Lampare al fortino
Lampare al fortino
Cronaca

Presunti illeciti nella gestione del contenzioso con Le Lampare, ascoltato in Procura Michele Capurso

Le dichiarazioni del responsabile dell’ufficio legale del Comune hanno ricalcato quelle rese dal sindaco

Ricevuto l'avviso di conclusione delle indagini per l'inchiesta sui presunti illeciti nella gestione del contenzioso col ristorante Le Lampare al Fortino, aveva chiesto di esser interrogato dal pubblico ministero Francesco Aiello per chiarire il proprio ruolo e cercare di evitare la richiesta di rinvio a giudizio. L'avvocato Michele Capurso, responsabile dell'ufficio legale del Comune, è stato così ascoltato in Procura. Anche la sua, come quello che aveva già sostenuto il sindaco di Trani Amedeo Bottaro, è stato un interrogatorio protrattosi per diverse ore. Le sue dichiarazioni hanno ricalcato quelle rese dal primo cittadino.

Capurso ha sostenuto che i 60mila euro non pagati dalla Sas Le Lampare di Del Curatolo Antonio & C. non rientravano nella sentenza a favore del Comune. Infatti l'Ente aveva conseguito dal tribunale un decreto ingiuntivo di pagamento per 190mila euro, stralciando dunque dalla maggior somma vantata i 69mila euro sostenti dalla Società per il rifacimento del solaio del locale di proprietà del Comune. Capurso ha riferito che quando espresse il parere legale la sentenza di rigetto dell'opposizione a decreto ingiuntivo promossa dalla Società non era ancora passata in giudicato. Anche Capurso, difeso dall'avvocato Bepi Maralfa, ha sostenuto che la spesa per il rifacimento del solaio del ristorante (per cui la Società anticipò i 60mila euro) spettava solo al Comune in quanto l'intervento, per sua natura, non può rientrare nella nozione di straordinaria manutenzione, cui era invece tenuta la Società in virtù del contratto di concessione.

Il legale del Comune ha, inoltre, sostenuto che i lavori per l'intero rifacimento del solaio non possono rientrare nel novero delle opere di straordinaria amministrazione a cui comunque era tenuta la Società. Oltre che a Bottaro e a Capurso, la Procura contesta i reati di abuso d'ufficio e falso in concorso agli ex assessori Giovanni Capone, Raffaella Bologna, Debora Ciliento, Grazia Di Staso, al tuttora assessore Luca Lignola ed all'ex dirigente del settore lavori pubblici e patrimonio Giovanni Di Donna. Sembrerebbe che il pubblico ministero miri, attraverso gli interrogatori, a suffragare l'ipotesi che la tardiva richiesta dei canoni, la successiva dilazione di pagamento e la compensazione delle spese sostenute dalla Società per il rifacimento del solaio abbiano avuto una sorta di "padrino politico", nonostante le diverse amministrazioni comunali succedutesi.
  • Procura di Trani
Altri contenuti a tema
Omicidio Gomes Aldomiro: accolto il ricorso della Procura di Trani avverso alla misura cautelare Omicidio Gomes Aldomiro: accolto il ricorso della Procura di Trani avverso alla misura cautelare Ora si dovrà attendere la determinazione della Corte di Cassazione
Minacce a testimoni, condannati gli ex pm di Trani Michele Ruggiero e Alessandro Pesce Minacce a testimoni, condannati gli ex pm di Trani Michele Ruggiero e Alessandro Pesce L'indagine riguarda presunte pressioni fatte dai due su tre testimoni di un'inchiesta
Procuratore di Trani: il Consiglio di Stato dà ragione a Nitti ma Di Maio per ora resta al secondo piano di piazza Duomo Procuratore di Trani: il Consiglio di Stato dà ragione a Nitti ma Di Maio per ora resta al secondo piano di piazza Duomo Con la sentenza di oggi il Consiglio di Stato sconfessa nuovamente il Consiglio superiore della Magistratura
Giudici corrotti, chiesto rinvio a giudizio per 10 imputati Giudici corrotti, chiesto rinvio a giudizio per 10 imputati Si andrà davanti al gip il prossimo 11 settembre
Spaccio di droga nel centro di Andria, tra gli arrestati anche un 33enne di Trani Spaccio di droga nel centro di Andria, tra gli arrestati anche un 33enne di Trani L'operazione della Polizia di Stato a seguito di numerosi servizi di pedinamento
L'ex procuratore tranese Carlo Capristo nel registro degli indagati per abuso di ufficio L'ex procuratore tranese Carlo Capristo nel registro degli indagati per abuso di ufficio Al centro la vicenda dell'esposto anonimo sul presunto complotto contro l'Eni recapitato alle procure di Trani e Siracusa
1 Chiavi della città: dalla Procura le precisazioni sul dissequestro dei beni del sindaco Chiavi della città: dalla Procura le precisazioni sul dissequestro dei beni del sindaco Il procuratore Di Maio: «Il Tribunale non ha accolto l’istanza dell’indagato»
Chiavi della città, Cosmo Giancaspro resta in carcere Chiavi della città, Cosmo Giancaspro resta in carcere Rigettata l'istanza di revoca presentata dalla difesa. Ancora ai domiciliari gli altri quattro
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.