Inbox

Le banche per far ripartire l'economia

Intervento di Mauro Spallucci (Ucid)

Il nostro territorio per ripartire ha bisogno di fiducia. Le risorse pare che ci siano. Allora per tornare ad investire è ovviamente necessario che di consolidino le aspettative di crescita. La qualità e la tempestività delle decisioni pubbliche, la stabilità e la certezze delle regole contano più delle disponibilità delle risiede finanziarie o dei costi necessarie per reperirle. Il credito della banche dovrebbe andare a chi ne ha necessità e non a chi non serve.

La politica per l'economia è tutto. Se la politica è frenante non c'è l'effetto mercato o il cosiddetto boom delle imprese o piccole industrie che tenga. Le nuove regole " rigoriste" per esempio sugli sconfinamenti porterebbero una mole considerevole di impieghi bancari nel mulinello del credito deteriorato. Il principale punto di forza delle banche è quello di dotarsi di sistemi e procedure di autorizzazione del credito in grado di resistere alle pressioni clientelari. Poiché il principio di imparzialità è fondamentale in tutte le burocrazie ma particolare nel settore bancario.

Ovviamente il sistema messo in piedi deve saper resistere anche a pressioni che vengano dall'alto. Il punto vero è che proprio nelle banche più piccole queste pressioni sono sempre esistite. Il desiderio di favorire l'amico, da cui in genere, ci si aspetta di essere ricambiato nel futuro è una pressione clientelare che molto banche hanno vissuto. Uno dei principi chiave e che nelle competenze delegate non ci devono essere interferenze di alcun tipo. Ovviamente i dipendenti bancari devono sapere tenere la schiena dritta e non devono mediare tra ordini potenzialmente contraddittori: la presenza di troppi cuochi rovinerebbe le pietanze. Inoltre bisogna che all'interno non di creano cordate dei manager e dei loro fedeli, i quali stabiliscono dei rapporti preferenziali in cambio di una implicita promessa di sostegno nella carriera.

Ovviamente è poi necessario che al di fuoti deu luoghi di decisioni non ci siano altre riunioni o accordi. Pertanto il rispetto delle regole non solo penale ma anche di buona gestione è fondamentale per salvare un bene importante come la reputazione di una banca. Ed anche i suoi conti. Inoltre gli alti dirigenti sono sempre più pagati a discapito di stipendi da dame di chi sta allo sportello. Ed intanto di solito le vittime di errori, di inefficienze e di disservizi sono i clienti. Alla luce delle recenti notizie di settore a questo punto bisogna aver imparato qualche lezione. I controlli non devono essere soltanto formali altrimenti il sistema fallisce.

Ci sono segnali premonitori che non vanno ignorati o peggio soffocati. I controllori e i controllati devono essere differenti. Il controllore deve dubitare senza che il controllato possa fare "qualcosa" per evitarlo. Infine la violazione delle regole è un costo che non deve ricadere sulla collettività. La comunità cresce anche con una buona banca locale. Perché la cura della casa comune non scarta nessuno.

Mauro Spallucci
vicepresidente diocesano Unione cristiana imprenditori dirigenti
  • banche
  • economia
Altri contenuti a tema
2 Zone economiche speciali, Trani esclusa dalla mappatura di Emiliano Zone economiche speciali, Trani esclusa dalla mappatura di Emiliano L'ex assessore De Biase: «Il governatore si ricordi che questa non è solo una città da sacrificare»​
Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Un'iniziativa dell'Arcidiocesi e dell'Ordine dei commercialisti
Banche pugliesi, semestrali chiuse in positivo Banche pugliesi, semestrali chiuse in positivo Confconsumatori: «Riduciamo i consigli d'amministrazione e i compensi»
Popolare di Puglia e Basilicata, i consumatori chiedono chiarezza Popolare di Puglia e Basilicata, i consumatori chiedono chiarezza L'Adoc: «Siamo fiduciosi nella magistratura»
Palazzo Palmieri, dopo l'infopoint ecco il bancomat Palazzo Palmieri, dopo l'infopoint ecco il bancomat Il Comune inoltra un avviso esplorativo agli istituti bancari per l'apertura
Bottaro e la sua futura Trani: ecco come la vorrebbe nel 2020 Bottaro e la sua futura Trani: ecco come la vorrebbe nel 2020 Nel protocollo d'intesa con Ance e Confindustria, il sindaco svela i propri obiettivi concreti
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.