zona rossa: ma cosa si può e cosa non si può fare?

Ecco il vademecum dei comportamenti da seguire fino al 3 aprile

La nostra città è in zona rossa. Ma cosa si può e cosa non si può fare?

È la domanda che tutti ci siamo posti non appena il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha annunciato in conferenza stampa da Palazzo Chigi di applicare le norme imposte a gran parte del Nord Italia anche al resto della Nazione per prevenire la diffusione del Coronavirus.

DA QUANDO A QUANDO LA NOSTRA CITTÀ SARÀ ZONA ROSSA?
Da martedì 10 marzo 2020 a venerdì 03 aprile 2020. Ogni eventuale futura disposizione verrà comunicata ufficialmente solo per mezzo dei canali di comunicazione ufficiali della Presidenza del Consiglio dei Ministri oppure dei Ministeri o di altro organo della Pubblica Amministrazione.
Ogni altra disposizione diversa e futura, infatti, dovrà obbligatoriamente essere presa per mezzo di un provvedimento, pubblicato poi sulla Gazzetta Ufficiale per far sì che diventi esecutivo.

Una precisazione: la raccomandazione massima è quella di restare in casa fino al 3 aprile. Di seguito vi proponiamo un piccolo vademecum esemplificativo ma, lo ripetiamo, è meglio restare a casa.

POSSO MUOVERMI NEL TERRITORIO DEL MIO COMUNE?
È da evitare ogni spostamento perché è necessario restare a casa. Ad esempio è possibile uscire per fare spesa osservando all'interno del supermercato la distanza di almeno 1 metro dall'altra persona, evitando assembramenti. Subito dopo la spesa occorre tornare a casa ed è preferibile che ad uscire sia solo una persona: se si ha influenza, raffreddore, malesseri anche di stagione è opportuno rimanere a casa. Non a caso il decreto passerà alla storia come "Io resto a casa".

POSSO MUOVERMI AL DI FUORI DEL MIO COMUNE?
Chiunque dovrà spostarsi da un Comune all'altro dovrà avere una giustificazione e presentare una autocertificazione per il controllo nella quale per legge si deve dichiarare la verità: se dai controlli dovesse emergere che si è dichiarato il falso i problemi diventano seri con la giustizia.

Lo spostamento di un soggetto dal Comune di residenza a un altro, indipendentemente dal mezzo usato (non è importante che sia pubblico o privato cioè non è importante che ci si muova con la propria auto o quella di un famigliare oppure con un treno, un bus ecc..) potrà avvenire solo per tre ragioni: lavoro, necessità (assistere un parente anziano, ad esempio), salute ovvero per curarsi. Lo ripetiamo: queste tre ragioni devono essere comprovate.

SUPERMERCATI E FARMACIE SARANNO APERTI?
Assolutamente si. Come anche le parafarmacie. Queste sono attività che saranno regolarmente aperte e nelle quali bisognerà accedere evitando assembramenti e distanza interpersonale di almeno 1 metro all'interno.

DEVO SCAPPARE A FARE LA SPESA?
No. L'afflusso e la circolazione delle merci sul territorio nazionale sarà garantito regoalrmente. Non serve ammassarsi, correre a fare rifornimenti!

POSSO ANDARE IN UN BAR O IN UN RISTORANTE?
Si ma tali attività dovranno essere aperte dalle ore 06 fino alle ore 18 garantendo il rispetto delle misura interpersonale di almeno 1 metro ed evitare l'assemblamento all'interno.

POSSO ANDARE AL CENTRO COMMERCIALE?
Si, dal lunedì al venerdì quando il centro commerciale può essere aperto solo se garantisce la distanza di 1 metro almeno tra persone e ogni misura per vietare l'assemblamento. No nel weekend perché la legge prevede la chiusura.

POSSO ANDARE AL CINEMA O IN TEATRO O IN UN MUSEO?
No, queste attività sono sospese.

POSSO ANDARE IN UNA SALA GIOCHI?
No, anche questa attività è sospesa.

POSSO ANDARE IN PALESTRA O IN PISCINA O IN UN CENTRO BENESSERE O ALLE TERME O IN UN IMPIANTO SCIISTICO O IN DISCOTECA?
No, anche queste attività sono sospese.

