Apatheia

Le primarie

È la stessa situazione del 2012 eccetto un'unica differenza

Le primarie mi fanno venire in mente quelle coppie che si trascinano stancamente senza amarsi, mangiano insieme cose poco appetitose comprate per dispetto, dormono insieme ma senza fare sesso, restano insieme solo perché non hanno soldi per vivere in due case, non possono permettersi di divorziare o non divorziano perché credono erroneamente di farlo per il bene dei figli. Così, su consiglio di un amico intraprendente o del prete che li ha confessati, si rivolgono ad uno psicologo esperto in separazioni coniugali per tentare di salvare il salvabile. Non funziona quasi mai, il rancore e le incomprensioni sono talmente inveterate che difficilmente i due tornerebbero sui propri passi.

Le primarie oltre ad essere il segno del fallimento di partiti che hanno ormai perso la loro funzione primaria che è quella di unire persone che abbiano una stessa ideologia, madre di programmi e progetti da mettere al servizio della comunità, provocano una sola drammatica conseguenza che è quella di dividere ulteriormente ciò che non si può più unire. L'ideologia che accomuna un partito può dividere i suoi iscritti su certi aspetti formali, per questo, abitualmente, si convocano riunioni su riunioni e alla fine si raggiunge un accordo condiviso dalla maggioranza, poi il famoso centralismo democratico suggerisce di adeguarsi a quella linea comune, se non altro perché la maggioranza ha evidentemente meno possibilità di intraprendere strade intricate rispetto alla minoranza se non addirittura rispetto ad una sola persona.

La situazione che si va delineando a Trani per le prossime amministrative è la stessa del 2012 eccetto un'unica differenza. Nel 2012 Operamolla non ha voluto partecipare all'avanspettacolo delle primarie mentre questa volta Bottaro sembra voglia salire su questo palcoscenico. La costante è Ferrante, incrollabile sostenitore delle primarie. Da questa constatazione ne deriva un fatto curioso: nel 2012 avevamo da una parte il PD e gli altri (si può affermare che quegli altri fossero piuttosto disomogenei ma probabilmente erano uniti da un candidato che sarebbe stato certamente garanzia di trasparenza), contro Uniti per Ferrante, questa volta potremmo avere da una parte il PD di Ferrante e dall'altra gli altri: Uniti contro Ferrante. È curioso ma una spiegazione ci dovrà pur essere se non si riesce a raggiungere l'unità del centro-sinistra. Non posso certo pensare che uno sia giusto e tutti gli altri siano sbagliati, è più probabile che uno si sbagli e tra tutti gli altri alcuni si sbaglino ed altri no. Perdonatemi ma non riesco a pensare che uno abbia ragione e tutti gli altri no. Soprattutto ritengo sia saggio, ogni tanto, riconoscere i propri errori, io ho sbagliato e con questo, ovviamente, non dico d'esser saggio. Comunque alea iacta est o almeno credo.

Rebus sic stantibus, noi di sinistra, dobbiamo ancora una volta e nostro malgrado, andare a votare per le primarie con la speranza di diventare una volta per tutte Uniti per la Sinistra e non per Tizio o per Caio, uniti per il popolo e per la nostra città.

Alle primarie quindi ma senza emozione. Mi viene in mente l'emozione e l'ansia delle primipare. Ci fossero le primipare.
  • PD
  • SEL Sinistra e libertà
  • Primarie
Altri contenuti a tema
Pd, la segreteria di Trani mette a tacere le polemiche e ribadisce il sostegno all'Amministrazione Bottaro Pd, la segreteria di Trani mette a tacere le polemiche e ribadisce il sostegno all'Amministrazione Bottaro «Le dichiarazioni espresse da singoli consiglieri o amministratori iscritti sono infondate nei contenuti e inopportune»
Il Pd si prepara al Congresso Nazionale: apertura straordinaria del circolo di Trani per il tesseramento Il Pd si prepara al Congresso Nazionale: apertura straordinaria del circolo di Trani per il tesseramento Il 19 gennaio convenzione cittadina per l'elezione dei delegati provinciali
Elezioni provinciali, Di Fazio: «Segnale di rinascita del Pd in questo territorio» Elezioni provinciali, Di Fazio: «Segnale di rinascita del Pd in questo territorio» L'esponente di centrosinistra commenta soddisfatto il risultato
Elezioni provinciali, il Pd convoca una conferenza stampa a Trani Elezioni provinciali, il Pd convoca una conferenza stampa a Trani Tra i punti oggetto di discussione anche il commissariamento dei circoli di Bisceglie e Barletta
Elezioni provinciali, urla e spintoni alle presentazione delle liste. Pd Bat: «Restiamo basiti» Elezioni provinciali, urla e spintoni alle presentazione delle liste. Pd Bat: «Restiamo basiti» Ed aggiungono: «E' evidente una profonda frattura nel centrodestra, è in atto un regolamento di conti interno»
3 Dissesto politico e idrologico: un altro zero in pagella Dissesto politico e idrologico: un altro zero in pagella Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
Incidente dei braccianti sulla SS16, Messina (PD): «Lo Stato deve agire e assumersi responsabilità» Incidente dei braccianti sulla SS16, Messina (PD): «Lo Stato deve agire e assumersi responsabilità» La senatrice di Fronte Democratico è intervenuta anche sulla questione vaccini
3 Pd, Amiu ed Amet: gli enigmi dell'estate tranese Pd, Amiu ed Amet: gli enigmi dell'estate tranese Perché il sindaco non consente l'avvio dell'iter per i parcometri?
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.