Boccadoro
Boccadoro
Territorio

Un ECOMUSEO della storia del paesaggio: Andria, Trani e Bisceglie tra le città coinvolte

Tra Murgia e mare, uno splendido contenitore di usi e saperi

Le Amministrazioni comunali di Andria, Bisceglie, Molfetta, Terlizzi, Ruvo di Puglia, Corato e Trani, stanno ponendo in essere una cooperazione interterritoriale, con capofila la città di Bisceglie, per l'istituzione di un ECOMUSEO, regolato dalla Legge Regionale n. 15 del 6 Luglio 2011.
L'obiettivo, secondo la legge in questione, è quello di valorizzare in continuità l'intero territorio sito dell'area d'ambito, diffondendolo in modo sistemico a tutto lo spazio, rappresentandone e rendendone più visibili le sue caratteristiche, il paesaggio, la storia, la memoria, l'economia, e l'identità storico artistica.

Al fine di individuare, conoscere e trasmettere il patrimonio materiale e immateriale, nel tempo e nello spazio, occorre che ogni Amministrazione realizzi una c.d. Mappa di Comunità, con il coinvolgimento attivo delle comunità locale, delle Istituzioni scolastiche e culturali di Associazioni, Enti Pubblici, Privati e Religiosi, Ricercatori e Professionisti, Consorzi, delle categorie economiche e imprenditoriali.

La costituzione dell'ECOMUSEO della storia nel paesaggio è nell'interesse di tutte le comunità interessate. Ciò necessita della collaborazione delle Civiche Amministrazioni per allestire spazi adeguati ad ospitare laboratori come centri di interpretazione, documentazione e informazione, itinerari di visita, percorsi di fruizione e luoghi di interpretazione, rapportandosi con altri ecomusei eventualmente esistenti sul medesimo territorio o in quelli limitrofi.

"Un Ecomuseo è un'istituzione creata per volontà degli individui e delle associazioni del territorio –sottolineano all'unisono l'assessore all'Ambiente del Comune di Bisceglie, Giovanni Naglieri ed il collega alle Radici della Città di Andria, Cesareo Troia- su cui esso agisce, con la finalità di valorizzarne il patrimonio culturale per garantire la continuità della trasmissione della tradizione. Non si tratta di un concetto fisso e monolitico, ma flessibile e in costante processo d'innovazione per dare linfa al senso di identità e coesione della comunità di riferimento. L'Ecomuseo è promotore di usi e saperi collettivi per evitarne la dispersione e garantire l'esistenza della diversità di stili di vita e culture più sostenibili, tramite la partecipazione attiva della popolazione. Una sorta di "specchio" del passato e "cantiere" per il futuro; un processo dinamico in stretta relazione con la comunità locale. Il progetto dell'ECOMUSEO della storia nel paesaggio si colloca giustamente in questa proiezione di rilancio del nostro territorio comune, traguardando gli obiettivi della continuità del valore dei nostri beni materiali ed immateriali e della loro conoscenza universale", concludono Gianni Naglieri e Cesareo Troia.
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
Trani è il Capoluogo di Provincia più "Riciclone" Trani è il Capoluogo di Provincia più "Riciclone" Legambiente premia i Comuni pugliesi che si sono distinti nella riduzione del conferimento di rifiuto
11 regole per salvare il pianeta, premiata la 2 P della Baldassarre 11 regole per salvare il pianeta, premiata la 2 P della Baldassarre Prestigioso riconoscimento ottenuto dal Miur a Rom
Tre anni senza ricci di mare per salvarne l'estinzione: sapremo resistere? Tre anni senza ricci di mare per salvarne l'estinzione: sapremo resistere? La proposta di legge di un consigliere regionale per arginare lo spopolamento di quella che è una prelibatezza assoluta
Nasce Solidarity Coin, un progetto contro lo spreco alimentare Nasce Solidarity Coin, un progetto contro lo spreco alimentare Sarà presentato alla cittadinanza il 24 ottobre
Dimissioni Colangelo, le associazioni ambientaliste: «Auspichiamo si provveda alla nomina di un nuovo assessore» Dimissioni Colangelo, le associazioni ambientaliste: «Auspichiamo si provveda alla nomina di un nuovo assessore» Nota congiunta di Comitato Bene Comune, Legambiente e Anima Terrae
Consulta ambientale, Oikos: «Dopo le dimissioni di Colangelo, messa in un angolo» Consulta ambientale, Oikos: «Dopo le dimissioni di Colangelo, messa in un angolo» L'associazione chiede che si torni ad un suo normale funzionamento
Dimissioni Colangelo, il gruppo "Con" spinge per un ripensamento Dimissioni Colangelo, il gruppo "Con" spinge per un ripensamento «Condividiamo la sua idea di politica e abbiamo apprezzato il suo profondo senso di responsabilità»
Mattonelle sconnesse e vegetazione spontanea, degrado sui marciapiedi del lungomare di Trani Mattonelle sconnesse e vegetazione spontanea, degrado sui marciapiedi del lungomare di Trani Una fonte di pericolo e di deturpamento al decoro urbano
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.