Riscoprendo Trani

Epitaffio della Disfida

Lontano dagli occhi ma non dal cuore

Che in città ci siano numerosi siti di interesse storico in stato di abbandono è cosa acclarata. Pensate un pò come sia la situazione in campagna. Facendo un giro per l'agro tranese ci possiamo accorgere di quanto sia antica la storia di Trani. Eppure, come un nonno che viene abbandonato dai propri nipoti, così l'epitaffio che ricorda la Disfida di Barletta, giace in un luogo sperduto vittima dell'incuria e del disinteresse. « Lontano dagli occhi, lontano dal cuore» mormora Giuseppe Giusto, dell'associazione Obiettivo Trani.

Nel corso degli anni, più volte è stato levato il grido: «Salviamo quel monumento». Questo ci fa capire che, probabilmente, non è proprio lontano dal cuore di tutti. In più occasioni Giuseppe Giusto si è interessato al monumento raccogliendo in un dossier, oltre alla storia, anche delle proposte per la rivalutazione. Individua, anzitutto, il degrado: una delle due colonne che riporta le epigrafi poste ai lati dell'ingresso al tratturo è scomparsa;. Le lapidi e lo stemma risultano danneggiate, ciò che rimane del serto bronzeo sistemato nel 1975 è arrugginito. Dal 2003 la situazione è peggiorata poiché, oltre alle erbacce, il monumento è deturpato da scritte fatte con le bombolette spray. La proposta di Giusto consiste essenzialmente nella costruzione di un colonnato coperto a forma di semicerchio che includa il monumento esistente. Su ogni colonna si potrebbero scolpire i nomi dei tredici cavalieri italiani e davanti al colonnato ritagliare uno spazio utile per contentere una quantità di persone per lo svolgimento di eventuali manifestazioni. La proposta, dal 2007, è stata posta nel dimenticatoio, insieme al monumento.

Alcuni giovani dell'associazione Fare Verde si ripropongono ogni anno di ripulire il monumento. «Anche quest'anno - anticipa Andrea Moselli, presidente dell'associazione - ci muniremo di quanto necessario e ci arrampicheremo sull'epitaffio per ripulirlo e ricordarne la storia».

Il 13 febbraio del 1503 fu combattuta fra tredici cavalieri italiani e tredici cavalieri francesi la famosa Disfida di Barletta. L'epico fatto di armi avvenne in territorio di Trani, giacchè la città, per essere in quell'anno sotto il dominio Veneto, rappresentava una piccola Svizzera, nel quale aggiudicarsi l'Italia. Il luogo dove fu combattuta la Disfida è posto in contrada Sant'Elia che si incunea, al di là della provinciale che congiunge Andria a Corato, nel cuore dei territori di questi Comuni. La tenuta di Sant'Elia appartenne ai benedettini del convento di Santa Maria di Colonna fino al 1441, anno in cui fu ceduta in permuta a Berlingiero de Miro. In ogni caso, prima del 1503, forse per annullamento dell'atto di permuta, tutta la vasta tenuta di Sant'Elia, che si estendeva per 500 ettari, passò in proprietà del Capitolo metropolitano di Trani che la detenne fino alla legge di soppressione degli Enti ecclesiastici del 1866. In ricordo della disfida, Ferrante Caracciolo, duca d'Airola, fece erigere nel 1583 un monumento con iscrizione in latino dettata dall'umanista Petro Angeli. Il monumento fu abbattuto nel 1805 dai francesi di stanza in Puglia ma venne riedificato nel 1846 a cura del Capitolo metropolitano di Trani.

All'ingresso del viale che porta all'epitaffio vi sono due pilastri in pietra con la riproduzione dello stemma di Trani con le seguenti iscrizioni: «Qui nel 1503, si pugnò la Disfida dei tredici sul terreno neutrale di dominio Veneto. Bel fatto di valore italico contro l'arroganza degli invasori in età ignava» e «A XIII febbraio MDIII in equo certame contro tredici francesi qui tredici d'ogni terra italiana ricomposero la patria dilaniata nell'unità dell'onore antico e tra due invasori provarono che dove l'animo sovrasti la fortuna gli individui e le nazioni risorgono». Tutte e due le epigrafi riprodotte furono dettate da Giovanni Bovio.

L'epitaffio della Disfida è notificato come bene d'interesse storico ai sensi della vigente legislazione per la tutela del patrimonio artistico della Nazione. Sia il manufatto che il campo sul quale fu combattuto il glorioso scontro, meriterebbero i provvedimenti più opportuni per la loro conservazione e la loro valorizzazione.

Come raggiungere l'epitaffio: da Trani dirigetevi verso Corato e proseguite sulla strada provinciale SP231 (ex statale 98) in direzione Andria/Foggia. Dopo pochi chilometri, prima di giungere ad Andria, troverete lo svincolo con l'indicazione turistica "Epitaffio della Disfida". La cartellonistica vi guiderà fino al luogo esatto.

Hanno collaborato Giuseppe Giusto e Saverio Cortellino
16 fotoEpitaffio della Disfida di Barletta
Epitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di BarlettaEpitaffio della Disfida di Barletta
Questa è la traduzione dell'epigrafe sull'epitaffio:

O passeggier, se gli atti egregi a te sono cari,
di valenti guerrieri leggi i fatti precari;
tredici Itali prodi sul campo dell'onore
contro altrettanti Franchi spinse di patria amore.
Marte ispira le schiere di gloria sitibonde
ed alle parti avverse forze ed ardore infonde;
l'una all'altra e per numero, per anni ed armi euguale,
ad ambe è pari onore morir per suol natale
deciser la tenzone la sorte ed il valore
E chi vincer dovea rimase vincitore:
qui l'arroganza galliga al suolo fu prostrata
al Franco vinto all'Italo quivi la man fu data
  • Storia di Trani
  • Disfida di Barletta
  • Andrea Moselli
Altri contenuti a tema
Masino: l'ultimo cocchiere tranese Masino: l'ultimo cocchiere tranese I luoghi della memoria di Giovanni Ronco
Disfida di Barletta, ripulito l'epitaffio da cittadini e amministrazione Disfida di Barletta, ripulito l'epitaffio da cittadini e amministrazione A partecipare anche l'assessore di Gregorio e il consigliere di Tondo
Oggi volontari in azione per ripulire l'Epitaffio della Disfida in contrada Sant'Elia Oggi volontari in azione per ripulire l'Epitaffio della Disfida in contrada Sant'Elia L'iniziativa di Andrea Moselli estesa ad amministratori e cittadini
Damiano Carola: ci lascia un vero custode della Storia tranese Damiano Carola: ci lascia un vero custode della Storia tranese Ex dipendente comunale si è spento all'età di 73 anni
1 #siamosolocustodi, ripulito anche quest’anno l’epitaffio della Disfida #siamosolocustodi, ripulito anche quest’anno l’epitaffio della Disfida Sul sito tra Trani e Corato il gruppo di volontari guidato da Andrea Moselli
Epitaffio della Disfida, anche quest'anno sarà ripulito dai volontari Epitaffio della Disfida, anche quest'anno sarà ripulito dai volontari Si rinnova l'appuntamento annuale di "Siamo solo custodi"
6 Chiude "Bizzarro", resiste Vittorio! Chiude "Bizzarro", resiste Vittorio! Cessa l'attività dopo 30 anni ma l'instancabile Cassinesi è pronto a reinventarsi
Piracci e la sua ultima grande testimonianza: La storia di Trani Piracci e la sua ultima grande testimonianza: La storia di Trani STANDING OVATION – Le recensioni di Giovanni Ronco
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.