Apatheia

La cicala e la formica

Una storia tranese tra inaugurazioni, cerimonie, feste patronali, orchestre e canti

In una calda estate, un'allegra cicala cantava sul ramo di un albero, mentre sotto di lei una lunga fila di formiche faticava per cercare un lavoro che non trovava. Fra una pausa e l'altra, tra le inaugurazioni, le cerimonie, i calici alzati alle stelle, le nozze insolite dei re, le feste patronali, i fuochi d'artificio, le orchestre e i canti, l'apoteosi del benessere insomma, la cicala si rivolge alle formiche: «Ma perché vi affannate tanto a cercare un lavoro, venite qui all'ombra a ripararvi dal sole, potremo cantare insieme!»

Ma le formiche, instancabili, senza fermarsi continuavano a cercare un lavoro perché dovevano sfamare i propri figli, perché l'estate dura solo tre mesi e bisognava preoccuparsi anche degli altri nove mesi, perché poi, non trovando un lavoro, le formiche sarebbero state costrette a commettere atti illeciti, tipo rubare, oppure sarebbero state costrette ad andare ogni mattina al comune a chiedere aiuto suscitando poi, nei tranesi ancora inebriati dalla bisboccia estiva, un improvviso bisogno di sicurezza, di vigili, polizia, carabinieri eccetera. «Non possiamo! Dobbiamo cercare un lavoro per sfamare i nostri figli e poi perché arriva l'inverno! Quando verrà il freddo e la neve coprirà la terra, non troveremo più niente da mangiare e solo se avremo trovato un lavoro ed avremo le dispense piene potremo sopravvivere!»

«L'estate è ancora lunga e c'è tempo per cercare un lavoro prima che arrivi l'inverno! Io preferisco cantare, spendere soldi, anche se poi, magari tra cinque o sei anni, verranno a chiedermi delucidazioni circa quei soldi! Ma che importa ora maneggio ed ora festeggio anche perché qualcuno è contento di organizzare tutte questi canti e queste cerimonie e poi, a qualcosa servirà ; con questo sole e questo caldo è impossibile lavorare!»

Per tutta l'estate la cicala continuò a cantare e le formiche a cercare un lavoro che non trovavano. Ma i giorni passavano veloci, poi le settimane e i mesi. Arrivò l'autunno e gli alberi cominciarono a perdere le foglie e la cicala scese dall'albero ormai spoglio. Anche l'erba diventava sempre più gialla e rada. Una mattina la cicala si svegliò tutta infreddolita, mentre i campi erano coperti dalla prima brina. Il gelo bruciò il verde delle ultime foglie: era arrivato l'inverno. La cicala cominciò a vagare organizzando qualche premiazione toccante e richieste di beatificazioni con quello che spuntava ancora dal terreno duro e gelato ma non c'erano più soldi. Venne la neve e la cicala non poteva più organizzare feste e inaugurazioni: si allungavano le code alle mense per i poveri, le formiche cominciarono ad andare a bussare al comune affamate e tremanti di freddo. La cicala pensava con rimpianto al caldo e ai canti dell'estate.

Una sera vide una lucina lontana e si avvicinò affondando nella neve: «Aprite! Aprite, per favore! Sto morendo di fame! Datemi qualcosa da mangiare ed il consenso popolare così l'estate prossima organizzerò di nuovo i canti e le cerimonie!»
La finestra si aprì e la formica si affacciò: Chi è? Chi è che bussa?»
«Sono io, la cicala! Ho fame, freddo ed ho bisogno di consenso popolare!»
«La cicala?! Ah! Mi ricordo di te! Cosa hai fatto durante l'estate, mentre noi faticavamo per prepararci all'inverno?»
«Io? Cantavo e riempivo del mio canto e di debiti cielo e terra!»
«Hai cantato ed hai fatto debiti?» replicò la formica, «Adesso balla!»
(Magari finisse così la storiella. Continua).
«Se mi date consenso, la prossima estate, farò organizzare a voi le danze, vedrete!»
«Va bene" dissero le formiche "allora ti daremo ancora una volta quello che vuoi».
Ogni riferimento è puramente casuale.
  • Estate tranese 2013
Apatheia

Apatheia

La rubrica di Rino Negrogno

Indice rubrica
La telefonata 6 marzo 2015 La telefonata
Le primarie 15 febbraio 2015 Le primarie
Il professore di Trani 25 gennaio 2015 Il professore di Trani
Terra mia 13 gennaio 2015 Terra mia
Le  "dita " 31 dicembre 2014 Le "dita"
Altri contenuti a tema
Estate Tranese, un anno di attesa per il sostegno dell'amministrazione Estate Tranese, un anno di attesa per il sostegno dell'amministrazione Il Comune sta erogando, in questi giorni, i contributi per la stagione passata
Boom di turisti a Trani nel 2013: lo conferma un report regionale Boom di turisti a Trani nel 2013: lo conferma un report regionale Pubblicati i dati sui flussi turistici nella Regione Puglia
Trani International Festival, stanziati altri 122.000 euro Trani International Festival, stanziati altri 122.000 euro Pubblicata una nuova determina con il dettaglio dell’impegno di spesa
Il Trani International Festival è costato complessivamente 333.400 euro Il Trani International Festival è costato complessivamente 333.400 euro Report dell'assessore Sotero: «Sul Tif curiosità morbosa, dei mezzi d'informazione»
Eventi dell'estate tranese, 40.000 euro a disposizione degli organizzatori di eventi Eventi dell'estate tranese, 40.000 euro a disposizione degli organizzatori di eventi Pioggia di contributi economici per le associazioni locali
Feste e concerti: arriva il conto. 27mila euro per il "Bicentenario Verdiano" Feste e concerti: arriva il conto. 27mila euro per il "Bicentenario Verdiano" Le nozze di Re Manfredi ci sono costate 25.000 euro
Corti di casa: vince "Paper Memories" di Theo Putzu Corti di casa: vince "Paper Memories" di Theo Putzu Conclusa la prima edizione della manifestazione dell'associazione "Settimo piano e mezzo"
Raccontando sotto le stelle, stasera c'è Hansel & Gretel Raccontando sotto le stelle, stasera c'è Hansel & Gretel Se piove lo spettacolo per bimbi si svolgerà sempre nel centro Jobel ma al chiuso
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.