Chiaro e Tondo

Odio l'estate...

Chiaro e Tondo 24

Certe volte viene da pensare che sembri davvero assurdo che una compagine politica in grado di incamerare tanto consenso come quella di Tarantini e soci, scivoli malamente in una storia apparentemente secondaria, rispetto alle esigenze primarie di una città o a "blocchi" ancor più pericolosi come il nuovo PUG, con tutti gli annessi e connessi.

Cioè, -si pensa-, se la richiesta di rinvio a giudizio, con accuse francamente pesantissime per un gruppo di ammnistratori, roba da stroncare più carriere politiche o istituzionali, sfociasse in condanna, viene da dire, di getto, che è veramente assurdo, buttare all'aria anni di lavoro e "imbrattarsi" la faccia, subendo accuse tanto pesanti, per riempire Piazza Quercia o Piazza Teatro una ventina di serate di fila nell'ambito di due estati.

Una domanda alla Candido di Voltaire: ma ne valeva la pena? Daccordo che Trani andava "rilanciata", che si veniva da estati magre d'eventi e di gente, ma se il prezzo da pagare era tanto alto, se le accuse dei giudici dovevano arrivare con questa valanga di spigoli e chiodi sul sedere degli accusati, almeno fino alla fine del processo, se alcune emittenti tv locali devono arrivare ad oscurare la stessa notizia del rinvio a giudizio, come più d'un lettore ha notato, adombrando a sua volta la propria credibilità, se le casse comunali erano nel 2005 già dissestate e gravate da debiti... A chi è giovata la "frittata" che poi, al momento, in attesa di giudizio, viene versata nel piatto a crudo, senza mezzi termini dai giudici?

Non è possibile che per far godere qualche coratino o andriese in più, per tenere in archivio foto qualche immagine in più di Piazza Quercia straripante di gente, si arrivasse ad inciampare in tal modo nelle maglie della magistratura, nell'immaginario collettivo, che si alimenta vieppiù della frase:" Sono tutti una razza, i politici", che in una parola, insomma, ci si mettesse in condizione di essere "pizzicati".

E qui va dato atto all'opposizione, spesso criticata da queste colonne, ma ora, obiettivamente "risarcita", di aver fatto, fino a questo punto, il suo mestiere, denunciando la vicenda alla magistratura e sollevando un problema di fondo che sta a cuore a tutti: i debiti contratti per finanziare le famigerate estati sono ricaduti sul portafoglio dei tranesi. E' questo il dato di fatto che fa intostar la nervatura tranese, indipendentemente da quello che sarà l'esito processuale per gli attori in scena.

Ai posteri la sentenza, ai contemporanei, nelle varie direzioni, cittadini che pagano, politici e funzionari accusati, la vecchia cara supposta. E vai con la sigla: Bruno Martino in... Odio l'estate.
  • Inchiesta "Estati Tranesi"
Altri contenuti a tema
3 Inchiesta Estati tranesi, nessuno ha chiesto scusa a "Tarantini e co." Inchiesta Estati tranesi, nessuno ha chiesto scusa a "Tarantini e co." Dai pettegolezzi al silenzio passando per la gogna mediatica
Inchiesta "Estati tranesi", annullata la conferenza annunciata per oggi Inchiesta "Estati tranesi", annullata la conferenza annunciata per oggi Il rinvio dovuto alla mancanza degli atti in arrivo da Roma
Processo "Estati tranesi", la rabbia dell'ex Sindaco Tarantini Processo "Estati tranesi", la rabbia dell'ex Sindaco Tarantini «Dopo la condanna ricevuta con queste motivazioni, mi dimetto da Italiano»
C'era una volta Pinuccio T. C'era una volta Pinuccio T. Funghi NCD, Carlo Conti MDP, maretta PD. Pre requiem alfaniano?
Processo estati: l'ex sindaco di Trani Tarantini condannato a 2 anni e 4 mesi Processo estati: l'ex sindaco di Trani Tarantini condannato a 2 anni e 4 mesi Condanna anche per Scagliarini, Mangione, De Feudis, Squiccimarro e Quinto
A come Asso (di bastone), P come Pittella A come Asso (di bastone), P come Pittella Seconda puntata del Dizionario Tranese
Processo Estati Tranesi, Savasta invoca 5 anni di reclusione per Tarantini Processo Estati Tranesi, Savasta invoca 5 anni di reclusione per Tarantini Chieste altre quattro condanne. La prossima udienza fissata per il 28 novembre
Concerto dei Jamiroquai, il Comune ora balla in tribunale Concerto dei Jamiroquai, il Comune ora balla in tribunale «Omesso pagamento». La società Di e Gi chiede 30mila euro
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.