Avviso di chiamata

E il faraone Peppino li pietrificò

Avviso di chiamata per Di Marzio (e Pina Chiarello)

Alla fine deve averli fissati col suo sguardo a metà strada tra il faraone onnipotente e l'enigmatica Sfinge, pietrificandoli senza pietà. Da Pinuccio, ai tre Saggi del Mercante in Fiera, ai tre cavalieri della Tavola Tarlata, che s'erano illusi di correre per le simil-primarie, come le borse dei cinesi in simil-pelle. Sul tavolino della politica tranese si siede con autorità e con l'aria di chi l'ha sempre saputo: questa candidatura s'ha da fare. Certo Peppino Ramses Di Marzio è stato il politico che meno ha parlato in questi mesi. Il politico che come già anticipato in questa rubrica, si avvicinava silenziosamente, in perfetto stile Prima Repubblica, all'obiettivo della candidatura solitaria, che ora passerà dalla strettoia delle Primarie. In verità la strettoia è un'illusione ottica per noi spettatori, poiché quella candidatura s'ha da fare e si farà. Certo uno con lo sguardo da sfinge e faraone, almeno in questa rubrica, non può essere chiamato Peppino; uno che pietrifica i nemici, per ora interni, e che avanza sicuro verso la preda, deve farsi chiamare in altro modo; magari Giuseppe II, visto l'obiettivo di diventare sindaco per la seconda volta. Mi sembra più adatto.

Questo politico viene da lontano: divenne primo cittadino quando quest'ultimo veniva eletto direttamente dai consiglieri comunali (sembra roba della preistoria e invece non sono passati nemmeno trent'anni); come già scritto recentemente, l'ultimo pietrificato tra quelli che politicamente hanno incrociato il suo sguardo è stato proprio il prossimo competitor di Giuseppe DM alle simil-primarie della destra: quel Riserbato consigliere più suffragato alle ultime elezioni, aspettava l'investitura a presidente del Consiglio comunale tranese. Invece quella poltrona fu assegnata al Ramses tranese. Piccoli segnali di potere effettivo e avvolgente. Come quelle anaconda spietate, insomma. Certo, l'ultima esperienza come assessore ai lavori pubblici della provincia in simil pelle, anzi proprio in acrilico, non ha lasciato grandi segni. Questo anche per l'assoluto immobilismo ed inutilità della stessa, con un ruolo tranese già da tempo molto sottodimensionato e dal quale non hanno certo beneficiato i politici tranesi stessi coinvolti nell'azione di governo. Il grande cavallo di battaglia di Giuseppe DM assessore, l'allargamento della provinciale Andria Trani, pur con tutta la buona volontà dimostrata e gli impegni e le dichiarazioni alla stampa, è sempre lì, pericolosa e fatale. Certo ci sono state le resistenze baresi ( su passaggi di consegne territoriali) e la burocrazia e i problemi sugli espropri, ma, ad oggi, pur con le ultime rassicuranti notizie sul futuro allargamento, la fatal stradaccia è ancora lì, così com'è da quarant'anni.

Ora, intorno alla figura di Giuseppe DM dovrà nascere un dibattito serio nel PDL, o in quello che ne rimane: come si concilia questa candidatura, al di là delle simil-Primarie, con le dichiarazioni pro Riserbato, solo di qualche mese fa, sparate da noti esponenti del PDL, consiglieri compresi? Come nella sinistra è nata una spaccatura tra generazioni, gruppi e partiti discendente dal dissidio Ferrante e Operamolla, potrebbe nascerne una nella destra, indipendentemente dall'esito delle primarie. Perché prima delle primarie conta il cittadino, poi comunque, nelle stanze del potere, i politici se ne strafottono del parere popolare e fanno di testa loro. Il voto vero, quello di maggio, sarà inficiato da queste divisioni: insomma le truppe dell'eventuale sconfitto, ipotizzo, giocheranno sporco e voteranno per altri e non per il vincitore delle primarie, indebolendo comunque la loro parte. Anche a sinistra mi rifiuto di pensare che in un eventuale ballottaggio che veda protagonista Nonno Ugo, gli accaniti seguaci di Fabri Sfibra vadano a votare per lui (se ne staranno a casa a chattare) e viceversa, con Fabri eventualmente in finale, i supportes di Ugo O. se ne staranno a casa in pantofole a guardarsi la tv. Buona fortuna Trani, e buonanotte.
Avviso di chiamata lampo per l'assessore Pina Chiarello, che mi ha fatto uno "squillo" sul forum. Visto da destra Pinuccio T. risulta essere un politico gigantesco, ma all'esterno la percezione è differente, anche perché il Nostro è rimasto orfano prematuramente del suo mentore, Pinuccio Tatarella, che lo avrebbe guidato diversamente e fatto crescere. La destra e la sinistra sono perfettamente uguali: lo dimostrano le spaccature, le gelosie, i rancori, l'accaparramento del potere e la filosofia del "tengo famiglia", con sistemazione di se stessi, dei parenti e ciambellani, con un bel calcio nel sedere agli altri che s'illudono di partecipare, ma in verità contano come il due di picche. Anche il governo di Pinuccio sul piano della partecipazione popolare ha fatto pochissimo. Il rischio di oligarchia nel governo effettivo della cosa pubblica è sempre più concreto. I forum, Facebook, i siti, le chat, sono strumenti belli, utili e affascinanti, ma chi va nella stanza dei bottoni fa, disfa, si fa i cavoli propri e coltiva sempre qua e là, all'occorrenza, qualche piccolo o grande conflitto d'interessi. E' l'Italia, bellezza; e Trani non fa eccezione.
  • Pina Chiarello
  • Giuseppe Di Marzio
  • Amministrative 2012
  • Pdl
Altri contenuti a tema
Sistema Trani, la Procura chiede di processare 19 persone Sistema Trani, la Procura chiede di processare 19 persone Caduta l'accusa di associazione a delinquere per l'ex sindaco Riserbato
Sistema Trani, tornano tutti in libertà tranne Damascelli Sistema Trani, tornano tutti in libertà tranne Damascelli Liberi l'ex sindaco Riserbato, Peppino Di Marzio, Maurizio Musci e Antonello Ruggiero
Tre mesi e mezzo alle elezioni e tutto tace Tre mesi e mezzo alle elezioni e tutto tace Unica indiscrezione le Primarie del centrosinistra fissate il primo marzo
Caso discarica, le reazioni di Tarantini e Chiarello Caso discarica, le reazioni di Tarantini e Chiarello Alla notizia, differenti reazioni da parte dei membri della passata amministrazione
Niente dimissioni, il centrodestra ha deciso di continuare Niente dimissioni, il centrodestra ha deciso di continuare Questo l'esito della riunione di maggioranza, si attende il 19 gennaio
"Sistema Trani", dal Riesame tutti ai domiciliari i tre in carcere "Sistema Trani", dal Riesame tutti ai domiciliari i tre in carcere Regge l'accusa del Pm, nulla di fatto per il sindaco Riserbato
"Sistema Trani", finita l'udienza al Riesame di Bari "Sistema Trani", finita l'udienza al Riesame di Bari Le decisioni potrebbero arrivare in tarda serata o slittare a domani
"Sistema Trani", Musci e Di Marzio sotto torchio in queste ore "Sistema Trani", Musci e Di Marzio sotto torchio in queste ore Conclusi gli interrogatori per i 4 indagati a rischio interdizione
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.