Apatheia

Quelli che non sono né di destra e né di sinistra

Soprattutto ora con l’approssimarsi delle votazioni

A quelli che dicono di non essere né di destra e né di sinistra, soprattutto quelli che lo sono ancor meno ora, di destra e di sinistra, con l'approssimarsi delle votazioni, a quelli che dicono che contano gli uomini non le idee, gli uomini onesti, giovani, nuovi, a quelli che dicono che alle comunali non è importante l'ideologia perché devi solo aggiustare i marciapiedi e le buche sull'asfalto, a quelli che sono di destra o di sinistra ma ci hanno già provato, alcuni più volte, e noi li ringraziamo di cuore per lo sforzo benché rivelatosi piuttosto improduttivo. Ma anche a quelli che mi fanno notare che i politici sono tutti egualmente farabutti, ladri e disonesti e me lo comunicano mentre non mi fanno lo scontrino fiscale o mi chiedono di procurargli qualche siringa, di prenderla dall'ambulanza come se non la pagasse nessuno. A quelli che dicono che votare non serve e che quindi loro non ci andranno, a quelli che sono di sinistra però mica si può essere di sinistra di sinistra.

Quando si afferma di non essere né di destra e né di sinistra, soprattutto in campagna elettorale, è come dire che non si ha un'idea, delle priorità, dei traguardi prefissati. Se è vero che il bene comune, come è facile evincere dalla semantica espressa nella preposizione, è comune a tutta la comunità, è anche vero che, purtroppo, lo è sempre meno, meno raggiungibile, per una parte di essa. È anche vero che realizzare prevalentemente o solamente il bene di quella parte di comunità meno tormentata, creerebbe un divario maggiore e, soprattutto, una condizione di disagio maggiore per l'altra parte. Realizzare dei programmi per favorire la parte disagiata, invece, oltre a diminuire le distanze, favorirebbe indirettamente anche la parte più agiata. Anche se in un periodo drammatico come quello attuale, è il ceto medio basso a risentirne in maggior misura, è lapalissiano far notare che una classe sociale già svantaggiata se ha ulteriori difficoltà, se non lavora, non acquista beni e non ha alcuna fiducia nel futuro, in breve tempo trascinerà dietro di sé, nell'abisso, anche quella che ancora per poco si può definire benestante. A questo, purtroppo, stiamo già assistendo inermi.

Poi ci sono anche quelli che affermano di non essere né di destra e né di sinistra solo perché sono vele issate in attesa che il vento giunga da destra o da sinistra, l'importante è che la prua della nave solchi al più presto le onde.

Sono d'accordo, gli uomini devono essere onesti, non necessariamente giovani, giacché i giovani, soprattutto quelli che ancora vivono, quasi sempre non per colpa loro, sotto la cappa genitoriale, la loro presunta onestà non l'hanno ancora messa veramente alla prova. Eppure vorrei conoscerla l'inconfutabile, innata ed esclusiva onestà giovanile, scolare, della piazza o quella dei volti nuovi, anche loro rappresentanti di una vita per forza irreprensibile. Può essere, naturalmente, può essere, non è un dogma.

E i marciapiedi? Le buche sull'asfalto? Visto che, pare, sia l'unica prerogativa di quelli né di destra e né di sinistra, li aggiusteremmo solo in piazza della Repubblica? Vicino ai locali eleganti riservati a pochi? Oppure prima aggiustiamo quelli della zona 167? E dopo aver riparato le strade, faremmo un concerto con i biglietti che costano un occhio, con le prime 2 file prenotate e le altre 2 con i biglietti omaggio destinati agli amici dei politici? Oppure ci preoccupiamo che tutti abbiano una casa e da mangiare?

A chi dice di non voler votare più vorrei solo ricordare che i veterani della politica hanno ed avranno sempre i loro eserciti pronti a sostenerli con i loro voti per cui se non andiamo a votare, sarà ancora più facile per loro vincere, gli serviranno meno affiliati.

Un'ultima cosa a chi dice che è utopistico essere di sinistra di sinistra. Il concetto di proprietà come di ricchezza, per realizzarsi per una persona, occorre non si realizzi per un'altra altrimenti non esisterebbe, infatti, se tutti possedessimo o fossimo ricchi o tutti non possedessimo o non fossimo ricchi, la situazione non cambierebbe. Per realizzare le umane differenze uno deve avere e l'altro no. Lo so, mi direte che questo non c'entra con l'essere di sinistra sinistra. Mi chiedo allora: è possibile realizzare un bene comune senza lasciarsi nessuno dietro? Ma davvero nessuno.
  • Comune di Trani
  • Elezioni 2015
Altri contenuti a tema
Albo dei tributaristi di fiducia, prorogato il termine per la domanda di partecipazione Albo dei tributaristi di fiducia, prorogato il termine per la domanda di partecipazione Le istanze entro il 31 dicembre
La Giunta comunale dice "Sì" ad una variante generale del piano urbanistico La Giunta comunale dice "Sì" ad una variante generale del piano urbanistico La decisione in seguito ad alcune problematiche emerse dopo il mutato quadro normativo
Volontariato, oggi i dipendenti pubblici coinvolti in una manifestazione di sensibilizzazione Volontariato, oggi i dipendenti pubblici coinvolti in una manifestazione di sensibilizzazione L’Anteas ha previsto per ognuno di loro un'azione da svolgere
Comune di Trani, presto l'assunzione di ben 59 unità Comune di Trani, presto l'assunzione di ben 59 unità L'assessore Laurora: «Ora ci attende una nuova sfida: predisporre i concorsi»
I dipendenti comunali volontari per un giorno: manifestazione a Palazzo di città I dipendenti comunali volontari per un giorno: manifestazione a Palazzo di città Predisposti dei pacchetti con azioni reali da svolgere durante la giornata
1 Piano del fabbisogno personale: nel triennio 2019/2021 previste 59 assunzioni al Comune di Trani Piano del fabbisogno personale: nel triennio 2019/2021 previste 59 assunzioni al Comune di Trani Ci saranno anche progressioni verticali per i dipendenti amministrativi
80 mila euro per l'abbattimento delle barriere architettoniche e la messa in sicurezza delle scuole 80 mila euro per l'abbattimento delle barriere architettoniche e la messa in sicurezza delle scuole Il Comune di Trani ammesso al finanziamento regionale
La sala Azzurra del Comune di Trani sarà intitolata a Giancarlo Tamborrino La sala Azzurra del Comune di Trani sarà intitolata a Giancarlo Tamborrino Bottaro: «Un modo per onorare la memoria di coloro che hanno servito la città»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.