Apatheia

La prescrizione ed i ladri di galline

Che bella invenzione la prescrizione...

Che bella invenzione la prescrizione. Mentre a Trani sembrano aumentare i reati tipici di una popolazione disperata perché affamata e senza lavoro, come scippi, rapine, furti d'auto, assistiamo increduli alla favola della prescrizione, al buon esempio. Si può far cadere una nazione per guadagnar tempo fino alla prescrizione?

La fame, come il reato di chi ruba una gallina per fame, non va mai in prescrizione e le galere, infatti, sono piene per lo più di chi ruba per fame. Più rubi e più sei sazio e meno vai in galera. Generalmente può usufruire della prescrizione chi è ricco e potente ed è diventato più ricco e potente con il suo operato prescritto. Se fossi innocente ma accusato di un reato non mi avvarrei mai del beneficio della prescrizione e chiederei con tutte le mie forze di essere processato. Se un ipotetico fondatore di un'associazione o partito non si comportasse così e, quindi, non si lasciasse giudicare, andrei via subito da quell'associazione o partito a meno che non fossi come l'ipotetico fondatore. Non mi piace la libertà da prescrizione e né vorrei far parte di un popolo delle libertà da prescrizione.

Per i reati da fame che ultimamente sembrano aumentare a Trani, chiedo agli amministratori un impegno per rendere la città più sicura non solo con un dispiegamento maggiore di forze dell'ordine, ma anche creando e promuovendo le condizioni per togliere fame e disperazione ai cittadini più sfortunati. Per tirare su il morale e non solo quello alla città, costruiamo le case popolari, creiamo lavoro e debelliamo fame e disperazione. Sicuramente i reati non prescrivibili di chi ruba le galline diminuiranno.
    Apatheia

    Apatheia

    La rubrica di Rino Negrogno

    Indice rubrica
    La telefonata 6 marzo 2015 La telefonata
    Le primarie 15 febbraio 2015 Le primarie
    Il professore di Trani 25 gennaio 2015 Il professore di Trani
    Terra mia 13 gennaio 2015 Terra mia
    Le  "dita " 31 dicembre 2014 Le "dita"
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.