Chiaro e Tondo

Allora, questo teatro?

Chiaro e Tondo 41

Non fosse perchè ci sono in bilico anche le famiglie degli ex dipendenti del Supercinema, avrei aspettato ancora un po' prima di ritornare sull'argomento. Ma il fatto è che le settimane passano e l'argomento teatro, con tutte le osservazioni, le proposte e le sfumature che aveva comportato, sembra essere sparito nel nulla.

Intanto ricordiamo che c'era (nel precedente pezzo non l'avevo menzionato) un intervento dell'ACLI che aveva spinto verso una soluzione subitanea, che coincideva poi anche con quella promossa da queste colonne.

Sfruttando appunto la struttura già esistente dello stesso Supercinema. Da colloqui con addetti ai lavori ci risulta che qualcun'altro si sia "affacciato", per informazioni su prezzi circa la vendita o un nuovo affitto per una nuova gestione. Dopo di che: il nulla. Diamo atto al Consigliere Gigi Riserbato di essere stato l'unico, e il primo, ad affrontare, tra i politici, l'argomento in Consiglio.

Al momento tutto tace. La sortita del Sindaco sulla questione ha dato l'impressione più di un "sondaggio" casereccio, per sondare appunto umori e reazioni della piazza sull'ipotesi di un nuovo teatro : ma lui stesso sa che con 5 milioni di euro si potrebbero costruire solo le fondamenta, per dire. La somma si sa che non basterebbe per costruire una stuttura ex novo. Dopo di che resterebbero in piedi due ipotesi: o qualche privato ( vedi proposta ACLI) si rimbocca le maniche e si accorda nel frattempo da subito, senza far passare altro tempo, per un affitto ragionevole, con la proprietà, dando vita ad una nuova gestione, provvedendo a riassumere gli ex dipendenti, che poi costituivano la vecchia gestione, ma che in un modo o nell'altro garantirebbero quell'apporto di esperienza e professionalità (un nome su tutti, lo storico proiezionista Vittorio Salvagno). E poi vorrei anche ricordare, che, al di là del contenzioso in atto, la vecchia gestione aveva investito parecchi denari per rendere la struttura idonea e moderna non solo come cinema, ma anche come teatro (rifacimento totale dei camerini e adeguamenti vari).

Oppure, ipotesi più suggestiva e che richiederebbe tempi più lunghi: il Comune si serve di quei 5 milioni di euro per rilevare la prorpietà del Supercinema,lo adatta nel miglior modo possibile a teatro , magari sfruttando qualche sponsor (sarebbe il modo per vedere se il nome di Trani, come dice D'Ambrosio, ha un marchio sfruttabile all'esterno) e lo dedica al commediografo tranese Luigi Chiarelli. Teatro Comunale "Luigi Chiarelli". Sipario!
  • Teatro di Trani
Altri contenuti a tema
Teatro, mercoledì 28 in scena il "Don Chischiotte" Teatro, mercoledì 28 in scena il "Don Chischiotte" Un viaggio inconsueto, ironico e profondo. A raccontarlo la compagnia Artisti Riuniti
Comitato Pozzopiano, Amedeo Bottaro, stagione teatrale e tanti altri Comitato Pozzopiano, Amedeo Bottaro, stagione teatrale e tanti altri Le Pagelle di Giovanni Ronco
Doppio appuntamento con Vergassola, tra libri e teatro Doppio appuntamento con Vergassola, tra libri e teatro Il comico genovese ospite di Luna di Sabbia e Impero
Musica e recitazione a 70 anni dalla pasquetta di sangue Musica e recitazione a 70 anni dalla pasquetta di sangue Serata a tema dell'Auser: "Il teatro che non c'è"
Il San Ferdinando, vanto di una città Il San Ferdinando, vanto di una città Era il più antico di Puglia. Trani lo ricorda il 27 aprile
Il Comune di Trani vuole acquistare il Supercinema Il Comune di Trani vuole acquistare il Supercinema Ipotizzata una permuta con un bene di proprietà comunale
Palpata semper certa, teatro no Palpata semper certa, teatro no Chiaro e Tondo 202
Supercinema, Tarantini alza le mani: «Altri i nostri progetti» Supercinema, Tarantini alza le mani: «Altri i nostri progetti» Fumata nera nell'incontro con le associazioni
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.