La NarraVita

La "NarraVita": Ecco la "dolce" storia di Luca Lacalamita

Altro che BakeOff Italia, lui è un pasticcere con una grande passione

Luca Lacalamita è nato a Trani nel 1985 lasciando la sua diletta subito dopo essersi diplomato presso l'istituto alberghiero. Ed è diventato nell'attimo dopo cittadino del mondo: prima Londra, al Dorchester e da Gordon Ramsay, poi Milano da Cracco e al Bulli di Ferran Adrià, e ancora Modena alla Francescana, San Sebastian da Akelarre e infine Firenze all'Enoteca Pinchiorri, dove ha creato oltre cento dessert in tre anni. Eppure pare abbia un sogno, quello di tornare a fare il pane, come ai vecchi tempi, come faceva suo nonno, tranese dok anche lui.

Mentre studiava ha spesso lavorato nei ristoranti e nelle pasticcerie della città, sottopagato chiaramente, come tutti i giovani che cercano di arrottondare. Poi, terminati gli studi è partito verso Londra ed è qui che è riuscito a coronare il suo sogno lavorando prima nella pasticceria dell'hotel Dorchester e l'anno successivo nel ristorante di Gordon Ramsay. Famosissimo e temibile chef. Dopo l'esperienza londinese è rientrato in Italia per lavorare da Cracco e, successivamente, chiamato da Bulli non ha poturo rifiutare, così zaino in spalla e partito nuovamente. Presso Adrià ha sostenuto uno stage e ha avuto l'opportunità di lavorare nel suo laboratorio El Taller a Barcellona, esperienza esemplare e di grande crescita.

Ora come faccia un ragazzo di soli 29 anni ad aver accumulato così grande esperienza resta un mistero. O forse semplicemente l'impegno, la forza di volontà, la passione nel senso più stretto del termine hanno ripagato i sacrifici non solo di Luca ma anche di chi lo ha sempre supportato e sostenuto. Un giovane completo, unico e raro: appassionato di fotografia, cultore dell'arte moderna, instancabilmente attratto dalla musica classica e dal jazz, e da tutto ciò che risulta musicalmente distorto, affascinato dalla lettura e dal cinema, sportivo diligente ma con una passione assoluta: la pasticceria. Un uomo da sposare.

Eppure nonostante l'esperienza di grandissimo livello, internazionale e soprattutto non facile, in un mondo in cui basta preparare una torta di mele per trasformarsi in un mito della pasticceria, in cui esiste la tecnica del cotto e mangiato, in cui imperversano milioni di programmi televisivi tra cupcake e re del cioccolato, Luca Lacalamita ha fatto una scelta che rifiuta l'aspetto mediatico, rifiuta il successo facile e ha scelto di lavorare sodo. Di lavorare bene. E di essere conosciuto da chi nell'ambiente ha un nome e un successo dichiarato dagli esperti di settore. E nonostante tutto ciò stupisce il sogno di questo ragazzo, quasi mio coetaneo, che in silenzio dice "Un giorno tornerò a casa e darò futuro a ciò che mio nonno iniziò ad amare e a curare 55 anni fa: il pane". Onore al merito. Quello vero.
Luca LacalamitaLuca LacalamitaLuca Lacalamita
  • La "NarraVita"
Altri contenuti a tema
Gigi Mintrone 2.0: il sogno americano Gigi Mintrone 2.0: il sogno americano Punta agli Usa per curarsi e finalmente ha ottenuto l'incontro in Regione
“È stato morto un ragazzo” “È stato morto un ragazzo” Cronaca di una storia triste e di civiltà negata, non è morto solo Biagio...
Francesca: la donna del Vino Francesca: la donna del Vino Alla scoperta dei valori del passato e dei progetti futuri con la De Leonardis
L'impegno sociale di Rosa Uva L'impegno sociale di Rosa Uva Non c'è solo politica nella vita di un politico...e noi non ci occupiamo di politica
Migranti, non basta indignarsi Migranti, non basta indignarsi Basterebbe trascorrere qualche ora a Villa San Giuseppe per capire che hanno ancora paura
L'odore della Pietra L'odore della Pietra Le storie di oggi che possono cambiare il domani: Michele Storelli
Trani e la Russia, è nata una nuova storia d'amore Trani e la Russia, è nata una nuova storia d'amore Oggi la NarraVita racconta di Lyuba Ilina
La NarraVita e il suo messaggio La NarraVita e il suo messaggio Lettera in Redazione di Vincenzo Covelli
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.