Apatheia

Le primarie

È la stessa situazione del 2012 eccetto un'unica differenza

Le primarie mi fanno venire in mente quelle coppie che si trascinano stancamente senza amarsi, mangiano insieme cose poco appetitose comprate per dispetto, dormono insieme ma senza fare sesso, restano insieme solo perché non hanno soldi per vivere in due case, non possono permettersi di divorziare o non divorziano perché credono erroneamente di farlo per il bene dei figli. Così, su consiglio di un amico intraprendente o del prete che li ha confessati, si rivolgono ad uno psicologo esperto in separazioni coniugali per tentare di salvare il salvabile. Non funziona quasi mai, il rancore e le incomprensioni sono talmente inveterate che difficilmente i due tornerebbero sui propri passi.

Le primarie oltre ad essere il segno del fallimento di partiti che hanno ormai perso la loro funzione primaria che è quella di unire persone che abbiano una stessa ideologia, madre di programmi e progetti da mettere al servizio della comunità, provocano una sola drammatica conseguenza che è quella di dividere ulteriormente ciò che non si può più unire. L'ideologia che accomuna un partito può dividere i suoi iscritti su certi aspetti formali, per questo, abitualmente, si convocano riunioni su riunioni e alla fine si raggiunge un accordo condiviso dalla maggioranza, poi il famoso centralismo democratico suggerisce di adeguarsi a quella linea comune, se non altro perché la maggioranza ha evidentemente meno possibilità di intraprendere strade intricate rispetto alla minoranza se non addirittura rispetto ad una sola persona.

La situazione che si va delineando a Trani per le prossime amministrative è la stessa del 2012 eccetto un'unica differenza. Nel 2012 Operamolla non ha voluto partecipare all'avanspettacolo delle primarie mentre questa volta Bottaro sembra voglia salire su questo palcoscenico. La costante è Ferrante, incrollabile sostenitore delle primarie. Da questa constatazione ne deriva un fatto curioso: nel 2012 avevamo da una parte il PD e gli altri (si può affermare che quegli altri fossero piuttosto disomogenei ma probabilmente erano uniti da un candidato che sarebbe stato certamente garanzia di trasparenza), contro Uniti per Ferrante, questa volta potremmo avere da una parte il PD di Ferrante e dall'altra gli altri: Uniti contro Ferrante. È curioso ma una spiegazione ci dovrà pur essere se non si riesce a raggiungere l'unità del centro-sinistra. Non posso certo pensare che uno sia giusto e tutti gli altri siano sbagliati, è più probabile che uno si sbagli e tra tutti gli altri alcuni si sbaglino ed altri no. Perdonatemi ma non riesco a pensare che uno abbia ragione e tutti gli altri no. Soprattutto ritengo sia saggio, ogni tanto, riconoscere i propri errori, io ho sbagliato e con questo, ovviamente, non dico d'esser saggio. Comunque alea iacta est o almeno credo.

Rebus sic stantibus, noi di sinistra, dobbiamo ancora una volta e nostro malgrado, andare a votare per le primarie con la speranza di diventare una volta per tutte Uniti per la Sinistra e non per Tizio o per Caio, uniti per il popolo e per la nostra città.

Alle primarie quindi ma senza emozione. Mi viene in mente l'emozione e l'ansia delle primipare. Ci fossero le primipare.
  • PD
  • SEL Sinistra e libertà
  • Primarie
Apatheia

Apatheia

La rubrica di Rino Negrogno

Indice rubrica
La telefonata 6 marzo 2015 La telefonata
Il professore di Trani 25 gennaio 2015 Il professore di Trani
Terra mia 13 gennaio 2015 Terra mia
Le  "dita " 31 dicembre 2014 Le "dita"
Il sindaco arrestato 21 dicembre 2014 Il sindaco arrestato
Altri contenuti a tema
Da Briguglio alla famiglia Cancelli passando per il Pd: le pagelle Da Briguglio alla famiglia Cancelli passando per il Pd: le pagelle Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
A Trani convocata l'assemblea provinciale del Pd A Trani convocata l'assemblea provinciale del Pd L'appuntamento alle ore 11 presso l'auditorium San Luigi
Franco Zecchillo detto "Il Lungo": con la pensione alle porte è 10 in pagella Franco Zecchillo detto "Il Lungo": con la pensione alle porte è 10 in pagella Volpe, professori, degrado stazione e Pd. Tutti i voti della settimana
Debora Ciliento senza copertura politica, ora et labora Debora Ciliento senza copertura politica, ora et labora Tornano a far notizia le incorreggibili riunioni del Partito democratico di Trani
Nuova Giunta, la coalizione di centrosinistra ha «legittimamente scelto di dare un nuovo impulso all’azione amministrativa» Nuova Giunta, la coalizione di centrosinistra ha «legittimamente scelto di dare un nuovo impulso all’azione amministrativa» Il Pd di Trani: «Aspettiamo fiduciosi di poterci confrontare con i partiti di opposizione sui grandi temi che riguardano la Città»
1 Crisi dell'Amministrazione Bottaro, la federazione provinciale del Pd conferma il sostegno al sindaco Crisi dell'Amministrazione Bottaro, la federazione provinciale del Pd conferma il sostegno al sindaco Pasquale Di Fazio, segretario Bat: «Mandarla a casa sarebbe un ulteriore contributo al dilagare dei populismi di destra»
1 Azzeramento Giunta, Marinaro al sindaco: «Non parteciperò ad alcuna discussione inerente la sua composizione» Azzeramento Giunta, Marinaro al sindaco: «Non parteciperò ad alcuna discussione inerente la sua composizione» Il consigliere contro la scelta del sindaco evidenzia le sue ragioni
Caos maggioranza, Pd: «Favorevole a tutti i provvedimenti purché ci siano le necessarie coperture di bilancio» Caos maggioranza, Pd: «Favorevole a tutti i provvedimenti purché ci siano le necessarie coperture di bilancio» Il segretario Fernando Riccio rompe il silenzio dopo l'azzeramento della Giunta
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.