Optional

Sospensioni rotte e politica ai box

Due diversi aspetti della nostra città… E intanto anche Miranda se ne va

Peccato. Molti tranesi avrebbero voluto danneggiare per conto proprio le sospensioni delle loro auto, magari tramite "imboscamenti" amorosi con le proprie ragazze, in quei tranquilli luoghi appartati, prevalentemente campagnoli…
E invece niente da fare: questo sottile gusto, per il quale magari vantarsi con un amico, viene rovinato e reso snervante dalle condizioni delle strade di Trani e dall'incuria della nostra Amministrazione verso il problema. Passi per le piogge frequenti, passi per il transito su alcune delle strade in questione di mezzi pesanti, ma non è possibile lasciarle in quello stato pietoso per settimane e settimane, con auto traballanti e automobilisti sull'orlo di una crisi di nervi e appunto…sospensioni rotte.

O non ci sono più soldi nemmeno per riparare le strade o si patisce l'addio dell'assessore ai lavori pubblici Miranda, già da tempo isolato dal resto della maggioranza, (quindi forse demotivato) dimessosi già dall'altro ieri, con un altro pezzo di governo locale che si frantuma. Getta la spugna una persona che, pur con tutti i difetti di questo mondo, ha cercato di essere presente, per lo meno, a differenza di altri suoi colleghi, sui problemi di sua competenza.
La politica tranese con le gomme flosce di questo periodo, parcheggia tristemente ai box, nascondendo pateticamente le divisioni di una maggioranza incapace di governare con programmi a lungo e medio termine. Se diciamo "pateticamente", pensiamo quasi con disagio ad un'intervista imbarazzante per noi cittadini e credo fomentatrice d'ilarità per quelli dei paesi limitrofi, andata in onda su un'emittente locale, nella quale Carlo Laurora, protagonista egli stesso di duelli con altri alleati – nemici , ha candidamente affermato che non c'è bisogno di riappacificare gli animi nella maggioranza, perché non ci sono state mai divisioni e le polemiche sono state create ad arte da chi ha intenzione di strumentalizzare…

Beh! Non sappiamo se in queste parole ci sia buona o cattiva fede, volontà di spegnere i fuochi perché in fondo tirare a campare conviene a tutti o incoscienza o intenzione di dare un'immagine che non c'è alla massa del pubblico, pronto a sorbire il "dolcificante" fasullo, ma una cosa è certa… Questa politica da fine stagione, con buon governo ed efficienza svenduti ai saldi sul mercato dei ricatti, della concorrenza tra mezze "cugnette" e bulimia famelica da incarichi e da interessi dei singoli, fa venir voglia di avviarsi ai box, per ripartire ancora una volta da zero o isolarsi in qualche luogo tranquillo per consolarsi, come dicevamo in apertura, rompendo sospensioni, non certo per colpa delle buche…In questo periodo deprimente, le distrazioni non sono un optional…
    Optional

    Optional

    L'opionione opzionale di Giovanni Ronco

    Indice rubrica
    Esempi da emulare 28 febbraio 2006 Esempi da emulare
    Perchè? 24 febbraio 2006 Perchè?
    Un doveroso tributo 21 febbraio 2006 Un doveroso tributo
    Capolinea! 17 febbraio 2006 Capolinea!
    Come un martello pneumatico 14 febbraio 2006 Come un martello pneumatico
    Capirro kaput 10 febbraio 2006 Capirro kaput
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.