Toni e timbri

Di necessità virtù (frammento post-platonico)

Toni e Timbri 4 - di Tony D'Ambrosio

Socrate: ...e quindi, Teeteto caro, dimmi quali sono i perché dei tuoi bisogni. Che vuol dire, cioè, aver bisogno, e di che cosa si ha bisogno...

Teeteto: Socrate, il bisogno è una forza che garantisce all'uomo la sua sopravvivenza. Intendo dire che se gli esseri umani, i loro corpi almeno - giacché dell'anima non sappiamo quanto e come debba aver bisogno, visto che essa è immortale -, non sentissero il bisogno di vivere, io credo che la specie umana si sarebbe estinta al suo apparire. Perché ogni bisogno è bisogno di sopravvivere.

Socrate: Tu dici benissimo, validissimo Teeteto. E che relazione passa fra l'amare ed il bisogno?

Teeteto: Questa, credo, almeno finquando non sarò contraddetto da te, Socrate: che l'amore, nella sua natura più profonda, non nasce che per tener legato, nell'anima, ciò che il corpo non può legare.

Socrate: E cioè?

Teeteto: Cioè non esiste la possibilità di unire veramente i corpi: essa è contronatura, sarebbe mostruoso. Ma esiste la possibilità di creare, fra le anime, qualcosa che le tenga sempre unite. I corpi, di conseguenza, imiterebbero le anime, e tenderebbero così ad allontanarsi meno con le conseguenze benefiche che ne deriverebbero. Per il nostro sopravvivere.

Socrate: Possiamo dire dunque che amiamo fino a che se ne ha bisogno, Teeteto?

Teeteto: Le anime non sanno quel che serve ai loro corpi. Esse sono sì uno strumento di quel Dio che vuole sostenere viva la natura. Ma esse amano perché amano, ed è tenuto lor nascosto l'intendimento che fa amare. Perciò, Socrate, e correggimi se sbaglio, si ama per tenere forte un legame. Per questo nacque amore. Lui, l'amore, intendo, certo non sa, ne deve sapere, di cosa è servo, e perché.

Socrate: Hai detto bene Teeteto. Perché la ragione delle cose è sempre profonda, e ciò che diventa, al suo apparire, è sempre qualcosa di diverso dal suo nascere. I bambini, quando chiudono gli occhi, credono di non esser visti. Così, seppure la radice è necessità, ormai è virtù l'amare. Perché se l'amare sapesse perché ama, non sarebbe amore...

La morale parmi evidente: si ama in avanti, non all'indietro. E si ama perché si ha voglia di vivere: non una antica, spettrale, pur vera ma superata "necessità di sopravvivere.
    Toni e timbri

    Toni e timbri

    Il paese di Zigghezzagghe

    Indice rubrica
    La pappa nella pappa 13 febbraio 2010 La pappa nella pappa
    De profundis pimpinella 6 febbraio 2010 De profundis pimpinella
    Fauci stellari 29 gennaio 2010 Fauci stellari
    Peripli e dèmoni 23 gennaio 2010 Peripli e dèmoni
    Scrupoli e ambizioni 16 gennaio 2010 Scrupoli e ambizioni
    Una compagine forzuta 9 gennaio 2010 Una compagine forzuta
    Quartieri senza incrocio 2 gennaio 2010 Quartieri senza incrocio
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.