Riscoprendo Trani

L'eredità (nascosta) di Sant'Agata

I tesori dimenticati della Trani sotterranea

Ripubblichiamo questa puntata di Riscoprendo Trani dedicata alla chiesa di Sant'Agata con alcuni scatti fotografici realizzati, grazie alla gentile concessione del proprietario, all'interno dei locali sotterranei che in passato ospitavano l'antica chiesa.

Si è molto discusso, durante l'esecuzione dei lavori in piazza Longobardi sull'ispezione dei resti della chiesa dell'Annunziata. Ma è l'unica i cui resti giacciono sotto il livello stradale o la Trani sotterranea nasconde dimenticati altri segni, altri tesori nascosti? La toponomastica ci viene in aiuto. Alla fine del XVIII secolo si cominciarono a intitolare le strade, con indicazioni comprensibili a tutti, prendendo come punti di riferimento le chiese o le famiglie più conosciute. Un sistema semplice e pratico che rappresenta una vera risorsa.

Prendiamo il caso di una via forse poco conosciuta: via Sant'Agata prende il nome dall'omonima chiesa. Le prime tracce della sua presenza sono riscontrabili in un testamento del 1199, sono riportate da Arcangelo Prologo nell'opera "Le carte che si conservano nell'archivio del Capitolo metropolitano della città di Trani". La chiesa di Sant'Agata, dedicata alla martire catanese, aveva l'ingresso nell'omonima via e presumibilmente nella piazzetta antistante. Oggi, sotto il livello del manto stradale, è possibile vedere ciò che resta della cripta. Noi siamo scesi ed abbiamo potuto ammirare le colonne ancora esistenti.

Questa chiesa ha lasciato testimonianze importanti per la nostra storia. Dal registro delle visite si evince che l'Arcivescovo Paolo Ximenes nel 1678, visionava l'altare del Santissimo Crocifisso: un rilievo marmoreo fondato e eretto da Emilio Azzaroli e Clarice Maraldizio. Francesco Sarlo, ispettore onorario dei monumenti di Trani dal 1879 al 1906, ottenne da Domenico Capocchiani il prezioso reperto. Sarlo fu il primo a raccogliere e catalogare i frammenti scultorei della città, sistemandoli nel sottoscala della Cattedrale. Oggi sono esposti nel museo diocesano. Secondo Benedetto Ronchi la crocifissione è uno dei cimeli più interessanti del museo. Il Cristo ha il capo reclinato sulla spalla, le mani inchiodate e i piedi che poggiano su una mensola. Le figure di Maria e di San Giovanni si differenziano per il panneggio: pieghettato il primo, ampio e morbido il secondo. Come ritiene il D'Elia può esser attribuito a maestranze locali del XIV secolo.

Sarlo riporta che, nel rimuovere un gradino nella casa che insiste sull'area di Sant'Agata, si ebbe la grata sorpresa di trovare scolpito un volto fiancheggiato da due stemmi. La lastra era la parte superiore del monumento sepolcrale di Emilio Azzaroli, ritratto centralmente ed ai cui lati figuravano gli stemmi delle famiglie Azzaroli (a destra) e Maraldizio (a sinistra). Con il consenso della proprietaria, Sarlo ottenne quel frammento (grazie anche ad una regalia di 4 lire concessa ai muratori). Lo trasportò nel sottoscala della Cattedrale ed anche questo è visionabile oggi nel museo diocesano.

Un'altra testimonianza della famiglia Azzaroli è presente nel centro storico: stiamo parlando dell'arco di via Accetta. Nel XVIII secolo, Domenico Azzaroli junior, restaurando dei suoi fabbricati, costruì l'arco, allargando il vicoletto da cui non passava neanche un asino da mugnaio, a sue spese per utilità sua e dei suoi cittadini, apponendo una lapide a memoria a cui aggiunse una frase in greco:
EI TI KAKIAΣ ΔIA ΓEITONA KAKON
(Se per il vicinato v'è da deplorare qualche cosa di sporco, è per opera dei cattivi)
Altra curiosità: nel fabbricato che oggi insiste sull'area di Sant'Agata, è presente una lastra di sarcofago tagliata in due poiché riusata per gli stipiti del balcone. La lastra sepolcrale, del XV secolo proviene probabilmente da un sepolcro della Cattedrale. E' riconducibile ai prelati Pietro e Giacomo Rogadeo, nobile famiglia impiantata a Trani dai tempi più remoti come dimostra la presenza in città di palazzo Rogadeo, oggi sede dell'Arcivescovado.

Si ringrazia per la collaborazione Monsignor Saverio Pellegrino (responsabile dell'ufficio diocesano per l'arte sacra e i beni culturali).
19 fotoLa chiesa di Sant'Agata
Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)Chiesa di Sant'Agata (1199)
  • Storia di Trani
Altri contenuti a tema
Damiano Carola: ci lascia un vero custode della Storia tranese Damiano Carola: ci lascia un vero custode della Storia tranese Ex dipendente comunale si è spento all'età di 73 anni
6 Chiude "Bizzarro", resiste Vittorio! Chiude "Bizzarro", resiste Vittorio! Cessa l'attività dopo 30 anni ma l'instancabile Cassinesi è pronto a reinventarsi
Piracci e la sua ultima grande testimonianza: La storia di Trani Piracci e la sua ultima grande testimonianza: La storia di Trani STANDING OVATION – Le recensioni di Giovanni Ronco
"Racconta Storie", partono oggi le visite guidate natalizie "Racconta Storie", partono oggi le visite guidate natalizie Quattro appuntamenti con la storia di Trani nel centro città
Echi del Settecento, la storia locale entra a Santa Teresa Echi del Settecento, la storia locale entra a Santa Teresa Il nuovo volume di Maccon e Cortellino sarà presentato sabato 19 dicembre
Hastarci, una targa e una strada per il partigiano Andrea Esposito Hastarci, una targa e una strada per il partigiano Andrea Esposito Il tranese, fucilato a piazzale Loreto, era un operaio e militante
Degrado e abbandono per la Torre dell'orologio Degrado e abbandono per la Torre dell'orologio L'indifferenza intorno al secondo simbolo cittadino, ecco la video-denuncia
Piazza Libertà, si celebra oggi l'omaggio ai martiri Piazza Libertà, si celebra oggi l'omaggio ai martiri Il luogo è intitolato alle vittime della Repubblica Partenopea nel 1799
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.