Carcere di Trani
Carcere di Trani
Cronaca

Sette boss scarcerati nel Barese, tra loro il tranese Gaetano Rano

Domiciliari anche per il presunto estorsore Armando Presta

Si apprende dall'Ansa che sono sette, due dei quali ritenuti pericolosi, i pregiudicati del Barese che hanno lasciato il carcere nei giorni scorsi a seguito dell'emergenza coronavirus ed hanno ottenuto tutti gli arresti domiciliari. I due esponenti di rilievo nella geografia criminale locale sono il presunto boss malavitoso di Trani Gaetano Rano, ritenuto in passato vicino all'allora capoclan Salvatore Annacondia prima che questi si pentisse, e l'andriese Valerio Capogna. Rano nel 2014 fu coinvolto in un blitz sul narcotraffico dalla Colombia al Nord Barese.

Il 7 aprile 2019 fu ferito di striscio al collo da un colpo di pistola mentre era davanti ad un bar. Capogna è il figlio di Vito che fu ucciso in un agguato il 25 luglio scorso. Valerio Capogna, assieme al fratello Pietro, aveva deciso di vendicare la morte del padre: per questo i due fratelli furono arrestati nel febbraio scorso per detenzione di armi (anche un kalashnikov) aggravate dal metodo mafioso con le quali avrebbero dovuto vendicare loro padre. Sia Rano sia Capogna hanno gravi problemi di salute.

Gli altri 5 scarcerati sono il presunto trafficante di droga di Conversano Nicola Laselva, Armando Presta, presunto estorsore tranese, Vincenzo Sassanelli, Ruggiero Brancacci e Antonio Lovreglio, figlio di Battista. Un ottavo pregiudicato scarcerato e posto ai domiciliari è Nicola Capriati, barese, da tempo residente in Veneto del quale si è occupata la Dda di Venezia.
  • Carcere di Trani
Altri contenuti a tema
Doni e dolci per i detenuti degli Istituti Penali di Trani Doni e dolci per i detenuti degli Istituti Penali di Trani L'iniziativa solidale dei Padri Trinitari di Andria
1 Quarant'anni fa la rivolta nel Supercarcere di Trani Quarant'anni fa la rivolta nel Supercarcere di Trani La rivolta tenne l'Italia col fiato sospeso per gli ostaggi sotto minaccia armata, liberati con un blitz eroico del Gis dei carabinieri
Carcere di Trani, affidato il primo l'incarico per la ristrutturazione della ex sezione blu Carcere di Trani, affidato il primo l'incarico per la ristrutturazione della ex sezione blu Presto i lavori nell'ala del penitenziario che fu di massima sicurezza. Soddisfazione della sen. Piarulli (M5S)
Dopo oltre quarant'anni chiude la "sezione blu" del carcere di Trani Dopo oltre quarant'anni chiude la "sezione blu" del carcere di Trani I detenuti trasferiti in un nuovo padiglione
Carcere di Trani, Mastrulli (Cosp): «Auspichiamo che non siano disposti trasferimenti da altri istituti» Carcere di Trani, Mastrulli (Cosp): «Auspichiamo che non siano disposti trasferimenti da altri istituti» Intervento del sindacato sull'imminente apertura del nuovo padiglione
Protesta al Carcere di Trani, i sindacati: «Vogliamo la chiusura della sezione blu» Protesta al Carcere di Trani, i sindacati: «Vogliamo la chiusura della sezione blu» «L'apertura del padiglione deve avvenire nel momento in cui verranno inviati almeno 50 poliziotti»
Carcere di Trani, la senatrice Piarulli chiede la chiusura della vecchia sezione di massima sicurezza Carcere di Trani, la senatrice Piarulli chiede la chiusura della vecchia sezione di massima sicurezza Ed aggiunge: "A seguito l'apertura del nuovo padiglione, disposte 44 unità"
Apertura del nuovo padiglione nel Carcere di Trani, sindacati in protesta Apertura del nuovo padiglione nel Carcere di Trani, sindacati in protesta «Si apre senza personale  e senza chiudere la sezione della vergogna»
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.