Scuola e Lavoro

Referendum termovalorizzatore, Amet chiede «un’informazione corretta e oggettiva»

Intervento del presidente Alfonso Mangione

«Rispettiamo la decisione del Consiglio comunale, ma restiamo profondamente convinti che la realizzazione dell'impianto sia una grande opportunità per la nostra città, sia in termini economici che di sana e razionale gestione dello smaltimento dei rifiuti». E' il commento di Alfonso Mangione, presidente di Amet, sull'ammissione, da parte della massima assise cittadina, del quesito referendario sul termovalorizzatore, la cui realizzazione sarà curata da un'Associazione temporanea di imprese costituita dalla stessa Amet e dalla società Noy Vallesina di Dalmine (Bg).Saranno i cittadini a decidere se Trani, in futuro, dovrà smaltire i rifiuti della città e quelli provenienti dagli altri Comuni del bacino attraverso il termovalorizzatore oppure nell'attuale discarica comunale. «Noi su questo tema abbiamo condotto uno studio approfondito – aggiunge Mangione – e siamo certi che le discariche non siano la soluzione ideale e comunque non quella definitiva. Piuttosto un impianto di termovalorizzazione permette la soluzione del problema una volta per tutte e al tempo stesso ci consente di recuperare energia che viene attualmente prodotta attraverso il petrolio e i combustibili fossili, non certamente una fonte pulita e rinnovabile. Per arrivare a questo obiettivo chiaramente ci siamo posti l'obiettivo di scegliere un partner adeguato e abbiamo individuato un'azienda che attualmente è quella che assicura il minimo impatto ambientale possibile, con un impianto che produce emissioni decisamente al di sotto dei limiti previsti dalla legge. Questa è una garanzia per i cittadini di Trani, la stessa garanzia che la discarica, inevitabilmente, non potrà mai offrire. Ad ogni modo riteniamo sia giusto che i tranesi abbiamo la possibilità di esprimersi al riguardo, ma chiediamo soltanto che venga fornita loro un'informazione corretta e oggettiva, anche attraverso il comitato tecnico-scientifico costituito dal sindaco, che è un organo voluto dall'amministrazione non solo per vigilare sul funzionamento dell'impianto, ma soprattutto per verificare la qualità del progetto».
  • Termovalorizzatore
Altri contenuti a tema
«Caro Riserbato, perché vorrebbe farci ammalare di cancro?» «Caro Riserbato, perché vorrebbe farci ammalare di cancro?» Nunzio Di Lauro, delegato Aisa, scrive al sindaco di Trani
Negrogno nel paese delle "stranezze" Negrogno nel paese delle "stranezze" Il responsabile Sel attacca l'amministrazione su gestione discarica e proposta di termovalorizzatore
Termovalorizzatore, Tar Lazio condanna la Regione Termovalorizzatore, Tar Lazio condanna la Regione Risarcimento di 3 milioni di euro per Amet e Noy Vallesina
Rifiuti, no inceneritori con la raccolta porta a porta Rifiuti, no inceneritori con la raccolta porta a porta Il candidato sindaco Gigi Riserbato ha incontrato Legambiente
Ferrante: «Noi e Legambiente la pensiamo allo stesso modo» Ferrante: «Noi e Legambiente la pensiamo allo stesso modo» Il candidato sindaco del Pd auspica un incontro pubblico
Rifiuti del Salento a Trani, l’articolo della discordia Per completezza di informazione ecco l’articolo che ha aperto il valzer di interventi
Rifiuti pericolosi nel termovalorizzatore di Colleferro Operazione dei Carabinieri del NOE. Si riaccende il dibattito a Trani?
Termovalorizzatore a Trani, De Toma: «Avevamo ragione noi» Intervento dell'Assessore all'urbanistica
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.