Inbox

Un futuro oltre la crisi

Intervento di Mauro Spallucci (Omi Trani)

Molti dati economici preannunciano che i redditi non aumenteranno nel breve. Anzi. Prometeia prevede il 2023 come l'anno nel quale saranno recuperati i livelli dei redditi del 2007, prima della grande crisi finanziaria. E le prospettive non sembrano interessanti. Perché dopo l'era della moderazione all'inizio del decennio passato e quella della grande recessione dopo la crisi, l'economia è entrata in quella che viene battezzata l'era della grande incertezza. Cosa fare? Come fare? Quali iniziative intraprendere?

Poiché viviamo in un mondo dove tutto è connesso ecco che la crisi non è solo finanziaria. Sono in crisi le relazioni, il nostro patrimonio di cultura, i beni comuni, l'impresa. Nonostante questa situazione nessuna misura realmente innovativa è stata presa. E comunque la ricetta non sono nuove ed incerte procedure da sperimentare. Per cominciare un cammino di uscita dalla crisi la via è quella della concretezza. Non l'astrazione di nuovi modelli, non ricette costruite a tavolino, ma l'osservazione di ciò che di buono c'è, di ciò che tutti ci invidiano.

Una concretezza che parla di legami (con una tradizione, delle figure esemplari, un saper fare trasmesso tra le generazioni, un territorio, una comunità) creando valore condiviso. Un nuovo paradigma: la generatività sociale. Cioè? Quello che accade quando un gruppo di amici che di fronte ad un bisogno o ad un'emergenza sociale decide di riunirsi in un'associazione, dotandosi delle risorse e delle capacità umane e professionali per organizzare una risposta innovativa. Cittadini che si mettono insieme per salvaguardare e promuovere insieme il proprio territorio promuovendone le capacità, stimolandone la creatività. Risvegliando la responsabilità e l'iniziativa.

Un nuovo paradigma per andare oltre. Consapevoli che una nuova prosperità può essere raggiunta solo cambiando la relazione tra il desiderio che anima la vita e l'organizzazione sociale, economica, istituzionale che ci circonda. Pertanto non reagendo con facili populismi generati e restituiti dalla stessa società ma con un'idea di libertà più ricca e consapevole. Capaci di accettare il rischio di attraversare il vuoto che il desiderio ci spalanca davanti. Mettere in moto processi sociali aperti e capaci di rilanciare il futuro creando forme aperte di legami sociali.

E' stato creato in Italia un "archivio della generatività sociale". Un progetto sociale promosso dal centro di ricerca dell'Università Cattolica di Milano in collaborazione con l'istituto Sturzo di Roma. Decine di storie che fanno sviluppo in una nuova piattaforma web. E' un paradigma per andare oltre la società dei consumi costruendo insieme ad altri il nostro futuro. E' un movimento già in atto, multiforme, capace di produrre valore per molti. L'archivio vuole raccontare, capire, diffondere, rafforzare, come via concretissima per uscire dalla crisi.

Storie di imprese, associazioni ed istituzioni che si mettono in rete. Come modo per camminare insieme. Perché nessuna storia è già conclusa, nessun modello è tutto esaurito. Ogni racconto è prezioso, unico per generare ciò che potremmo ancora essere. L' Archivio è uno strumento per creare comunità narrando. Per capire le logiche ed immaginare anche insieme con chi ci ha preceduto e chi verrà dopo, un futuro.
Un futuro da scrivere insieme oltre la crisi. Per creare - narrando - comunità e sviluppo. L'Archivio è come un hub. Dove si incontrano le energie e risorse migliori. Orientando azioni e direzione di tutti. Basta semplicemente aderire.

Mauro Spallucci - OMI TRANI
Organismo a Movente Ideale
    © 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.