My Two Cents

La politica del fare

Non fai nulla? Sbagli perchè s’ha da fare

Neppure la boccheggiante calura estiva impedisce ai diffidenti di continuare a diffidare e ai polemici di polemizzare. Non fai nulla? Sbagli perchè s'ha da fare. Fai? Sbagli perché non hai fatto bene. Hai fatto questo? Potevi fare quello. E in fin dei conti se hai fatto chissà cosa c'è sotto. Insomma, per quanto uno si attrezzi ed organizzi con quel che ha per realizzare, la manina polemica e sospettosa rimesta per il sol gusto di rimestare.

Questa estate, dopo una incessante, legittima e seria critica sulle condizioni igieniche della città, sulla situazione di difficoltà economiche delle famiglie, l'amministrazione comunale articola un progetto finalizzato a due scopi: sopperire alla inciviltà (non s'era detto che se il cittadino o il turista sporca è tutta colpa degli amministratori che non si attivano?) e consentire a famiglie in difficoltà un lavoretto dignitoso ( non s'erano fatti i tavoloni anticrisi pieni di parole e niente fatti?). Bene: trovato il capitolo di spesa si è proceduto all'affidamento.

Le spiagge e le piazze di Trani sono più pulite e qualche famiglia ha uno stipendio garantito almeno per un pò. Non ci si aspettavano gli applausi certo, ma un garbato e consapevole silenzio, quello sì! E invece via con la raffica di inutili domande senza senso: perché non lo ha fatto l'Amiu? Perché 170mila euro? Perché presi dal capitolo dei servizi sociali se si tratta di ambiente e sicurezza? Le risposte sono ovvie e fa specie doverle dare: l'Amiu non aveva personale a disposizione, doveva assumere a tempo indeterminato con concorsi pubblici, ossia avremmo fatto forse il servizio tra un anno e più; l'importo tiene conto del costo del personale, degli straordinari notturni, della messa in sicurezza dei lavoratori, delle attrezzature ed altro. Infine, i servizi sociali per più di un anno e mezzo non hanno consumato questo danaro che pure era inserito nella voce di lotta alla povertà e disoccupazione, dirottando una parte per i disabili (a cui va tutta la mia comprensione ma che godono pure di altri capitoli di spesa).

Se chi fa sbaglia, lieti di aver sbagliato, ma francamente è un gran piacere vedere piazze e spiagge più pulite e gente in difficoltà più serena. E se vogliamo dirla tutta, l'unico vero cruccio è non avere più soldi per garantire un servizio più lungo ed ancora più accurato. Ma non è detto, scavando scavando tra un rivolo e l'altro dell'intricato bilancio troveremo qualche altro capitolo dimenticato. Che volete è la politica del fare, quella che abbisogna di azioni rapide . Per le parole, i progetti-sogno, le diffidenze e le polemiche c'è sempre tempo.
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.