Apatheia

Inter-detto tra noi

Da oggi mi vergogno un po' meno di essere italiano

Sicuramente vi aspettate che vi parli di Berlusconi. Può darsi anzi, quasi quasi. Due frasi mi hanno molto colpito in riferimento a questa triste vicenda tipicamente italiana - da altre parti sarebbe finita prima se mai si fosse avverata - e sono: «Solo così la sinistra poteva vincerlo» e «Se è interdetto lui siamo nove milioni di italiani interdetti». Le due affermazioni mi hanno colpito perché sono drammaticamente vere.

Berlusconi rappresenta da più di vent'anni il prestanome delle virtù degli italiani, le virtù agognate e pubblicizzate alla televisione, il desiderio escatologico di ognuno, rappresenta la ricchezza raggiunta costi quel che costi, le belle donne senza distinzione di razza ed età che si possono avere sempre, anche quando si invecchia, altro che aver paura della morte tra un nipotino che piange ed uno che ha fatto la cacca. Berlusconi ha preso su di se tutti i desideri del mondo ed ha dato i suoi figli per la sua salvezza.

Cari compagni frustrati, non è lui il colpevole, capisco il disagio nel vedere crocifisso il messia del benessere personale, senza sensi di colpa ma non mi spiego la preoccupazione. Il nostro popolo, ex popolo di navigatori, di santi, poeti ed eroi, non ci metterà molto a trovare una nuova capra espiatoria, un altro maestro di vita. Ma sarà di nuovo un innocente da sacrificare in nome di un popolo che partorisce figli con immensi ed eclettici desideri tra il fare la velina ed il fare il calciatore per diventare ricco e famoso.

Che ci siano svariati milioni di italiani con il desiderio di diventare subito ricchi senza troppi intoppi non mi stupisce, se a questi milioni si aggiunge qualche altro milione di italiani che guardano la D'Urso che piange, Fede che bestemmia ed altri discepoli, la frittata è fatta. È più faticoso studiare, essere coerenti, rispettare gli altri, sperare nell'uguaglianza sociale e che nessuno resti indietro, solo e abbandonato. Meglio partecipare alla selezione per diventare velina, avere Berlusconi come faro e, se Papa Francesco non la smette di fare quello che diceva Gesù, tra un po' anche la chiesa finisce insieme ai giudici comunisti.

Da oggi non cambia niente, restiamo italiani. Fuori dalla nostra Italia, quando ci riconosceranno, non diranno più con quel sorriso sardonico: «italiano? Berlusconi?» Torneranno a dirci: «Italiano? Pizza e mandolino?».

Da oggi, sconfitto e amareggiato perché la sinistra non ha battuto Berlusconi sul campo e per non far parte di quei nove milioni di perseguitati, però, tutto sommato, con un senso di vergogna, che mi portò addosso insieme al debito pubblico, diminuito.

Sì, da oggi, mi vergogno un po' meno di essere italiano.
  • Inchieste Berlusconi
  • Rino Negrogno
Apatheia

Apatheia

La rubrica di Rino Negrogno

Indice rubrica
La telefonata 6 marzo 2015 La telefonata
Le primarie 15 febbraio 2015 Le primarie
Il professore di Trani 25 gennaio 2015 Il professore di Trani
Terra mia 13 gennaio 2015 Terra mia
Le  "dita " 31 dicembre 2014 Le "dita"
Altri contenuti a tema
All'auditorium San Luigi la presentazione di "Codice Rosso" di Rino Negrogno All'auditorium San Luigi la presentazione di "Codice Rosso" di Rino Negrogno Appuntamento il 17 aprile
L'infermiere-poeta, lo chiamano così Rino Negrogno L'infermiere-poeta, lo chiamano così Rino Negrogno E domenica presenterà il suo nuovo libro "Il Miracolo"
Rino Negrogno a Bisceglie testimonial contro la violenza sui bambini Rino Negrogno a Bisceglie testimonial contro la violenza sui bambini All'incontro ha preso parte anche la professoressa tranese Anna Caiati
Rino Negrogno presenta il suo primo romanzo, "Interludio" Rino Negrogno presenta il suo primo romanzo, "Interludio" Appuntamento questa sera presso la libreria Luna di Sabbia
Quel sorprendente Interludio Quel sorprendente Interludio L’opera prima di Rino Negrogno. La recensione di Giovanni Ronco
Mazzilli (Sel), strigliata a Santorsola e Negrogno Mazzilli (Sel), strigliata a Santorsola e Negrogno «Sono considerazioni a carattere personale, non sono autorizzati a parlare per Sel»
Luci ed ombre delle primarie: le considerazioni di Negrogno e Santorsola Luci ed ombre delle primarie: le considerazioni di Negrogno e Santorsola «Non vi salta in mente che la vittoria di Bottaro possa non essere stata un complotto?»
"Caso bimbi Rom", Negrogno (Sel) plaude al comportamento del Dirigente "Caso bimbi Rom", Negrogno (Sel) plaude al comportamento del Dirigente «Siamo razzisti tra di noi, figuriamoci con gli zingari»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.