Celiachia
Celiachia
Salute d'asporto

L'altra faccia della celiachia: la gluten sensitivity

Ci spiega cos'è il biologo Giuseppe Labianca

Sono sempre più in aumento i casi di celiachia, una malattia immuno-medita che si manifesta con sintomi intra-intestinali (diarrea, crampi addominali) ed extra-intestinali (stomatite aftosa), in risposta all'assunzione di cereali contenenti glutine, come ad esempio grano, segale e orzo. Il glutine è il complesso proteico dei cereali, da cui deriva la gliadina, la molecola che causa la reazione infiammatoria a livello intestinale. In questi casi l'evidente e ricorrente presenza dei sintomi a seguito di ingestione di glutine consente al medico la diagnosi, ottenibile per mezzo della gastroduodenoscopia con biopsia e, di conseguenza, il trattamento farmacologico e dietetico.
Labianca
La gluten sensitivity (GS) è definita come sensibilità al glutine non celiaca, ovvero questi soggetti presentano una sintomatologia simile e spesso sovrapponibile alla celiachia ed anche alla sindrome del colon irritabile (gonfiore, sonnolenza, diarrea, stipsi, dolori addominali, cefalea, depressione, ecc) ma non c'è atrofia dei villi intestinali né risposta immunitaria da parte dell'organismo. Un'altra differenza è che la GS non sempre comporta una reazione sintomatologica importante, ma in molti casi si manifesta con sintomi vaghi, come ad esempio gonfiore addominale, nausea e mal di testa.

La GS si manifesta dall'età adolescenziale all'età adulta, mentre è estremamente rara in età pediatrica; si stima sia da 3 a 6 volte più frequente della celiachia e in pratica si può affermare, con buona approssimazione, che se il numero di celiaci attesi in Italia è di circa 600.000, i pazienti con GS sono circa 3.5 milioni.

Come si identifica oggi la gluten sensitivity? Non sono disponibili marcatori specifici, quindi la diagnosi di sensibilità al glutine non celiaca avviene per esclusione. I pazienti che, pur presentando sintomi simili a quelli della celiachia e indotti dal glutine, non risultino, dopo esami ematici e biopsie endoscopiche, né celiaci né allergici al grano, sono classificati come sensibili al glutine. Quindi sono i sintomi a guidare lo specialista e a valutare l'introito di glutine tollerabile da parte del soggetto.
  • Salute
Altri contenuti a tema
Rimedi naturali, il brodo di carne Rimedi naturali, il brodo di carne I benefici in una nuova pagina della rubrica di Giuseppe Labianca
Functional food nella gestione delle malattie cardiovascolari Functional food nella gestione delle malattie cardiovascolari Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Il digiuno come terapia per combattere il cancro Il digiuno come terapia per combattere il cancro Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Si può vivere senza carboidrati? Si può vivere senza carboidrati? Risponde il biologo nutrizionista Giuseppe Labianca
Come attivare il metabolismo? Come attivare il metabolismo? Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
1 L'associazione Raggio Verde promuove un incontro sulla prevenzione del tumore al seno L'associazione Raggio Verde promuove un incontro sulla prevenzione del tumore al seno Prendono parte illustri ospiti. Coordina la giornalista Lucia de Mari
L’olio extravergine di oliva: benefici e proprietà L’olio extravergine di oliva: benefici e proprietà Ce ne parla il biologo Giuseppe Labianca
Asse intestino-cervello, nuovo evento presso il centro AttivaMente Asse intestino-cervello, nuovo evento presso il centro AttivaMente Intervengono Giuseppe Labianca, Federica Liso e Riccardo Ferro
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.