Chiaro e Tondo

Buchi che bruciano

Chiaro e Tondo 94

Non se ne esce. Avevamo già detto da tempo che il problema più grande della nostra amministrazione era il rapporto col..buco. Buco finanziario, buco stradale, buco per debiti. Tante parole, tanti spot, per poi, quasi un paio di volte l'anno, sentirsi ronzare le orecchie per le dolenti note sui buchi economici ed un migliaio di volte per le imprecazioni dei villani e dei cives, derivanti dalla "botta" da buco stradale. Come una ragade purulenta, come un'emorroide dispettosa che di tanto in tanto riaffiora, continua questo rapporto doloroso tra l'amministrazione ed il buco economico. In questo finale d'estate la stilettata del momento stavolta è arrivata dalla Corte dei Conti che esprime "dubbi" e aridalle ora con un altro autunno all'insegna del buco.

Che siano debiti fuori bilancio, che siano numeri fuori controllo, che siano quei benedetti soldi spesi per richiamare qualche andriese in più con focaccia in mano, birra Peroni e rutto libero in piazza (leggi passate estati tranesi) non passa anno che la nostra amministrazione non debba cercare una qualche "pomata", un qualche unguento, un qualche sollievo da quella dolorosa emorroide che riaffiora prepotente. Al prossimo Consiglio (per favore lo vogliamo in tv: la politica deve essere rappresentazione di piazza, pubblica, come afferma Stefano Rodotà) l'ardua operetta e/o battaglia e/o farsetta, col solito copione: Opposizione: "Noi ve lo avevamo detto"; Governo: "E' un parere, un dubbio, un'indicazione, un richiamo della Corte dei Conti … E' tutto sotto controllo." Abbiamo trasmesso un'anticipazione di quello che sarà detto nelle prossime 14 ore di Consiglio Comunale. E il buco continua a bruciare…

PS: una parola in difesa dei Padri Rogazionisti: se chiedono aiuto economico per i lavori di ristrutturazione del Santuario, non lo fanno per stimolare i pruriti di qualche pataccaro "laicista" con soprannome scritto sul cappellino da forum, in vena di bestemmie e offese, ma per ottenere un aiuto dalla cittadinanza tranese, verso la quale sono costantemente impegnati per la tutela ed il recupero dei bambini abbandonati, orfani, poco istruiti, affidati dai tribunali; proprio in quest'anno, hanno deciso di finanziare di tasca propria, senza aspettare le lungaggini burocratiche comunali, il servizio di semiconvitto e dopo scuola per gli stessi ragazzi. Prima di bestemmiare come delle bestie o parlare nella più assoluta ignoranza di quanto si sta parlando, si rifletta. Se non rischiamo un deriva da forum caprino.
  • Conti comunali
Altri contenuti a tema
Trani#aCapo denuncia l'"affittopoli" tranese Trani#aCapo denuncia l'"affittopoli" tranese Il Comune perde ogni anno milioni di euro in canoni di locazione non riscossi
Corte dei Conti, nuova pronuncia: mancano i controlli interni Corte dei Conti, nuova pronuncia: mancano i controlli interni Sotto esame il bilancio 2014. Due mesi di tempo per rimediare alle carenze organizzative
Bilancio, Lignola: «Tasse e problemi della città caleranno insieme» Bilancio, Lignola: «Tasse e problemi della città caleranno insieme» Sul caso Lampara, il nuovo esponente della giunta:«Occorre portare tutti gli immobili nella legalità»
Amiu, pieno possesso di ricicleria e isola ecologica Amiu, pieno possesso di ricicleria e isola ecologica Il Comune procede verso la ricapitalizzazione dell'azienda
Spese sbloccate, Bottaro soddisfatto: «Compiuto importante primo passo» Spese sbloccate, Bottaro soddisfatto: «Compiuto importante primo passo» Il sindaco e l'assessore fiduciosi sulla strada intrapresa. Resta l'ostacolo partecipate
Conti sbloccati, ma Trani #aCapo non si fida Conti sbloccati, ma Trani #aCapo non si fida La persistente precarietà della cosa pubblica preoccupa gli esponenti del movimento
Spese finalmente libere, Bottaro: «Per noi è una prima tappa» Spese finalmente libere, Bottaro: «Per noi è una prima tappa» Il sindaco, dal Giappone, rivendica il lavoro svolto e annuncia una conferenza stampa
Stop al limite di spesa, la Corte dei Conti ha deciso Stop al limite di spesa, la Corte dei Conti ha deciso Rimangono criticità legate alle partecipate, urgenti i piani di razionalizzazione
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.