Agorà

Lavoro e crisi, dal suicidio alla speranza

Intervento a difesa del dolore e la riservatezza della famiglia

Dopo la morte di un proprio familiare, una cara amica mi chiede di intervenire pubblicamente per difendere il dolore e la riservatezza della famiglia, di chi rimane ad affrontare i tanti problemi che il disperato lascia da gestire. Nella gestione di questi momenti difficili della propria famiglia e dei figli (anche minori) che non sono in grado di capire le varie facce dell'intera tragica situazione, è necessario una nuova etica da far nascere. Non è economica, politica, professionale. E' cristiana. Sta nella comprensione, nella solidarietà.

Il richiamo è indirizzato verso ognuno di noi per osservare - meglio per rispettare - la sofferenza ed il dolore portato dalla crisi, dal prezzo che si scarica sulle famiglie e nelle piccole aziende. Non ci sono soltanto gli imprenditori debitori in crisi, i lavoratori debitori in crisi, ma il problema riguarda tutti. Anche gli imprenditori creditori in crisi, i lavoratori creditori di somme che non riescono ad incassare ed il cui mancato arrivo può far crollare. Siamo tutti sulla stessa barca.

Molto spesso per i piccoli imprenditori la loro impresa è una sorta di famiglia allargata: conoscono personalmente i dipendenti. Quando un dipendente si sposa, il padrone viene invitato, quando nasce un figlio va a fare il padrino: la conclusione è che i problemi di denaro e di lavoro delle famiglie satelliti sono i problemi della famiglia madre, quella del padrone. Quando si arriva al suicidio, è un atto di disperazione affettiva. Aiutarlo quando sta per crollare è un dovere. Ed essere aiutato è un diritto. Lui da solo non ce la fa a far valere questo diritto. Questa gente non è disposta a confessare di non farcela più, di avere l'azienda in rosso: è una vergogna tale che il dolore del suicidio è meno intollerabile. Ma la vita vale infinitamente molto di più.

C'è un'idea forte da condividere per fare da mediatore tra gli indifferenti per fare sentire meno soli chi è vittima sulla propria pelle di queste situazioni incresciose. Il valore più grande che si può esprimere non è solo la disponibilità a difendere nei luoghi opportuni ed istituzionali ma la condivisione di una idea forte di speranza.

A mio parere, per continuare ad assolvere al meglio al proprio compito di cristiani-testimoni coerenti, è doveroso che tutti (anche i giornalisti, ovviamente) usino prudenza ed approfondimento prima di dare le notizie, andando verso la gente colpita da questi drammi e tutelandone la dignità, nel rispetto della verità. Senza paura di perdersi in questa società contraddittoria. Il nascere ed il morire portano sempre emozioni, passioni, gioie e sofferenze. E non potrebbe essere diversamente.

Nessuno conosce l'ora della propria morte. Bisogna onorare la morte, fermarsi per conferirle un senso, un rispetto, una dignità. Di questi tempi, a me spaventa più l'ignoranza dei vivi che la morte dei giusti. E mi ferisce, addolorandomi profondamente, chi smette di vivere perchè si arrende di fronte alle difficoltà. Alla famiglia ed agli amici di questi nostri compagni tranesi vanno tutta la nostra preghiera e la solidarietà umana. Che il Signore doni soprattutto a questi defunti un Paradiso in cui vivere felici senza molte sofferenze che li hanno colpiti in terra.
  • Crisi economica
Altri contenuti a tema
Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Un'iniziativa dell'Arcidiocesi e dell'Ordine dei commercialisti
Settore bancario in crisi, cosa sta succedendo? Settore bancario in crisi, cosa sta succedendo? Spallucci (Ucid): «È ora di assumersi responsabilità di scelte difficili»
La "crisi" che fa nascere la microcriminalità La "crisi" che fa nascere la microcriminalità L'ultimo furto in un bar del centro spinge ad una riflessione "sociale"
Istat, le cifre lo confermano: oggi fare figli è un lusso per pochi Istat, le cifre lo confermano: oggi fare figli è un lusso per pochi 10.000 euro la spesa media per sostenere solo il primo anno di vita
Crisi economica, per la Confesercenti Bat c'è rimedio Crisi economica, per la Confesercenti Bat c'è rimedio Il rimedio nell'incentivare lo sfruttamento turistico della città
Organizzazione del lavoro in città, il Pd ha la "ricetta" Organizzazione del lavoro in città, il Pd ha la "ricetta" Dotare il Comune di un albo delle cooperative e staff tecnico che segua i canali di finanziamento
I benzinai fanno “cartello” anche a Trani I benzinai fanno “cartello” anche a Trani Costituita da una settimana la locale rappresentanza della Faib
Un comitato di concertazione contro la crisi economica e le emergenze sociali Un comitato di concertazione contro la crisi economica e le emergenze sociali La bozza entro fine mese. Riserbato: «Una risposta concreta alle tante emergenze»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.