POSSO ANDARE IN UNA ALTRA QUALSIASI ATTIVITÀ COMMERCIALE?
Si, perché possono essere aperte a condizione che il gestore garantisca la distanza tra persone di almeno 1 metro l'assembramento della gente.

POSSO ANDARE IN CHIESA?
Le chiese sono aperte per la preghiera personale ma è preferibile evitare. Niente Messe sia la domenica sia durante la settimana aperte ai fedeli né Messe per celebrare qualsivoglia sacramento o un funerale. In questo ultimo caso le salme saranno benedette al cimitero prima della sepoltura.

NIENTE SCUOLA FINO AL 3 APRILE
Ogni attività didattica è sospesa, indipendentemente dall'ordine e del grado.

POSSO PRENDERE I MEZZI PUBBLICI?
Non c'è nessun divieto ma occorre evitare se possibile o, se indispensabile, sempre tenersi a distanza di almeno 1 metro dall'altro viaggiatore ed evitare mezzi affollati: ogni assemblamento, infatti, è vietato. "Per i trasporti non è all'ordine del giorno una limitazione dei trasporti pubblici, per garantire la continuità del sistema produttivo e consentire alle persone di andare a lavorare", ha precisato Giuseppe Conte.

POSSO ANDARE IN UN LUOGO ALL'APERTO?
È vietato ogni assembramento.

POSSO FARE SPORT?
A casa. Ogni competizione agonistica inoltre è sospesa.

POSSO ANDARE IN POSTA?
Il servizio sarà assicurato ma è preferibile effettuare, ove possibile, ogni pagamento via web, anche se di natura bancaria. In caso contrario per Poste Italiane è possibile usare il servizio di prenotazione del ticket tramite l'apposita app.

POSSO ANDARE IN COMUNE?
L'accesso alle sedi comunali è regolamentato in appositi orari e modalità, diffuse attraverso il sito istituzionale.

POSSO PASSARE UNA SERATA A CASA DI AMICI?
La risposta è no. È preferibile restare a casa.

CI SARANNO CONTROLLI?
Si, sia per controllare che vengano rispettate le misure preventive negli esercizi sia per controllare chi esce e chi entra nei Comuni.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Emergenza sanitaria, in Puglia 52 nuovi ventilatori e oltre 180mila mascherine Emergenza sanitaria, in Puglia 52 nuovi ventilatori e oltre 180mila mascherine Consegnati dalla Protezione civile nazionale con voli della Guardia di Finanza
Bonus spesa, fra prime tensioni ed un equivoco da chiarire Bonus spesa, fra prime tensioni ed un equivoco da chiarire Nostra inchiesta sulle esigenze della città e la risposta delle istituzioni. E sul fitto casa vi diciamo che...
Cannillo e Pomarico oggi ospiti in diretta sul network Viva Cannillo e Pomarico oggi ospiti in diretta sul network Viva Approfondimento sulla ripartenza dopo il Coronavirus: orizzonti, progetti, speranze
1 Coronavirus, nella Bat registrati 35 nuovi casi Coronavirus, nella Bat registrati 35 nuovi casi In Puglia 2634 contagiati
Mascherine protettive "animate", l'iniziativa delle tranesi Daniela Forte e Raffaella Papagno Mascherine protettive "animate", l'iniziativa delle tranesi Daniela Forte e Raffaella Papagno L'appello: «Cercasi azienda che le produca per avviare una raccolta fondi»
1 Contagi in Rsa e case di cura, la Cgil Bat scrive al Prefetto Contagi in Rsa e case di cura, la Cgil Bat scrive al Prefetto Biagio D’Alberto: «Subito tamponi a tutti i pazienti ed agli operatori»
Coronavirus, per il bollettino nessun nuovo contagiato nella Bat ma scoppia il "caso Minervino" Coronavirus, per il bollettino nessun nuovo contagiato nella Bat ma scoppia il "caso Minervino" In Puglia il numero dei positivi sale a 2.514
1 Coronavirus, la solidarietà a Trani ha il sapore del mare Coronavirus, la solidarietà a Trani ha il sapore del mare E l'associazione Orizzonti ha distribuito 15 quintali di patate
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.