Frecciargento
Frecciargento
Attualità

Treni turistici per il Salento, insorgono le comunità del Gargano e della Bat

Non fermeranno nella parte settentrionale della regione, danneggiando i flussi di alcune città

FS Treni Turistici Italiani, società del Polo Passeggeri del Gruppo FS, in queste settimane aumenterà l'offerta estiva con due nuovi collegamenti: Roma-Lecce e Milano-Nizza. «Una rimodulazione dei servizi, verso il Salento - si legge in una nota di Trenitalia - con un treno notturno e verso la Costa Azzurra con un "Espresso" diurno, che nasce dell'esigenza di rispondere velocemente alla crescente domanda turistica, dentro e fuori i confini nazionali. Il collegamento Roma-Lecce è una novità assoluta. Si parte il 18 luglio per offrire una nuova esperienza di vacanza a supporto del turismo sostenibile e di qualità, che contribuirà a soddisfare le esigenze di mobilità da e verso la Puglia. Il treno fermerà a Caserta per poi procedere, senza ulteriori soste lungo la notte, verso la Puglia. Qui fermerà a Bari Centrale, Polignano a Mare, Monopoli, Fasano, Ostuni, Carovigno, Brindisi e Lecce. Al comfort delle carrozze letto si unisce il servizio ristorante nel vagone dedicato e la possibilità di portare a bordo bagagli e attrezzature sportive, grazie a un vagone dedicato».

Proprio su questo punto, però, si sono sollevate polemiche e rimostranze dalle comunità garganiche e del foggiano, ma anche della Bat e di tutta la Puglia Imperiale. Il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti, ha chiesto di riconsiderare questa decisione che penalizzerebbe un'area che intercetta circa un terzo dei flussi turistici regionali. Malumori anche a Trani, dove il treno non fermerà affatto, Barletta e nelle comunità costiere della Bat e del Nord Barese, quali Bisceglie, Molfetta e Giovinazzo, che negli ultimi anni sono notevolmente cresciute. Non l'hanno presa bene nemmeno ad Andria (c'è Castel del Monte ed una fermata a Trani o Barletta farebbe comodo) ed a Margherita di Savoia.

Il Gruppo FS si è difeso ribadendo come l'offerta di collegamenti standard resti immutata, ma a molti amministratori del centro-nord della Puglia è apparso uno sgarbo su cui avviare riflessioni da parte dei vertici societari. Chissà che nelle prossime ore non vi possa essere un ripensamento per cercare di venire incontro a città e borghi che hanno visto la loro offerta lievitare nell'ultimo decennio.
  • Trenitalia
Altri contenuti a tema
9 Allarme bomba, in ripresa graduale la circolazione ferroviaria sospesa dalle 6.30 Allarme bomba, in ripresa graduale la circolazione ferroviaria sospesa dalle 6.30 Previsto rimborso biglietti per chi ha perso il viaggio
Frana sulla linea, l'offerta alternativa di Trenitalia da e per Trani Frana sulla linea, l'offerta alternativa di Trenitalia da e per Trani Le informazioni utili ai viaggiatori
Frana in Irpinia, sospesa circolazione ferroviaria tra Caserta e Trani Frana in Irpinia, sospesa circolazione ferroviaria tra Caserta e Trani Tecnici al lavoro per il ripristino dell’infrastruttura. Attivati bus sostitutivi
Treni, anche a Trani modifiche alla circolazione ferroviaria dal 3 al 17 marzo Treni, anche a Trani modifiche alla circolazione ferroviaria dal 3 al 17 marzo Previsti lavori straordinari nella stazione di Polignano a Mare
Rapporto Pendolaria, da Trani a Bari una delle peggiori linee ferroviarie italiane Rapporto Pendolaria, da Trani a Bari una delle peggiori linee ferroviarie italiane Lo stabilisce l'annuale resoconto di Legambiente
Richiedenti asilo sui binari: ancora disagi per i pendolari di Trani Richiedenti asilo sui binari: ancora disagi per i pendolari di Trani Situazione in evoluzione. Ritardi di mezz'ora
Disagi ai pendolari di Trani. I sindacati scrivono al Prefetto di Bari Disagi ai pendolari di Trani. I sindacati scrivono al Prefetto di Bari Sotto la lente d'ingrandimento le continue presenze di migranti sui binari all'altezza di Palese
Ritardi e soppressioni: ancora disagi per i pendolari di Trani Ritardi e soppressioni: ancora disagi per i pendolari di Trani Circolazione rallentata dalle 14.40 del 12 dicembre per presenza di persone non autorizzate lungo la tratta adriatica
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.