Carrelli portadocumenti
Carrelli portadocumenti
Attualità

Alla Procura di Trani arrivano i carrelli porta documenti "green"

In materiale facilmente riciclabile e con materia prima rigenerata di qualità

Da oggi i fascicoli della Procura di Trani viaggeranno su 10 carrelli portadocumenti realizzati in materiale facilmente riciclabile e con materia prima rigenerata di qualità.

La scelta della Procura tranese di dotarsi di prodotti derivanti dal riciclo di rifiuti inseriti in una filiera virtuosa di tracciabilità va nella direzione di sensibilizzare la Pubblica Amministrazione sulla necessità di acquisti verdi, nella consapevolezza che ricorrendo a manufatti prodotti secondo il principio del minor impatto ambientale ed incentivando il mercato di beni in grado di essere valorizzati alla fine del loro ciclo di vita, si può contribuire in modo concreto alla vera transizione ecologica.

La normativa ambientale chiede agli Uffici pubblici di avviare pratiche sostenibili. Agli Uffici giudiziari è dunque richiesto, oltre che di svolgere la funzione giurisdizionale in campo ambientale, anche di rendersi attori consapevoli e promotori di buone pratiche ambientali.

E' l'inizio di un nuovo percorso che porti sempre più Procure e altre Pubbliche Amministrazioni a scelte rigorose e attente nei confronti dell'ambiente. Prevenire la produzione di rifiuti non facilmente recuperabili a fine vita è un'azione da compiere anche tenendo conto che si agisce per prevenire l'inquinamento ma pure per ridurre quelle situazioni in cui trova spazio il rischio di traffici illeciti, con grave danno per l'ambiente e l'economia. Grazie alla sensibilità del Consorzio nazionale dei rifiuti dei beni in polietilene PolieCo, da anni impegnato nella promozione delle buone prassi ambientali, la Procura di Trani ha potuto dotare ogni articolazione dell'Ufficio, di carrelli che, oltre a essere sostenibili, hanno anche il valore aggiunto di essere leggeri e di rendere così più agevole il compito dei lavoratori addetti al trasferimento dei fascicoli.

Il Consorzio Polieco ha fornito alla Procura di Trani di carrelli realizzati da una propria impresa consorziata, quale nell'ambito di un progetto più vasto che presto vedrà nuove forniture per altre sedi pubbliche, da nord a sud del Paese.
  • Procura di Trani
Altri contenuti a tema
Siglato protocollo d'intesa tra Ania e Procura di Trani per attività antifrode Siglato protocollo d'intesa tra Ania e Procura di Trani per attività antifrode Disciplinate le prassi operative più efficaci per maggiore fluidità e velocità di circolazione delle informazioni
Mafie nella Bat, il procuratore Nitti: «Qui clan aperturisti e tolleranti» Mafie nella Bat, il procuratore Nitti: «Qui clan aperturisti e tolleranti» Il procuratore capo: «Non c'è controllo esclusivo del territorio»
Investimento mortale sui binari, aperta un'inchiesta dalla Procura di Trani Investimento mortale sui binari, aperta un'inchiesta dalla Procura di Trani Ancora tanti gli interrogativi sul decesso del 49enne tranese
9 Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale nell'economia del territorio» Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale nell'economia del territorio» L'allarme lanciato dal Procuratore della Repubblica di Trani nel convegno «Commercialisti, gli strumenti di protezione dai rischi di riciclaggio»
Incidente aereo a Trani, la Procura apre un'inchiesta Incidente aereo a Trani, la Procura apre un'inchiesta S'indaga per disastro aviatorio colposo e duplice omicidio
Sette anni dalla scomparsa del dott. Nicola Barbera, il ricordo del suo garbo Sette anni dalla scomparsa del dott. Nicola Barbera, il ricordo del suo garbo La brillante carriera, il ruolo di Capo della Procura tranese
Favori in divisa, ora tocca al giudice: udienza preliminare fissata il 12 aprile Favori in divisa, ora tocca al giudice: udienza preliminare fissata il 12 aprile 32 gli imputati, uno ha chiesto il rito abbreviato. Alla sbarra anche tre Carabinieri e un agente della Polizia Penitenziaria
Progettava lettere anonime per "distruggere l’immagine professionale" di un magistrato della Procura di Trani Progettava lettere anonime per "distruggere l’immagine professionale" di un magistrato della Procura di Trani Ai domiciliari un avvocato barese nell'ambito dell'indagine "Levante" della DDa di Bari
© 2001-2023 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.