Carcere di Trani
Carcere di Trani
Cronaca

Sette boss scarcerati nel Barese, tra loro il tranese Gaetano Rano

Domiciliari anche per il presunto estorsore Armando Presta

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Si apprende dall'Ansa che sono sette, due dei quali ritenuti pericolosi, i pregiudicati del Barese che hanno lasciato il carcere nei giorni scorsi a seguito dell'emergenza coronavirus ed hanno ottenuto tutti gli arresti domiciliari. I due esponenti di rilievo nella geografia criminale locale sono il presunto boss malavitoso di Trani Gaetano Rano, ritenuto in passato vicino all'allora capoclan Salvatore Annacondia prima che questi si pentisse, e l'andriese Valerio Capogna. Rano nel 2014 fu coinvolto in un blitz sul narcotraffico dalla Colombia al Nord Barese.

Il 7 aprile 2019 fu ferito di striscio al collo da un colpo di pistola mentre era davanti ad un bar. Capogna è il figlio di Vito che fu ucciso in un agguato il 25 luglio scorso. Valerio Capogna, assieme al fratello Pietro, aveva deciso di vendicare la morte del padre: per questo i due fratelli furono arrestati nel febbraio scorso per detenzione di armi (anche un kalashnikov) aggravate dal metodo mafioso con le quali avrebbero dovuto vendicare loro padre. Sia Rano sia Capogna hanno gravi problemi di salute.

Gli altri 5 scarcerati sono il presunto trafficante di droga di Conversano Nicola Laselva, Armando Presta, presunto estorsore tranese, Vincenzo Sassanelli, Ruggiero Brancacci e Antonio Lovreglio, figlio di Battista. Un ottavo pregiudicato scarcerato e posto ai domiciliari è Nicola Capriati, barese, da tempo residente in Veneto del quale si è occupata la Dda di Venezia.
  • Carcere di Trani
Altri contenuti a tema
Nel carcere di Trani un'ex magistrata rumena, su di lei pendeva un mandato di arresto europeo Nel carcere di Trani un'ex magistrata rumena, su di lei pendeva un mandato di arresto europeo Ora attenderà in Puglia l’esito della richiesta di estradizione
Carcere femminile: il 2 luglio la presentazione della garante dei detenuti Elisabetta De Robertis Carcere femminile: il 2 luglio la presentazione della garante dei detenuti Elisabetta De Robertis La sua elezione nel corso dell'ultimo Consiglio comunale
Entro giugno nuovi reparti detentivi nelle carceri pugliesi, c'è anche Trani Entro giugno nuovi reparti detentivi nelle carceri pugliesi, c'è anche Trani Mastrulli (Cosp): «Situazione che crea ulteriori preoccupazioni nel sindacato per le condizioni di lavoro al limite dei poliziotti»
1 L'arcivescovo oggi in visita al carcere di Trani L'arcivescovo oggi in visita al carcere di Trani D’Ascenzo nella casa circondariale per esprimere la sua vicinanza e solidarietà
Ancora caos nel carcere di Trani: questa volta è sciopero della fame Ancora caos nel carcere di Trani: questa volta è sciopero della fame I detenuti protestano per la mancanza dei colloqui con i parenti e non solo
Nel carcere di Trani detenuti a lavoro per produrre mascherine Nel carcere di Trani detenuti a lavoro per produrre mascherine Nuovo progetto per far fronte all'emergenza sanitaria del Covid-19
Coronavirus, il sindacato Siap al fianco dei colleghi poliziotti delle regioni più colpite Coronavirus, il sindacato Siap al fianco dei colleghi poliziotti delle regioni più colpite Francesco Tiani: «È davvero il tempo di "stringiamoci a coorte»
Carceri italiane, dopo i recenti disordini in arrivo più di mille agenti di Polizia penitenziaria Carceri italiane, dopo i recenti disordini in arrivo più di mille agenti di Polizia penitenziaria La senatrice Piarulli (M5S): «Rinforzi di personale necessari per garantire la sicurezza e il rispetto dei diritti»
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.