Avviso di chiamata

Buio Fitto

C’è di nuovo fermento tra i politici tranesi

C'è di nuovo fermento tra i politici del centrodestra tranese e di uno del centro sinistra. E' sempre così quando si sparge la voce che sta per arrivare Fitto. Oggetto della venuta, tanto per cambiare, una bega che una classe normale di politici, di governo o d'opposizione, avrebbe risolto in quindici giorni. Invece a Trani questi pseudo politici, fatte salve poche eccezioni, non sono in grado di produrre un atto, un servizio, un bene per se se stessi e per la cittadinanza, a partire da una nomina che dovrebbe essere pura routine. La proclamazione del Presidente del consiglio comunale, che rischia d'essere rinviata a divinis, sta diventando una certificazione lampante dell'incapacità di trovare accordi, produrre atti, spegnere la fame atavica di visibilità e poltrone che assale gran parte della nostra classe politica. I pretendenti alla poltrone appaiono come verginelle pronte a tutto pur di piacere al signore e padrone dell'harem pugliese. Come se non avessimo un sindaco, che certo, non ha potere decisionale sulla questione (il consiglio è sovrano) ma che come un buon padre di famiglia, potrebbe pure mettersi a tavola e riunire lui le vergini eccitate e in orgasmo e dirimere la questione, dobbiamo invece aspettare il padrone dell'harem, Raffaele Buio Fitto.

A Palazzo Fitto, ex Palazzo di città, dove non si è in grado nemmeno di trovare uno straccio di addetto stampa, un galoppino, una ricetrasmittente, un citofono, che passi un po' di note ai giornalisti (anche a quelli, merce rara, non allineati), in attesa che ci siano atti effettivi da divulgare, si punta al tirare a campare, per la gioia di tutti quei consiglieri che attendono frementi che siano nominate le commissioni per raggranellare un po' di soldi. Almeno per rientrare con le spese … Insomma Buio Fitto su tutti i fronti: dirigenti, ufficio stampa, presidente dell'agognata poltrona e commissioni annesse, veleni tra le macerie di partito: gli ex AN anche a Trani, come a livello nazionale sono ormai un corpo estraneo al PDL e basta parlare con qualcuno di loro per capire che non vedono l'ora di stracciare la tonaca di Don Giggino. Centro – sinistra che non sa se convenga più un Ferrante presidente dell'agognata poltrona o l' auto-azzeramento definitivo, in vista di nuovi riposizionamenti (l'alternativa è drammatica), con Vendola prossimo alle primarie e SEL che offre il posto di capogruppo a nonno Ugo e quei mulacchioni dell'UDC, futuro Partito della Nazione di "Piercasinando", che non aspettano altro, come avvoltoi, di continuare a sbocconcellare un po' di carcasse di altri partiti, per poi portarsi nella tana qualche altro elettore (a Trani ex democristiana non sarebbe un'impresa tanto difficile). E mentre gira una voce, clamorosa, quanto non confermata, secondo la quale il nuovo segretario PD, Brodino De Palma, non sarebbe poi tanto contrario a Fabri Sfibra presidente. Bisogna vedere che ne pensa chi dovrebbe poi votarlo (Mimmo il Fenomeno e Carlo A.), dopo le mazzate che si sono dati nell'ultima campagna elettorale. E tutto questo, come in ogni buona legislatura che si rispetti, mentre si dice siano in arrivo, nuovi clamorosi acuti della magistratura, sul fosco proscenio politico tranese. Anzi, più che fosco. Buio. Fitto.
  • Consiglio Comunale
  • Fabrizio Ferrante
  • Pdl
Altri contenuti a tema
Riduzioni Tari, Ferrante: «Frutto di un lavoro collettivo e non di una singola persona» Riduzioni Tari, Ferrante: «Frutto di un lavoro collettivo e non di una singola persona» Il commento all'indomani del "si" della Giunta sulla manovra di bilancio 2019
Primarie Pd, Fabrizio Ferrante "passa" l'esame: per lui è 8 in pagella Primarie Pd, Fabrizio Ferrante "passa" l'esame: per lui è 8 in pagella Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
1 Dimissioni Papagni, crisi olivicola e debiti: domani in Consiglio comunale Dimissioni Papagni, crisi olivicola e debiti: domani in Consiglio comunale Sono 24 i punti all'ordine del giorno
Dimissioni Papagni, crisi olivicola e debiti: il 7 marzo torna il Consiglio comunale Dimissioni Papagni, crisi olivicola e debiti: il 7 marzo torna il Consiglio comunale Prima convocazione alle ore 16
Lotta alla ludopatia, il Consiglio comunale approva la modifica del Regolamento Iuc Lotta alla ludopatia, il Consiglio comunale approva la modifica del Regolamento Iuc Prevista una riduzione della Tari per chi decide di eliminare dai propri esercizi commerciali le macchine da gioco
1 Iuc, compenso Revisori dei Conti e immobile in via Corte canina: oggi in Consiglio comunale Iuc, compenso Revisori dei Conti e immobile in via Corte canina: oggi in Consiglio comunale Anche dieci debiti fuori bilancio tra i punti all'ordine del giorno
Iuc, compenso Revisori dei Conti e debiti: il 29 gennaio ritorna il Consiglio comunale Iuc, compenso Revisori dei Conti e debiti: il 29 gennaio ritorna il Consiglio comunale Tra i punti all'ordine del giorno anche la trattazione di un immobile in via Corte canina
Consiglio comunale, squadra di maggioranza e numeri al lumicino? Consiglio comunale, squadra di maggioranza e numeri al lumicino? Anna Maria Barresi: «Le riserve sono pronte ad entrare»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.