Tempo reale

Deep Web: droga, armi, farmaci ordinati online

Cosa pensano di fare le autorità italiane ed europee?

Lo abbiamo già denunciato, forse tra i primi in Italia, perché sino ad ora se n'era parlato, ma senza alcuna grande preoccupazione da parte delle autorità. Perché esiste uno spazio oscuro nella rete, il cosiddetto "Deep web" dove è possibile trovare di tutto perché lì è tutto lecito e senza regole. Non è roba da tutti, per carità, ma basta fare qualche piccola ricerca, leggere qualche blog o portale o forum e anche un ragazzino, attraverso qualche applicazione, come la famigerata "Tor", ha la possibilità di aggirare gli ostacoli di questa navigazione nascosta e immergersi in un mondo virtuale fatto soprattutto d'illegalità e che unisce oggi più che mai la virtualità di internet al mondo reale specie per usi non consentiti dalla legge.

Solo per fare un esempio, esiste un portale on line, noto con il nome "Silkroad" (traduzione di "Via della Seta") che si propone come intermediario tra acquirenti e fornitori di ogni prodotto lecito ma soprattutto illecito. Con questo nuovo modo di commerciare, è consentito ad ogni utente di navigare e con un clic del mouse da casa entrare in contatto con un rivenditore anonimo, senza i rischi di un incontro fisico. Ed ecco così che è possibile acquistare al prezzo che si trova sulle strade, ovviamente quelle della criminalità, ogni tipo di droga, armi, carte di credito anonime o clonate, prodotti elettronici riservati alle forze dell'ordine, materiale contraffatto e/o rubato, farmaci vietati o soggetti a restrizioni.

Alla consegna poi ci pensano i canali ufficiali, per esempio ignari spedizionieri o corrieri espressi, inconsapevoli di trasportare droga o altri prodotti proibiti. Secondo quanto apparso sulla stampa elvetica, per esempio su Silk Road attualmente vi sarebbero oltre 12.000 annunci online da tutto il mondo. Se in altri Paesi, come per esempio la Svizzera, la politica e le autorità si stanno interessando al dilagare del fenomeno di questo tipo d'acquisti on line, esprimo la più viva preoccupazione perché in Italia non viene proferita parola.

È, quindi, quantomai urgente che il governo, l'autorità giudiziaria e le forze di polizia, anche coordinandosi con le altre istituzioni europee data la dimensione ovviamente sopranazionale della questione, pongano immediatamente un argine al fenomeno con tutti i mezzi possibili e quindi anche quelli informatici perché se è vero che il "Deep Web" rappresenta forse l'ultima frontiera inviolabile di una libertà digitale dove chiunque può trovare una miriade di informazioni utili, ma è anche un "territorio" molto pericoloso e terreno fertile per soggetti pericolosi ed organizzazioni criminali.
  • Droga
  • Internet
Altri contenuti a tema
Airlan, dove non arrivano gli altri ci siamo noi! Airlan, dove non arrivano gli altri ci siamo noi! Airlan porta connessione internet in tutti quei comuni della Puglia in cui le aree sono poco accessibili
SEO e aziende: i servizi di Roberto Serra SEO e aziende: i servizi di Roberto Serra Esperienza per conquistare visibilità sul web
Spacciava droga in casa, arrestato 51enne di Trani Spacciava droga in casa, arrestato 51enne di Trani L'operazione dei Carabinieri coadiuvati dalle unità cinofile in Largo Giacinto Francia
WiFi pubblico, Trani tra i Comuni vincitori del programma europeo WiFi pubblico, Trani tra i Comuni vincitori del programma europeo Alla città 15mila euro per l'installazione degli apparati
Spacciava droga in via Ognissanti, arrestato un giovane albanese Spacciava droga in via Ognissanti, arrestato un giovane albanese Fermato dalla Polizia di Stato di Trani con 6 grammi di cocaina e 6mila euro
Blocco della linea "3 Italia": disagi anche a Trani Blocco della linea "3 Italia": disagi anche a Trani La compagnia assicura: «Il servizio verrà ripristinato a più presto»
Traffico internazionale di stupefacenti: arrestate 43 persone Traffico internazionale di stupefacenti: arrestate 43 persone Operazione della DIA di Bari tra Puglia e Albania
Operazione "Angel", 20 le persone coinvolte in spaccio e detenzione di stupefacenti Operazione "Angel", 20 le persone coinvolte in spaccio e detenzione di stupefacenti La banda criminale agiva principalmente a Trani e Palo del Colle
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.