Ospedale Bisceglie
Ospedale Bisceglie
Inbox

La commovente lettera di un paziente tranese ricoverato all'ospedale covid di Bisceglie

«Sono qui a testimoniare l’efficienza, la professionalità e non per ultima l’empatia che viene offerta da una struttura pubblica del Sud»

Salve,

sono qui per riportare la mia testimonianza come paziente risultato Covid positivo. Fino al momento in cui questo virus subdolo non entra prepotentemente nella tua vita, quando meno te lo aspetti, non riesci a comprendere cosa stia succedendo. Paura e incertezza. Quando poi le tue condizioni peggiorano tra disperazione e panico dei tuoi familiari devi prendere la decisione più difficile: dare il consenso per il trasferimento in ospedale. Il viaggio in ambulanza, il terrore di non rivedere i tuoi cari e l'arrivo in pronto soccorso; attimi che non potrai dimenticare. Gente che soffre e urla. La notte in un pronto soccorso può davvero farti cadere nel buio più profondo dei tuoi pensieri.

Ma è con il giorno seguente che è tornata la speranza: il ricovero nel reparto Covid 3 dell'Ospedale Civile Vittorio Emanuele II di Bisceglie, l'incontro con il personale medico, infermieristico e sanitario di supporto. Anche se bardati, dietro quelle mascherine, visiere e guanti ci sono persone che nonostante la stanchezza per i turni estenuanti varcano la soglia della tua stanza per ascoltare le tue richieste, per aiutarti e soddisfare ogni tuo bisogno di assistenza.

Sì siete persone ma non vi si può che considerare eroi, angeli, anime pure che ci sono vicine quando i nostri cari non possono. Il singolo diventa tutti, perché stiamo combattendo una battaglia comune.

E' per tutto questo che voglio ringraziare i medici, in particolare la Dot.ssa Maria Teresa Paradiso che mi ha seguito sin dall'inizio di questa "esperienza", gli infermieri e gli OSS. A voi va tutta la mia profonda gratitudine e ammirazione. Vorrei che le istituzioni possano davvero riconoscere il vostro impegno e comprendere quanto se pur stanchi cercate di portare luce e speranza nei reparti.

Questa è l'idea di sanità di cui ha bisogno il nostro Paese. Con orgoglio sono qui a testimoniare l'efficienza, la professionalità e non per ultima l'empatia che viene offerta da una struttura pubblica del Sud.

Come per ogni cosa a cui diamo importanza e a cui teniamo, anche la sanità ha bisogno di attenzione e supporto: per questo vorrei che tutto il personale fosse implementato in modo da poter affrontare questa battaglia con meno affanno e fatica.

Spero che con queste mie parole possa far comprendere come nonostante tutto io non mi sia sentito mai solo grazie a tutto il personale sanitario. Ancora infinitamente grazie! Con l'augurio di poter dire un giorno tutti insieme ce l'abbiamo fatta.

© 2001-2021 TraniViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.