Pina Chiarello
Pina Chiarello
Inbox

«Perché le donne in politiche non decollano?»

La riflessione dell'avvocato tranese, Pina Chiarello

Perché le donne in politica non decollano in Italia? Perché ogni volta che si propongono si chiede loro di non tralasciare il resto. Trascurare i figli? Sacrilegio. Ignorare il marito? Ma scherzi? Rallentare sul lavoro? Fosse facile. Guardate invece gli uomini: monoaffaccendati. Lavorano? I figli si scoprono solo nei weekend. Politica? Ignorano lavoro, figli, moglie...che poi lei lo sapeva infondo che la sia vita era fare la badante a tutti. E poi il politico uomo parla di politica, viaggia per politica, incontra i politici, si inventa un partito politico e non cura il suo aspetto perché si sa: il politico acchiappa a prescindere!

La politica donna invece deve essere in forma ma non bella (sennò è zoccola), deve saper vestire, parlare con garbo,mostrarsi indulgente, fare visita agli ospedali, abbracciare un bimbo, commuoversi, fare la spesa, e mai mai parlare di economia, di stabilità, di eurozona. No,non fa femmina. Mi si dirà che tutto questo succede a destra. Vero, verissimo. Basta guardarsi intorno, Meloni esclusa (e grido al miracolo di san Gennaro): a destra per pulisci le coscienze si sono inventati i coordinamenti pari opportunità dove non si fa niente, non si decide niente, però si parla (sport meglio praticato dalle donne) del nulla. E prova a dirlo ad un uomo di destra che è un maschilista: sgrana gli occhi, socchiude la bocca, porta la mano al petto e con tono imperioso snocciola la cantilena: Io? M se io le amo le donne! Le donne sono più intelligenti degli uomini...ah, se comandassero le donne il mondo andrebbe meglio".

Una presa per i fondelli più idiota non la conosco. Eh, ma a sinistra pure non scherzano: ti danno un ruolo apicale (ma non troppo) con accerchiamento maschile cosi non comandi nulla. Qualche ragionamento filosofico, inaugurazione qui e là, ma se sei pure l'amante del leader , ma solo allora, pure un poco di visibilità. Un ministero o un assessorato alle politiche sociali, pari opportunità, forse lavoro, ma senza troppa autonomia, per carità! Si dice: eh ma è colpa dee donne che in politica non si impegnano. Ah si? E prova tu, maschio temerario, a crescerti un paio di pargoli, a lavorare come una schiava,e poi a partecipare alle riunioni politiche che durano fino a notte con finale in pizzeria con i colleghi politici mentre il marito si spupazza la prole e cucina per tutti. Certo che potremmo impegnarci in politica se gli uomini imparassero a trasformarsi da MONOaffaccendati in PLUSaffaccendati, cioè come noi. Allora si che saremmo pari davvero e, chissà, qualche donna in più occuperebbe lo scranno più alto.

- avvocato Giuseppina Chiarello
  • Ordine degli avvocati
Altri contenuti a tema
Convegno su "Cyberbullismo, cybercrime e reati informatici"dell'Ordine avvocati di Trani Convegno su "Cyberbullismo, cybercrime e reati informatici"dell'Ordine avvocati di Trani In programma il 29 marzo ad Andria
La tutela penale della pubblica amministrazione, nuovo convegno promosso dall'Ordine degli Avvocati di Trani La tutela penale della pubblica amministrazione, nuovo convegno promosso dall'Ordine degli Avvocati di Trani Interverranno illustri esponenti del mondo giuridico
Rinnovato il consiglio dell'Ordine degli avvocati di Trani ma il presidente resta Tullio Bertolino Rinnovato il consiglio dell'Ordine degli avvocati di Trani ma il presidente resta Tullio Bertolino Tra i nuovi ingressi le avvocatesse Pia Panessa, Maria Colucci e Annalisa Marigliano
Nasce lo "sportello di prossimità" per quelle città senza tribunale Nasce lo "sportello di prossimità" per quelle città senza tribunale L'iniziativa dell'Ordine degli Avvocati di Trani
Corso sull'arbitrato, oggi il primo appuntamento Corso sull'arbitrato, oggi il primo appuntamento Al via il ciclo di incontri nella biblioteca storica dell’Ordine degli avvocati
1 Furti al tribunale civile: l'allarme dell'ordine degli avvocati Furti al tribunale civile: l'allarme dell'ordine degli avvocati Spariti oggetti dalle borse durante le udienze
Trattati di Roma, ancora un'opportunità?, se ne parla nella biblioteca storica Trattati di Roma, ancora un'opportunità?, se ne parla nella biblioteca storica Un convegno organizzato dall'Unione forense e dalla sede Udai Bat
Ordine degli avvocati, nominati due sub commissari del Foro di Trani Ordine degli avvocati, nominati due sub commissari del Foro di Trani Insieme ad Antonio Giorgino gli avvocati de Ceglia e Tedeschi
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.