Apatheia

Pensandoci bene sono tutti innocenti

Finché vi saranno queste regole, difficilmente le cose potranno cambiare

Pensandoci bene sono tutti innocenti. Ovviamente non parlo della possibilità che abbiano o meno commesso i reati contestati, questo lo appurerà la magistratura, parlo della possibilità teorica di scegliere in piena libertà se commettere o meno il reato. Mi spiego.

Nella nostra società liberale, già di per sé, il principio di rappresentanza, che è la delega a governare il popolo concessa tramite voto ad alcuni cittadini, determina sempre di più una separazione spropositata tra individuo e governanti. Oggi con il fallimento fin troppo evidente di questa nostra società dal punto di vista morale, politico ed economico, il cittadino vive trincerato in un individualismo ed egoismo esasperato. Prosperando questi sentimenti, vengono meno non solo gli ideali di uguaglianza e giustizia sociale ma anche l'ineluttabile interesse a promuovere il bene comune. I singoli individui sono perennemente in guerra, una bellum omnium contra omnes per inseguire solo i loro interessi, talvolta alleandosi in gruppi costituiti per fini comuni ma sempre contro il capro espiatorio di turno impersonato ordinariamente dal più debole. Quando votiamo non possiamo mai essere assolutamente certi che il governante da noi scelto sia un buon governante quindi il principio di rappresentanza si rivela tanto più fallace e contrario alla democrazia quanto meno vincoli e meno possibilità di revoca della nomina a rappresentarci vi siano e, allo stesso tempo, questa impossibilità di revocare l'incarico, crea nel cittadino la convinzione che tutto debba arrivare dalla politica, dall'alto, senza nessun altro sforzo, quindi egli si sente legittimato a limitare i suoi unici sforzi nell'attribuire l'incarico al rappresentante di turno il giorno delle votazioni, disinteressandosi successivamente del suo operato, fino a quando potrà affermare che la politica sia sporca, che siano tutti egualmente farabutti e, conseguentemente, creando fugaci profeti risolutori da crocifiggere successivamente.

Possiamo chiedere dieci, cento dimissioni ed andare a votare dieci, cento volte. Finché vi saranno queste regole, difficilmente le cose potranno cambiare. Finché il governante potrà nominare assessori, amministratori di aziende pubbliche e collaboratori, difficilmente vi saranno assessori, amministratori e collaboratori capaci di gestire la cosa pubblica. Finché l'assessore sarà nominato su pressione dei partiti sulla base dei voti che l'assessore indicato ha apportato alla causa, difficilmente troveremo un assessore competente al ramo preposto. Finché il controllato nominerà il controllore o viceversa, difficilmente vi sarà realmente controllo.

Se vi fosse un concorso per titoli ed esami controllato direttamente dai cittadini per nominare assessori, amministratori di aziende pubbliche e collaboratori, senza coinvolgimento dei politici oppure un'estrazione a sorte tra tutti i cittadini in possesso dei titoli necessari a svolgere un determinato incarico, se vi fosse la possibilità, da parte dei cittadini, di revocare queste nomine in qualunque momento per inadempienza, incapacità o dolo, se fosse solo un lavoro come gli altri dove per avere lo stipendio, uguale a quello degli altri, bisogna produrre, forse, la rappresentanza avrebbe un senso. Probabilmente non vi sarebbe nemmeno il rischio del voto di scambio perché, nell'impossibilità di monetizzare quei voti, nell'impossibilità di nominare assessori e amministratori, verrebbe meno anche l'avidità di farsi nominare a rappresentare il popolo per il solo ed unico fine di risolvere i suoi complessi ed annosi problemi.

Invece, nella situazione in cui siamo, quello che accade nei governi cittadini e nazionali è, purtroppo e paradossalmente, inevitabile. Teoricamente, se uno viene nominato dal governante o dal partito, potrà mai non essere riconoscente se non succube verso quel governante o quel partito? Sicuramente qualche probo o sprovveduto irriconoscente in giro per il mondo ci sarà ma non avendo la possibilità al momento del voto di valutarne la propensione alla santità o quantomeno all'incorruttibilità e all'ingratitudine, l'unica soluzione sarebbe non rischiare.

Non possiamo più permetterci di aspettare il governante onesto oltre che capace e che rimanga onesto una volta entrato nel turbine vorticoso di gare, nomine, gestione di somme di denaro e quant'altro; dovremmo fissare delle regole, diverse da quelle attuali, che riducano al minimo il rischio di essere indotti in tentazione ed invischiati nel malaffare. In questo senso bisognerebbe lavorare, prefiggendosi tali traguardi.
  • Comune di Trani
  • Giunta comunale
  • Sistema Trani
Altri contenuti a tema
4 Nuovi dipendenti al Comune di Trani ma tutti forestieri, Cinquepalmi: «Ennesima beffa per i giovani tranesi» Nuovi dipendenti al Comune di Trani ma tutti forestieri, Cinquepalmi: «Ennesima beffa per i giovani tranesi» La consigliera critica l'Amministrazione per la metodologia di assunzione
1 Il sindaco revoca un assessore? Spunta "l'opzione ricorso" Il sindaco revoca un assessore? Spunta "l'opzione ricorso" L'ipotesi di un azzeramento in Giunta: da persone di fiducia del sindaco a nemici
Albo dei tributaristi di fiducia, prorogato il termine per la domanda di partecipazione Albo dei tributaristi di fiducia, prorogato il termine per la domanda di partecipazione Le istanze entro il 31 dicembre
La Giunta comunale dice "Sì" ad una variante generale del piano urbanistico La Giunta comunale dice "Sì" ad una variante generale del piano urbanistico La decisione in seguito ad alcune problematiche emerse dopo il mutato quadro normativo
Volontariato, oggi i dipendenti pubblici coinvolti in una manifestazione di sensibilizzazione Volontariato, oggi i dipendenti pubblici coinvolti in una manifestazione di sensibilizzazione L’Anteas ha previsto per ognuno di loro un'azione da svolgere
Comune di Trani, presto l'assunzione di ben 59 unità Comune di Trani, presto l'assunzione di ben 59 unità L'assessore Laurora: «Ora ci attende una nuova sfida: predisporre i concorsi»
I dipendenti comunali volontari per un giorno: manifestazione a Palazzo di città I dipendenti comunali volontari per un giorno: manifestazione a Palazzo di città Predisposti dei pacchetti con azioni reali da svolgere durante la giornata
1 Piano del fabbisogno personale: nel triennio 2019/2021 previste 59 assunzioni al Comune di Trani Piano del fabbisogno personale: nel triennio 2019/2021 previste 59 assunzioni al Comune di Trani Ci saranno anche progressioni verticali per i dipendenti amministrativi
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.