Casa, Imu e tasse
Casa, Imu e tasse
Inbox

Tariffe Imu, Barresi: «Occorre da subito riconsiderare i valori indicati nei comparti redatti nel 2011»

La proposta della consigliera di Italia in Comune

Queste sono le occasioni che ci permettono, in modo chiaro, di risolvere i problemi dei cittadini attraverso la politica, svolgendo semplicemente il nostro mandato, infatti, vi sto parlando dell'IMU , non dell'imposta che paghiamo tutti sulle abitazioni, ma mi riferisco all'imposta che si deve pagare sulle aree fabbricabili site nel comune di Trani.

Era urgente e necessario, già quattro anni fa, fare il bilancio di quello che ha prodotto il nuovo strumento urbanistico in dotazione, infatti, l'attuale amministrazione avrebbe dovuto riscontrare l'inefficacia del piano urbanistico , al di là di ciò che riuscì con un grande sforzo a fare l'amministrazione di centro-destra, ovvero, produrre per la Città un documento epocale. Alla luce di quanto accaduto in questi ultimi tre-quattro anni l'amministrazione, detta del nuovo e/o del cambiamento, oggi si dovrebbe interrogare su i sacrifici che stanno affontando molti cittadini per quanto approvato allora. Si deve dare atto che l'attività espansiva prodotta dal nuovo strumento urbanistico oggi risulta essersi rivoltata contro. In particolare è giunto il momento politico di guardare in faccia la realtà, ed affrontare il problema dell'edilizia legata agli immobili produttivi. La costruzione di capannoni e opifici nelle zone industriali.

Vuoi la crisi economica che si è abbattuta sul nostro paese, in particolare quella che ha colpito tutti i settori presenti sul nostro territorio, quali: la lavorazione della pietra, la produzione di calzature, l'edilizia etc., vuoi per una previsione avveniristica ed irreale di espansione delle zone industriali, sta di fatto che il settore edile legato alla costruzione di immobili produttivi è stato praticamente azzerato. Anzi, in alcuni casi, si è assistito alla momentanea messa in inagibilità degli immobili produttivi esistenti e sfitti da anni, su tutto il territorio della Città in parcitolar modo situate a Nord.

Esaminando il PUG, anche per chi non è esperto in materia, è evidente che questo prevedeva nell'arco di vent'anni l'espansione della zona industriale esistente di almeno cinque volte l'attuale. Siamo realmente consapevoli che questo non si avvererà ne oggi ne fra 100 anni. I contribuenti "fortunati" che hanno visto prima con delizia il fatto che il loro suolo era stato inserito nella zona industriale, ora sono passati allo sgomento peri aver capito che il loro suolo non sarà mai realmente industriale, che sta costando agli stessi concittadini un botto in contributi IMU e che praticamente sono fuori dal mercato con capannoni "invendibili", e terreni con destinazione industriale che mai saranno realizzati.

Nella vendita il più delle volte il valore minimo da dichiarare in caso di vendita del suolo è superiore al prezzo di vendita, quindi, bisognerebbe pagare le tasse su di un valore di acquisto superiore del prezzo effettivo di vendita, per non incorrere in accertamento da parte dell'Ufficio delle Entrate. Come si fa a creare nuove aree di espansione delle zone industriali, senza aver peraltro Urbanizzato sia quelle esistenti che le nuove, vista la scarsità di risorse finanziarie del Comune?

Quindi sarebbe logico, da amministratori, essere attenti alle richieste dei cittadini, avere la sensibilità di capire che esistono comparti extra-urbani, centri edificatori in zone di espansione che non riusciranno mai ad essere edificate, senza parlare di coloro che hanno piccoli appezzamenti di terreno presenti in grossi comparti e/o terreni nella zona Agricola Speciale, dove sarà necessario mettere d'accordo più proprietari per poter edificare e l'assurdo e che si lascia ai proprietari dei suoli il compito di unirsi, trovare un accordo e presentare un piano di urbanizzazione. Questa è fantascienza.

Ed è qui che la tassa patrimoniale IMU diventa assolutamente vessatoria ed iniqua per i cittadini in un momento storico fortemente mutato in questi ultimi anni a seguito delle valutazioni intervenute negli ultimi tempi, vedi i nuovi vincoli dell'autorità di bacino, valori di mercato cambiati dove i vincoli, le prescrizioni, le norme, si intersecano, si annullano e si ripresentano senza alcun senso logico. Alla luce di ciò l'amministrazione attuale dovrebbe fare da subito un vero atto di coraggio a favore dei cittadini con l'approvazione della delibera consiliare delle tariffe IMU, occorre da subito rivisitare i valori indicati nei comparti redatti nel 2011, qui accluse, un atto dovuto da noi amministratori pubbblici senza che via sia rivendicazione di alcun colore politico.

E' per questo importante motivo che ho presentato, in data 26/03/2019, una proposta di modifica e revisione dei valori di stima delle aree fabbricabili che verrà presentata al prossimo Consiglio Comunale.


Anna Maria Barresi - Consigliere "Italia in Comune"
  • Imu
Altri contenuti a tema
Agevolazioni Imu sui terreni, Barresi: "L'Amministrazione sta cercando di rallentare il percorso" Agevolazioni Imu sui terreni, Barresi: "L'Amministrazione sta cercando di rallentare il percorso" La consigliera di Italia in Comune chiede chi e perché impedisce il provvedimento
Imposta unica comunale, approvate le aliquote Imu del 2018 Imposta unica comunale, approvate le aliquote Imu del 2018 Confermate anche le agevolazioni già in vigore nel 2017
Imu, il Consiglio comunale conferma le aliquote dell'anno scorso Imu, il Consiglio comunale conferma le aliquote dell'anno scorso Il provvedimento approvato con 18 voti favorevoli
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.