Agorà

Ripuliamo la città

Regolamenti stringenti per le sale slot

Tutti i sistemi culturali hanno delle controindicazioni, oltre ai vantaggi che ne hanno facilitato l'adozione. Vedere la cultura come il prodotto di un cambiamento storico è un invito a fare un passo indietro, a valutare obiettivamente la situazione e a prendere in considerazioni un ulteriore cambiamento. Non è mio obiettivo modificare la cultura che ci ha tramandato la storia soprattutto nell'ultimo periodo. Si può quantomeno prendere in considerazione la possibilità di una modificazione. Nella nostra situazione cittadina ci sono sicuramente ancora spazi di miglioramento. Miglioramento delle situazioni nell'ambiente (raccolta differenziata), nel gioco (slot machines), nelle attività e manifestazioni culturali.

Per ripulire la città oggi mi permetto di formulare queste tre proposte. Pur se riguardano ambiti differenti contribuiscono tutte al nostro benessere. Per la raccolta differenziata, ad esempio, in Italia vi è la previsione che piatti e bicchieri di plastica possano seguire la stessa sorte delle bottiglie di plastica e dei flaconi di detersivo. Prima di essere raccolti devono però essere ripuliti dal residuo dei cibi e bevande. Certamente non lavandoli, altrimenti non ci sarebbe altrimenti alcun vantaggio al riuso. Il riciclo delle stoviglie non è ancora possibile in tutti i Comuni italiani: l'accordo tra Comuni (Consorzio nazionale degli imballaggi) e l'Anci (Associazione nazionale dei Comuni d'Italia) non è vincolante. Prima di procedere alla raccolta, è meglio chiedere informazioni alla nostra Amiu. Chi ama veramente l'ambiente, però, non usa stoviglie usa e getta. Ridurre i rifiuti è la prima regola, poi si passa al riciclo.

La città di Trani, come altre città italiane, usi regolamenti stringenti relativi all'apertura delle sale da gioco per tutelare le categorie sociali più fragili, su tutti minori ed anziani, con un occhio di riguardo ai luoghi dove vengono collocate le macchinette. Le sale da gioco rispettino una distanza minima dai luoghi considerati sensibili come scuole, chiese, oratori, residenze per anziani, luoghi ricreativi. Per evitare paradossi clamorosi dove le sale da gioco hanno sede nelle immediate vicinanze di luoghi dove c'è gente che impegna il propio tempo e cuore per educare verso il bene e le virtù. Il comune, in primis, deve considerare la dipendenza dal gioco d'azzardo al pari di altre dipendenze, come la droga o l'alcool e comportarsi di conseguenza.

Nella nostra città inoltre si potrebbe far nascere un tribunale della cultura. La fiducia nella giustizia e la sua efficienza, costituiscono la legittimità di questo tribunale speciale. La giuria potrebbe essere composta da personalità cittadine indipendenti. Naturalmente perchè la sua attività sia credibile, occorre che i suoi componenti esercitino il loro compito in totale gratuità. Non avrebbe alcuna giustificazione etica lucrare su qualcosa che dovrebbe essere utile alla nostra città per selezionare ed esprimere giudizi verso le manifestazioni e attività cittadine culturali. Sarebbe utile anche al fine di selezionarne anualmente le migliori e farle crescere, magari con il sostegno di sponsor istituzionali o privati illuminati.
  • Slot machines
Altri contenuti a tema
Carabinieri contro il gioco d'azzardo, 580 attività ispezionata Carabinieri contro il gioco d'azzardo, 580 attività ispezionata 25 videopoker sequestrati e sanzioni per 163mila euro
Dipendenze da gioco e sostanze, è partito il progetto dell'Oasi2 Dipendenze da gioco e sostanze, è partito il progetto dell'Oasi2 Offerti servizi di primo ascolto, colloqui di gruppo e psicoterapia
Gioco e scommesse: pratiche in forte aumento nella nostra città Gioco e scommesse: pratiche in forte aumento nella nostra città Sottile il margine tra divertimento e patologia, combattere il fenomeno facendosi aiutare
Perde alle slot machine e aggredisce il titolare del bar: un tranese ai domiciliari Perde alle slot machine e aggredisce il titolare del bar: un tranese ai domiciliari Il 31enne identificato grazie alle immagini della videosorveglianza
Rapinarono una sala slot di Trani, arrestati due baresi Rapinarono una sala slot di Trani, arrestati due baresi La rapina avvenne lo scorso 14 gennaio in via Barletta, rubati 3.500 euro
Gioco d'azzardo e lotterie, nel 2010 nella Bat si bruceranno 350 milioni di euro Stima pari alla somma dei bilanci di tutti i Comuni
Nicola, centinaia di milioni buttati al videopoker Rosa Barca e le nostre storie di città
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.