Termovalorizzatore di Rovato
Termovalorizzatore di Rovato
Cronaca

Termovalorizzatore, Tar Lazio condanna la Regione

Risarcimento di 3 milioni di euro per Amet e Noy Vallesina. In allegato la sentenza del tribunale amministrativo regionale

Il Tar del Lazio si è pronunciato sul caso della mancata realizzazione del termovalorizzatore a Trani condannando la Regione Puglia al pagamento di 2 milioni e 900 mila euro nei confronti della società mista Rea (l'associazione temporanea d'impresa formata da Amet Trani e Noy Vallesina di Dalmine).

L'impianto doveva realizzarsi nel 2004 a Trani dopo l'aggiudicazione della relativa gara regionale. Su quel provvedimento di affidamento però non fu mai stata apposta la firma da parte dell'allora commissario delegato all'emergenza rifiuti, Raffaele Fitto. Il suo successore, Nichi Vendola, non condividendo la scelta, modificò il piano e revocò le concessioni in fatto di termovalorizzatori, salvo poi ripensarci alcuni anni dopo dando la possibilità di costruire degli impianti ad altre società.

Di seguito in pdf, la sentenza.
La storia della paventata realizzazione a Trani di un impianto di termovalorizzazione ha origine nel dicembre del 2003, quando l'allora commissario delegato per l'emergenza ambientale in Puglia e presidente della Regione, Raffaele Fitto, decise di indire una gara d'appalto che prevedeva la realizzazione di tre termovalorizzatori in Puglia, uno dei quali nel bacino Bari 1. Il 26 novembre del 2004, la gara per l'aggiudicazione della costruzione del termovalorizzatore nel bacino Bari 1 fu vinta dalla società Rea di Trani, un'associazione temporanea di imprese a maggioranza pubblica con una partecipazione al 51% dell'Amet di Trani. La previsione dell'investimento era di circa 97 milioni di euro, di cui solo 5 sotto forma di cofinanziamento regionale ed il resto a carico della società aggiudicataria composta, oltre che da Amet, anche dalla Noy Vallesina di Dalmine. Il Consiglio comunale, qualche giorno dopo, approvò la delibera di localizzazione dell'impianto nel territorio di Trani ma a dicembre del 2005, il nuovo commissario delegato per l'emergenza rifiuti, Nichi Vendola, con l'adozione dell'atto di aggiornamento, completamento e modifica del piano regionale di gestione dei rifiuti espresse la contrarietà della nuova gestione commissariale alla realizzazione di termovalorizzatori sul territorio pugliese. E così nel giugno del 2006, la Regione revocò l'aggiudicazione della gara per la costruzione del termovalorizzatore di Trani contro cui erano state raccolte anche 3000 firme di semplici cittadini che ne chiedevano un referendum.
  • Termovalorizzatore
  • Amet
Altri contenuti a tema
Ausiliari del traffico e Cecilia Di Lernia: è 8 in pagella Ausiliari del traffico e Cecilia Di Lernia: è 8 in pagella I voti della settimana di Giovanni Ronco
Amet, il punto di vista della Cgil di Trani sullo stato e le prospettive dell'azienda Amet, il punto di vista della Cgil di Trani sullo stato e le prospettive dell'azienda «Assistiamo basiti ad un’evoluzione che non promette niente di buono»
Amet di Trani, Filctem Bat: «Nuovo Cda e Comune cosa intendono fare della municipalizzata?» Amet di Trani, Filctem Bat: «Nuovo Cda e Comune cosa intendono fare della municipalizzata?» Il sindacato interroga l'Amministrazione dopo la chiusura di bilancio in passivo
Amet, i sindacati proclamano lo stato di agitazione dei lavoratori e puntano il dito contro il Comune di Trani Amet, i sindacati proclamano lo stato di agitazione dei lavoratori e puntano il dito contro il Comune di Trani «Anche l'Ente contribuisce ad affossare l’azienda in quanto non paga i servizi erogati dalla società»
Amet, Fratelli d'Italia: «Chi ha sbagliato ne paghi le conseguenze» Amet, Fratelli d'Italia: «Chi ha sbagliato ne paghi le conseguenze» Il direttivo commenta il bilancio in passivo della società evidenziando errori e responsabilità politiche
Mariangela Caputo, Chiara Civello, Amet e lungomare: le pagelle Mariangela Caputo, Chiara Civello, Amet e lungomare: le pagelle Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
Amet chiude il bilancio in passivo, Italia in Comune, Fronte Democratico e Trani Decide puntano il dito contro il sindaco Amet chiude il bilancio in passivo, Italia in Comune, Fronte Democratico e Trani Decide puntano il dito contro il sindaco «È l'artefice di questo disastro e finalmente si è autodenunciato»
1 Amet, l'azienda chiude con un un passivo di circa 1 milione. Bottaro: «Gravi e perduranti inadempienze» Amet, l'azienda chiude con un un passivo di circa 1 milione. Bottaro: «Gravi e perduranti inadempienze» Il sindaco: «Situazione non più tollerabile e richiede azioni forti ed incisive oltre che immediate»
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.