Tempo reale

Commette reato il fruttivendolo che espone cassette di verdura sul marciapiede

Gli alimenti che non possono esposti agli agenti inquinanti dell'aria

È un fenomeno tristemente noto e diffuso a livello nazionale quello del fruttivendolo che espone gli ortaggi in cassette sul marciapiede davanti alla bottega. Da oggi è sufficiente la messa in commercio di ortaggi esposti agli agenti inquinanti dell'aria per essere condannati penalmente. I giudici con la sentenza 6108/14, pubblicata il 10 febbraio della terza sezione penale della Cassazione, hanno precisato che integra tale fattispecie delittuosa una violazione dell'obbligo di assicurare l'idonea conservazione degli alimenti. Infatti, non è necessario che gli alimenti siano in cattivo stato di conservazione, laddove a integrare la contravvenzione risulta sufficiente l'esposizione dei prodotti agli agenti inquinanti dell'aria, a partire dai gas di scarico dei veicoli in transito.

Il caso riguarda un ortolano del Napoletano condannato all'ammenda di cui all'articolo 5, lettera b), della legge 283/62 per aver esposto alla vendita tre cassette di verdura praticamente in strada, al di fuori della bottega. Non trova ingresso la tesi della difesa secondo cui non sarebbe sufficiente a configurare l'illecito penale la mera collocazione all'aperto degli alimenti, senza segni evidenti di cattiva conservazione o di inosservanza di particolari prescrizioni finalizzate a preservare le sostanze alimentari. In realtà, osservano gli "ermellini", per integrare la contravvenzione contestata al commerciante non serve che si produca un danno alla salute: l'interesse protetto dalla norma è costituito dal rispetto dell'ordine alimentare, vale a dire la necessità che gli alimenti giungano ai consumatori con le garanzie igieniche necessarie per natura; ben può configurarsi l'ammenda, allora, se le modalità di conservazione creano un pericolo di danno o deterioramento delle sostanze, ciò che si configura anche quando le condizioni igieniche si rivelano precarie.

Nella specie, per l'affermazione della responsabilità penale del fruttivendolo, risulta sufficiente l'accertamento diretto operato da parte della polizia giudiziaria: l'imputato stesso, peraltro, ammette che le cassette erano esposte sul marciapiede antistante l'esercizio commerciale confermando la situazione di fatto rilevata dagli agenti che ha fatto scattare la sua incriminazione. Non resta che pagare, anche le spese del procedimento.
  • Salute
Altri contenuti a tema
La malattia dei "puffi" La malattia dei "puffi" Una nuova pagina di Cinema e Scienza del dottor Labianca
Paralisi del sonno, tutto quello che c'è da sapere Paralisi del sonno, tutto quello che c'è da sapere Una nuova pagina di "Salute d'asporto" di Giuseppe Labianca
Al via la decima edizione del mese del benessere psicologico in Puglia Al via la decima edizione del mese del benessere psicologico in Puglia Il presidente Gesualdo: "Ripensare al modello di salute, anche lo psicologo rivestirà un ruolo centrale"
Vaccino antinfluenzale, pronte oltre 2 milioni di dosi Vaccino antinfluenzale, pronte oltre 2 milioni di dosi La campagna partirà nei prossimi giorni, in anticipo rispetto agli anni scorsi
Tamponi Covid19 da centro bio-medico Papagni Tamponi Covid19 da centro bio-medico Papagni Tutte le informazioni per prenotare il servizio
Il sole ed il fotoinvecchiamento Il sole ed il fotoinvecchiamento Una nuova pagina della rubrica “Salute da asporto” del biologo Giuseppe Labianca
Farmacia Turenum: ci prendiamo cura della tua salute Farmacia Turenum: ci prendiamo cura della tua salute I nostri farmacisti sono sempre a tua disposizione con il servizio Whatsapp: prenota, parcheggia e fatti servire!
Apparecchio per i denti: guida alle tipologie Apparecchio per i denti: guida alle tipologie Diversi apparecchi per diverse soluzioni
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.