Nutrizione, alimenti
Nutrizione, alimenti
Salute d'asporto

Chili di troppo dopo le vacanze: cosa accade al nostro corpo?

Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca

Siamo a Settembre, si riparte, il torrido caldo estivo inizia ad appartenere al passato, così come le vacanze, di cui possediamo ricordi, souvenir, ma anche kg di troppo.

A sottolinearlo è un' indagine condotta dall'Università della Georgia e pubblicata sulla rivista Physicology and Behavior: in una sola settimana di vacanza si possono prendere dai 500 grammi ai tre chili e mezzo in più.

Il peso è aumentato, ma cosa accade al vostro corpo?

Il corpo umano può essere suddiviso in compartimenti:
Massa Magra (FFM)
Massa Grassa (FM)
Acqua Totale (TBW)
Labianca
Nella FFM troviamo tutte le componenti corporee (liquidi, proteine, glicogeno, tessuto muscolare e scheletrico etc.) ad eccezione del grasso, che rientra appunto nella FM. Mentre la TBW rappresenta l'acqua intracellulare (ICW) ben compartimentalizzata nelle strutture corporee, e l'acqua extracellulare (ECW), molto spesso indicata con l'appellativo di ritenzione idrica.

Un sovraccarico dietetico determina un aumento dell'infiammazione sistemica, evidenziabile sia con i sintomi, sonnolenza, gonfiore addominale e generalizzato, feci scomposte, astenia; che con gli esami bioimpedenziometrici, che rilevano un aumento dell'acqua extracellulare e, di conseguenza un aumento di peso. In questo caso basterà diminuire l' introito alimentare nei 2/3 giorni successivi e si avrà un rientro dell'infiammazione e anche dell'acqua extracellulare, che porteranno la bilancia ad un valore minore.

L'altra strada prevede l'aumento del glicogeno muscolare (riserva di glucosio del muscolo): il carboidrato introdotto con la dieta viene immagazzinato nel muscolo, esso induce un aumento della idratazione muscolare e di conseguenza un aumento del volume e del peso di quest'ultimo. Questo movimento, visibile soprattutto con la bioimpedenziometria, ma valutabile anche attraverso la palpazione, indica un buono stato metabolico ed una buona risposta ad un carico e scarico di carboidrati.

L'ultima opzione, la più dolente, è che i carboidrati introdotti con la dieta entrino nel processo di De novo lipogenesi, ovvero subiscano a livello epatico una conversione in acidi grassi e vengano immagazzinati nel tessuto adiposo.

Indipendentemente dal processo che ha portato ad aumentare il peso, la cosa giusta da fare è riprendere uno stile alimentare adeguato ed anche l'attività fisica.
  • Salute
Altri contenuti a tema
L’olio extravergine di oliva: benefici e proprietà L’olio extravergine di oliva: benefici e proprietà Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Asse intestino-cervello, nuovo evento presso il centro AttivaMente Asse intestino-cervello, nuovo evento presso il centro AttivaMente Intervengono Giuseppe Labianca, Federica Liso e Riccardo Ferro
Nutrizione ed osteoporosi Nutrizione ed osteoporosi Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Mese del benessere psicologico, al via la dodicesima edizione Mese del benessere psicologico, al via la dodicesima edizione Fino al 10 novembre in programma eventi, workshop e seminari organizzati dai numerosi professionisti dislocati in tutta la Puglia
Gonfiore, liquidi in eccesso, gambe gonfie e pesanti: vediamo come fare Gonfiore, liquidi in eccesso, gambe gonfie e pesanti: vediamo come fare Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Aumento di ansia e depressione negli adolescenti, l'allarme degli Psicologi di Puglia Aumento di ansia e depressione negli adolescenti, l'allarme degli Psicologi di Puglia Il presidente Gesualdo: «Risultato di una società che non investe sulla salute mentale»
La "carboressia" o paura dei carboidrati La "carboressia" o paura dei carboidrati Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Alla scoperta dei batteri intestinali Alla scoperta dei batteri intestinali Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.